domenica 2 marzo 2014

Pari e patta

All'Olimpico finisce 0-0 tra Roma e Inter, in una gara abbastanza equilibrata con il risultato finale che rispecchia quanto visto in campo. Nel primo tempo decisamente meglio l'Inter con grandi occasioni sprecate soprattutto da Palacio e Nagatomo, nella ripresa meglio la Roma, che ha approfittato di un Inter stanca che ha abbassato il baricentro. I nostri sono stati molto bravi a giocare un primo tempo all'altezza e meritando ampiamente il vantaggio, tra l'altro meritando forse un paio di rigori entrambi per falli su Icardi, prima una trattenuta clamorosa di Benatia, poi un incredibile pugno in faccia ad opera di quell'animale di De Rossi. Ma ovviamente per la casacca nerazzurra non esistono rigori, è regolamento ormai. Nella ripresa non abbiamo saputo tenere lo stesso ritmo della prima frazione di gioco e i subentrati Hernanes e Botta hanno deluso non sapendo dare il giusto contributo alla squadra, che però ha saputo tenere fino alla fine grazie anche a una super parata di Handanovic nell'unica vera occasione da rete per la Roma. Allo stato attuale delle cose non possiamo che ritenerci soddisfatti. D'altro canto chi si sarebbe aspettato 4 punti nelle due trasferte di Firenze e Roma? Forse nessuno, quindi bene così, continuiamo a lavorare sodo e guardiamo alla prossima partita.

PAGELLE:

HANDANOVIC 6,5: voglio sorvolare sulla cappellata fatta in occasione del gol di Destro annullato per fuorigioco. Ma la parata su Pjanic è stata fondamentale per portare a casa il pareggio.

ROLANDO 6,5: altra ottima prestazione del portoghese, che nella ripresa fa un autentico miracolo su Gervinho salvando un gol già fatto.

SAMUEL 7: con lui in campo la difesa è tornata a essere veramente solida. Destro non tocca un pallone e centralmente non passa nessuno. Peccato per l'ammonizione che gli farà saltare il prossimo match.

JUAN JESUS 6: meno appariscente delle ultime uscite, ma comunque prezioso e attento. Una sola sbavatura tattica che poteva costarci la sconfitta se non fosse stato per la grande parata di Handanovic.

JONATHAN 5,5: il voto è il risultato di una fase difensiva ottima ma di una fase offensiva scarsa. Possibile che non riesca a saltare neanche un signor nessuno come Romagnoli?

GUARIN 5: ha lottato fino alla fine, ma non è stato lucido nelle giocate e alla fine la valutazione non può essere sufficiente.

CAMBIASSO 6,5: il migliore del centrocampo. Queste settimane di riposo sono servite a tirarlo a lucide forse nella partita più delicata e lui ha risposto presente.

ALVAREZ 5,5: tanta quantità, riesce a giocare discretamente anche nel ruolo di mezz'ala, ma non riesce a incidere in fase di ultimo passaggio, quando dovrebbe essere più veloce nell'esecuzione.

NAGATOMO 5: stasera è andato abbastanza male. Difensivamente ha fatto bene, ma in fase propositiva veramente nullo. Non ha fatto un cross e davanti non aveva neanche Maicon, ma Torosidis e ha sparato fuori dallo stadio una chiarissima occsasione da rete.

PALACIO 5,5: da seconda punta può spaziare su tutto il fronte d'attacco senza lasciare sguarnito l'attacco, ma nell'unica vera occasione che gli capita la spedisce fuori.

ICARDI 6: tanta voglia di giocare, tante sponde, sempre pericoloso nei pressi dell'area avversaria. Si becca una cintura da Benatia e un cazzotto da De Rossi, ma in nessuno dei due casi l'arbitro ha fischiato rigore. Ci mancherebbe...

HERNANES 5: entra ma non fa la differenza. Anzi non entra proprio in partita.

BOTTA 4: molto male. Ha giocato poco ma merita la palma del peggiore in campo. Tutti i palloni che ha toccato sono andati persi.

ZANETTI S.V.

MAZZARRI 6: la squadra ha giocato un grande primo tempo dove avrebbe meritato il gol in diverse occasione, ma se i nostri sono scarsi sotto rete non è certo colpa sua. Nella ripresa la squadra cala il ritmo e soffre nel finale. I cambi non gli hanno però dato ragione, ma qua c'è sempre da capire se la responsabilità sia dell'allenatore o di chi scende in campo.

3 commenti:

  1. Il pari è strameritato, se una squadra doveva vincere ieri sera era la nostra. Faccenda rigore per cazzotto. Anche qui parità assoluta: cazzotto di De Rossi = rigore per noi; cazzotto di Juan Jesus a Romagnoli = rigore per loro. Forse Handa lo avrebbe parato...Piuttosto ho paura della prova TV. Temo 3 giornate per De Rossi e per Juan Jesus. Per noi sarebbe una grossa fregatura visto che mancherà anche Samuel. Speriamo che il giudice sportivo beva due bicchieri di grappa prima di guardarsi i filmati.

    RispondiElimina
  2. Scusami caro Vincenzo, ma il discorso è semplicemente questo.

    Rigore a inizio gara su Icardi, fischialo e stiamo già 1-0. Andiamo avanti, rigore e espulsione per De Rossi, stiamo 2-0 con un uomo in più. La partita è chiusa e l'episodio di Juan Jesus (tra l'altro non evidente come quello assassino di De Rossi) non sarebbe neanche esistito.

    Ecco, sono queste le cose che cambiano volto a una gara, se non addirittura a un intero campionato.

    Ieri se Icardi avesse avuto la maglia della rubentus, avremmo vinto 3 o 4 a zero con la Roma in 10 uomini per tutto il secondo tempo...

    Ma, per fortuna o per sfortuna dipende dai punti di vista, non siamo la rubentus....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te. Se ieri in campo fosse stata la rubentus avrebbe preso al volo quei due rigori. Ma perché parlarne? Noi non siamo la rubentus, ma la nemica giurata dei padroni della rubentus i belanti figliocci delle pecore di strada, quindi andiamo puniti in qualsiasi modo e maniera: regalando vantaggi non indifferenti alla rubentus sotto forma di rigori in favore concessi e contro non fischiati. Pensa quanto ero ingenuo: pensavo che dovendo fermare la Roma per fare appunto un favore alla rubentus ci avrebbero dato quel rigore che non ci fischiano da tempo immemorabile. Ebbene no! L'odio contro di noi innanzi tutto, poi il fatto che ormai il distacco è incolmabile dalla Roma hanno impedito che si avverasse il miracolo.
      Aspetteremo ancora. Vogliamo vedere come potrà andare avanti questa farsa.

      Elimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore