lunedì 24 marzo 2014

Partita stregata!

Primo tempo da rivedere con Handanovic che ci ha salvato in un paio di occasioni, ma con un pareggio tutto sommato giusto perchè entrambe le squadre hanno creato diverse palle gol. Ripresa a senso unico, con una sola squadra in campo che si è dovuto infrangere contro una miriade di pali e traverse, una sfortuna infinita culminata con il gol beffa a tempo quasi scaduto degli avversari. Questo è il racconto in poche parole di Inter Atalanta, finita 2-1 per gli ospiti. Per quanto riguarda il primo tempo ci sono molte cose da migliorare, soprattutto l'approccio alla gara che è stato troppo molle e timoroso, ma nella ripresa non c'è stata partita, con un Inter straripante che ha schiacciato l'avversario nella sua metà campo senza però riuscire a mettere dentro una sola cavolo di palla. Pali, traversa, ciabattate assurde, alla fine arriva il cross della disperazione dell'Atalanta, dimentichiamo Bonaventura da solo in mezzo all'area ed ecco lì la sconfitta assolutamente incredibile e immeritata. Alla squadra sinceramente non mi sento di rimproverare nulla per il secondo tempo dove avremmo potuto e dovuto vincere con diversi gol di scarto, ma sotto porta bisogna migliorare, bisogna essere più cinici, più freddi e buttarla dentro sta cazzo di palla. Ma alla fine non penso sia neanche tanto questione di personalità, è proprio questione di limiti tecnici di alcuni giocatori che nelle situazioni clou se la fanno sotto e non riescono a fare la giocata giusta. Con il fegato amaro cerchiamo di dimenticare questa partita stregata e guardiamo già alla prossima contro l'Udinese di Giovedì, che ci dà subito l'occasione di rifarci. In quell'occasione, spero di vedere in campo undici leoni inferociti che scendono in campo per riprendersi ciò che ieri gli è stato rubato.

PAGELLE:

HANDANOVIC 7: Handanovic merita un voto alto soprattutto per il primo tempo dove, prima di subire il primo gol di Bonaventura, ha salvato la squadra con due grandissime parate. Nel finale sul gol del 1-2 forse poteva fare qualcosa in più, ma non si può lasciare un giocatore solo in area di rigore a un metro dalla porta.

CAMPAGNARO 4: il peggiore in campo, non ha azzeccato una giocata e ha sbagliato un numero incredibile di passaggi, regalando con un erroraccio il contropiede dell'Atalanta che ci ha portati sul momentaneo 0-1. Che si accomodi presto in panchina con il rientro di Juan Jesus.

RANOCCHIA 6,5: altra ottima partita, Denis non ha praticamente mai tirato in porta, marcato benissimo da Andrea, che sembra veramente tornati a livelli elevati.

ROLANDO 6: sicuro e affidabile, gioca bene come al solito.

JONATHAN 6,5: il voto è il risultato di un primo tempo difficile, in cui ha sofferto molto le sovrapposizioni degli avversari sulla sua fascia, e un secondo tempo ottimo in cui ha creato diverse occasioni da gol colpendo anche una traversa veramente sfortunata. Nel finale non so se era lui a dover marcare Bonaventura o qualcun'altro, quindi non lo vorrei colpevolizzare troppo.

GUARIN 6,5: nel primo tempo ha avuto tante occasioni di andare a rete ma ultimamente non riesce mai a centrare la porta, ma ha anche il merito di servire l'assist del pareggio a Icardi e di fare diverse altre buone giocate non finalizzate dai compagni.

CAMBIASSO 5: in grande difficoltà, forse poco protetto dai compagni di reparto, ha vagato nel deserto e ormai non riesce a coprire più grandi zone di campo, quindi se non aiutato va in grande difficoltà come ieri.

HERNANES 6,5: nel primo tempo insieme a Guarin è l'unico a creare i presupposti per fare male all'avversario, nella ripresa viene spostato nel ruolo di regista davanti la difesa, ma penso che lì sia veramente limitato. Nel finale regala un assist d'oro a Nagatomo clamorosamente sciupato.

D'AMBROSIO 6: ottimo primo tempo, ripresa non da urlo. Deve ancora entrare bene negli schemi.

PALACIO 5,5: fuori partita per tutto il primo tempo, nella ripresa colpisce un palo di testa e poco più. Da Palacio mi aspetto molto altro.

ICARDI 7: segna un gol da bomber di razza, veramente bellissimo il modo con cui ha saltato l'avversario e ha trafitto il portiere. Nella ripresa non trova la doppietta per una sfortuna micidiale che ha colpito tutta la squadra, ma nonostante le infiltrazioni ha giocato davvero bene.

ALVAREZ 5: appena entrato ha fatto una grande progressione sbagliando poi il passaggio finale per Palacio, poi ha collezionato solo ciabattate. Deludente.

KOVACIC 5: non sembra neanche essere entrato, male.

NAGATOMO 4,5: scandaloso il gol sbagliato a tu per tu col portiere a tempo ormai scaduto che poteva quantomeno farci portare a casa un misero punticino. Nemmeno quello.

MAZZARRI 6: il primo tempo non mi è piaciuto, ma nella ripresa abbiamo giocato solo noi creando una dozzina di palle gol che solo la scarsezza di alcuni giocatori e la sfortuna non ci hanno permesso di concretizzare. I cambi sono stati rivolti a mettere una squadra più offensiva, ma se i subentrati deludono penosamente non è certo colpa dell'allenatore. Che dia una grossa strigliata a tutti!

2 commenti:

  1. Non è solo colpa della sfortuna. Se crei tantissime occasioni e non le concretizzi è probabile che arrivi la beffa.

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo. Gioco troppo involuto. I pali ci stanno anche, i rigori ormai è cosa vecchia e risaputa che non sono roba per noi quindi inutile reclamare. Si devono segnare gol e non fare chiacchiere. E non commettere due erroracci come quelli di domenica: Campagnaro che innesta il contropiede di Martinez e Buonaventura troppo solo al centro; Buonaventura lasciato solissimo a tre metri dalla rete. Sfortuna? Direi broccaggine.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore