lunedì 31 marzo 2014

Schifo Guarin! Dategli la panchina!

Veramente stiamo arrivando ai limiti del ridicolo! Una partita contro il Livorno che si sta vincendo per 0-2 buttata al cesso totalmente per una puttanata colossale da lega pro di Fredy Guarin, che con un retropassaggio ai limiti della stupidità umana ha spianata la strada a Emegara per il gol del 2-2. Veramente una giocata scellerata da un giocatore fino ad oggi intoccabile per Mazzarri ma che ormai, rinnovo o meno, sta continuando a giocare veramente da schifo, con un talento puro come Kovacic costretto ormai a scaldare solo la panchina. A questo punto non ci sto più. La scusa dell'affidarsi ai più esperti per fare più punti possibile non regge più visto che i più esperti stanno giocando da schifo facendoci perdere punti su punti. Ora basta, rivoglio Kovacic in campo, rivoglio vedere la grinta di Taider finito inspiegabilmente nel dimenticatoio! Basta assistere alle puttanate di Guarin e si faccia come con Ranocchia, che dopo settimane di panchina è tornato a giocare ai suoi livelli per conquistarsi il posto. Si faccia lo stesso con Guarin, perchè ormai le partite in cui sta facendo schifo iniziano a essere veramente troppe e dopo la cappellata di oggi pretendo dalla prossima partita di non vederlo in campo a favore di Kovacic, che veramente non ha fatto nulla per meritarsi questo trattamento da Mazzarri!

PAGELLE:

HANDANOVIC 6: una grande parata nel primo tempo su Emerson, poi non viene più chiamato in causa fino ai due gol del Livorno dove non poteva fare veramente niente.

ROLANDO 6: normale amministrazione, sufficiente.

SAMUEL 5: primo tempo sontuoso, da veterano. Secondo tempo disastroso. Nel gol di Paulinho perde completamente la marcatura sull'uomo, mentre sul gol del pareggio doveva affossare Emegara lanciato a rete prendendosi il rosso, anzichè stare a guardare l'avversario andare a rete.

JUAN JESUS 6: come Rolando.

JONATHAN 6,5: l'unico esterno a combinare qualcosa, fa entrambe le fase molto bene e mette dentro anche l'assist per il 2-0 di Palacio. Esce in preda ai crampi.

HERNANES 6,5: inizio difficile condito da diversi falli che gli sono costati il giallo, poi sale in cattedra dando il là a tutte le azioni più pericolose dei nerazzurri, trovando il suo primo gol con la nuova maglia.

KUZMANOVIC 6: uomo d'ordine in mezzo al campo, prova ad andare anche vicino al gol.

D'AMBROSIO 5: molto deludente, Mbaye l'ha letteralmente dominato in quasi tutti i duelli della partita. Molto male. ALVEREZ 5: lento come la morte, non azzecca un cross in tutta la partita. Per uno con la sua tecnica è inconcepibile!

PALACIO 7: ancora un gol, un gran gol, ancora una volta su azione, visto che i calci di rigore non ce li fischiano per regolamento. Suo anche l'assist per il gol di Hernanes.

ICARDI 5: per quasi tutta la gara fuori dal gioco, ha due occasioni sui piedi ma le sciupa entrambe.

GUARIN 2: ho già ampiamente commentato la partita di Guarin, non merita ulteriori commenti.

ZANETTI 5: ormai il suo l'ha dato, aspetto di vederlo in dirigenza per continuare proficuamente la sua carriera nella famiglia nerazzurra.

BOTTA S.V.

MAZZARRI 5: nonostante il doppio vantaggio del primo tempo, la squadra ha giocato abbastanza male. Nella ripresa l'inserimento di Guarin ha deciso le sorti della partita a favore degli avversari, l'ingresso di Zanetti ha tolto energie alla fascia e l'ingresso finale di Botta non ha sortito alcun effetto. Preparazione e gestione della partita sbagliatissima.

Image Hosted by ImageShack.us

giovedì 27 marzo 2014

Ennesimo pareggio

Arriva un altro pareggio in casa stavolta contro l'Udinese per 0-0. Dopo l'immeritata sconfitta contro l'Atalanta arriva un pareggio che ci sta leggermente stretto solo ed esclusivamente per quanto visto nella ripresa, visto che il primo tempo è stato penoso come poche volte quest'anno. Nella ripresa, seppur senza un gioco entusiasmante, abbiamo creato due o tre occasioni da rete ma la palla non è voluta entrare in nessun modo. Riusciamo in questo periodo a far passare anche uno sconosciuto portieraccio di 17 anni col biberon ancora in bocca come un fenomeno. Incredibile. In tutto ciò, ci si mette l'ennesimo arbitro di turno mandato a dettare legge contro l'Inter, come ormai capita da tempo immemore, o meglio è sempre stato così e sempre lo sarà. Anche stasera non ci hanno concesso almeno un calcio di rigore sacrosanto per fallo di mano in area, ma vabbè ormai è ufficiale che nel regolamento della FIGC sta scritto che non è ammesso fischiare rigori a favore dell'Inter. Questo ormai l'abbiamo capito. In tutto ciò abbiamo sciupato l'ennesima grande occasione per arrivare a un punto dal quarto posto che ora dista tre punti. Sono pochi, sia chiaro. Ma se giochiamo così non riusciremo mai a superare tutti gli ostacoli che ci troviamo davanti ogni santa partita, arbitri compresi.

PAGELLE:

HANDANOVIC 6: non mi sembra abbia dovuto fare nessuna parata in tutta la partita.

RANOCCHIA 6: non si poteva pretendere che stesse dietro alla velocità di Muriel, ma ha comunque giocato una buona partita.

SAMUEL 6,5: grande difensore, al di là dell'età è stato il migliore dei nostri.

JUAN JESUS 6: rientrato dopo tre turni di squalifica, si è comportato bene.

JONATHAN 6: l'unico a provare a creare qualcosa sulla fascia destra, esce stremato.

GUARIN 4: festeggia con una partita pietosa il rinnovo del contratto. Che oscenità stasera.

CAMBIASSO 5: non capisco perchè lasci impostare il gioco al difensore centrale. Cazzo, cosa ci stai a fare davanti la difesa???

HERNANES 5,5: primo tempo pietoso, nella ripresa leggermente meglio andando pure vicino al gol, ma è ancora lontano dalla migliore condizione.

NAGATOMO 4: pietoso almeno quanto Guarin. Tra lui e Jonathan penso proprio che il posto per l'anno prossimo se lo stia giocando lui. Inguardabile.

PALACIO 5,5: molto generoso come al solito, ma non riesce a trovare lo spunto vincente.

ICARDI 5,5: troppo statico e macchinoso, soffre evidentemente la pubalgia che non gli sta dando tregua.

ALVAREZ 4,5: osceno come ai tempi peggiori, è entrato per sostituire Guarin e il suo rendimento è stato quasi peggiore del colombiano. Con queste prestazioni non può certo continuare a giocare nell'Inter.

D'AMBROSIO MILITO S.V.

MAZZARRI 5: la sfortuna, gli arbitri... ok ci sta tutto, però a volte la fortuna bisogna anche sapersela cercare e continuare a giocare con cinque difensori in campo quando stai assaltando la difesa avversaria non ha proprio senso. Milito per soli cinque minuti finali è totalmente inutile. Dovrebbe essere più flessibile tatticamente.

Image Hosted by ImageShack.us

lunedì 24 marzo 2014

Partita stregata!

Primo tempo da rivedere con Handanovic che ci ha salvato in un paio di occasioni, ma con un pareggio tutto sommato giusto perchè entrambe le squadre hanno creato diverse palle gol. Ripresa a senso unico, con una sola squadra in campo che si è dovuto infrangere contro una miriade di pali e traverse, una sfortuna infinita culminata con il gol beffa a tempo quasi scaduto degli avversari. Questo è il racconto in poche parole di Inter Atalanta, finita 2-1 per gli ospiti. Per quanto riguarda il primo tempo ci sono molte cose da migliorare, soprattutto l'approccio alla gara che è stato troppo molle e timoroso, ma nella ripresa non c'è stata partita, con un Inter straripante che ha schiacciato l'avversario nella sua metà campo senza però riuscire a mettere dentro una sola cavolo di palla. Pali, traversa, ciabattate assurde, alla fine arriva il cross della disperazione dell'Atalanta, dimentichiamo Bonaventura da solo in mezzo all'area ed ecco lì la sconfitta assolutamente incredibile e immeritata. Alla squadra sinceramente non mi sento di rimproverare nulla per il secondo tempo dove avremmo potuto e dovuto vincere con diversi gol di scarto, ma sotto porta bisogna migliorare, bisogna essere più cinici, più freddi e buttarla dentro sta cazzo di palla. Ma alla fine non penso sia neanche tanto questione di personalità, è proprio questione di limiti tecnici di alcuni giocatori che nelle situazioni clou se la fanno sotto e non riescono a fare la giocata giusta. Con il fegato amaro cerchiamo di dimenticare questa partita stregata e guardiamo già alla prossima contro l'Udinese di Giovedì, che ci dà subito l'occasione di rifarci. In quell'occasione, spero di vedere in campo undici leoni inferociti che scendono in campo per riprendersi ciò che ieri gli è stato rubato.

PAGELLE:

HANDANOVIC 7: Handanovic merita un voto alto soprattutto per il primo tempo dove, prima di subire il primo gol di Bonaventura, ha salvato la squadra con due grandissime parate. Nel finale sul gol del 1-2 forse poteva fare qualcosa in più, ma non si può lasciare un giocatore solo in area di rigore a un metro dalla porta.

CAMPAGNARO 4: il peggiore in campo, non ha azzeccato una giocata e ha sbagliato un numero incredibile di passaggi, regalando con un erroraccio il contropiede dell'Atalanta che ci ha portati sul momentaneo 0-1. Che si accomodi presto in panchina con il rientro di Juan Jesus.

RANOCCHIA 6,5: altra ottima partita, Denis non ha praticamente mai tirato in porta, marcato benissimo da Andrea, che sembra veramente tornati a livelli elevati.

ROLANDO 6: sicuro e affidabile, gioca bene come al solito.

JONATHAN 6,5: il voto è il risultato di un primo tempo difficile, in cui ha sofferto molto le sovrapposizioni degli avversari sulla sua fascia, e un secondo tempo ottimo in cui ha creato diverse occasioni da gol colpendo anche una traversa veramente sfortunata. Nel finale non so se era lui a dover marcare Bonaventura o qualcun'altro, quindi non lo vorrei colpevolizzare troppo.

GUARIN 6,5: nel primo tempo ha avuto tante occasioni di andare a rete ma ultimamente non riesce mai a centrare la porta, ma ha anche il merito di servire l'assist del pareggio a Icardi e di fare diverse altre buone giocate non finalizzate dai compagni.

CAMBIASSO 5: in grande difficoltà, forse poco protetto dai compagni di reparto, ha vagato nel deserto e ormai non riesce a coprire più grandi zone di campo, quindi se non aiutato va in grande difficoltà come ieri.

HERNANES 6,5: nel primo tempo insieme a Guarin è l'unico a creare i presupposti per fare male all'avversario, nella ripresa viene spostato nel ruolo di regista davanti la difesa, ma penso che lì sia veramente limitato. Nel finale regala un assist d'oro a Nagatomo clamorosamente sciupato.

D'AMBROSIO 6: ottimo primo tempo, ripresa non da urlo. Deve ancora entrare bene negli schemi.

PALACIO 5,5: fuori partita per tutto il primo tempo, nella ripresa colpisce un palo di testa e poco più. Da Palacio mi aspetto molto altro.

ICARDI 7: segna un gol da bomber di razza, veramente bellissimo il modo con cui ha saltato l'avversario e ha trafitto il portiere. Nella ripresa non trova la doppietta per una sfortuna micidiale che ha colpito tutta la squadra, ma nonostante le infiltrazioni ha giocato davvero bene.

ALVAREZ 5: appena entrato ha fatto una grande progressione sbagliando poi il passaggio finale per Palacio, poi ha collezionato solo ciabattate. Deludente.

KOVACIC 5: non sembra neanche essere entrato, male.

NAGATOMO 4,5: scandaloso il gol sbagliato a tu per tu col portiere a tempo ormai scaduto che poteva quantomeno farci portare a casa un misero punticino. Nemmeno quello.

MAZZARRI 6: il primo tempo non mi è piaciuto, ma nella ripresa abbiamo giocato solo noi creando una dozzina di palle gol che solo la scarsezza di alcuni giocatori e la sfortuna non ci hanno permesso di concretizzare. I cambi sono stati rivolti a mettere una squadra più offensiva, ma se i subentrati deludono penosamente non è certo colpa dell'allenatore. Che dia una grossa strigliata a tutti!

Image Hosted by ImageShack.us

sabato 15 marzo 2014

Prova da grande squadra

L'Inter conquista momentaneamente il quarto posto in classifica, in attesa della partita della Fiorentina, in una partita ad alto tasso di difficoltà, in casa del Hellas Verona, grande rivelazione della stagione. Non era facile andare a giocare in un campo così difficile dove anche la capolista rubentus è stata fermata, ma noi l'abbiamo fatto come meglio non si potrebbe, da grande squadra. Inizio di gara alla grande con gol del vantaggio di Palacio, fresco di rinnovo, servito da un grande Jonathan. Raddoppio nella ripresa su un grande contropiede concluso con grande cattiveria sempre da Jonathan, che con un gol e un assist si è meritato il premio di migliore in campo. Solo dopo il primo vantaggio e nei minuti finali c'è stato da soffrire, con un Handanovic che si è dovuto superare nel finale con una doppia superba parata prima su Iturbe e poi su Romulo. Alla fine abbiamo portato a casa una vittoria importantissima che ci consente di conquistare momentaneamente il quarto posto avvicinandosi pericolosamente anche al Napoli milionario di Benitez, anche se raggiungerli sarebbe veramente un'impresa maestosa. Ma, come dice Mazzarri, pensiamo di partita in partita e vedremo a fine anno dove saremo arrivati. Forza Inter!

PAGELLE:

HANDANOVIC 7: la doppia parata nel finale di partita è stata da grandissimo portiere, merita un voto superlativo.

CAMPAGNARO 6: buona partita dell'argentino che sta ritrovando la forma.

RANOCCHIA 7: altra ottima partita di Andrea che in marcatura su Luca Toni lo annulla per tutta la partita. Giocando così riuscirà a mantenere la titolarità?

ROLANDO 6,5: ormai non fa più notizia, impeccabile.

JONATHAN 7,5: il migliore in campo, si trova di fronte Iturbe e lo controlla senza grossi affanni, mentre in fase offensiva torna a fare cose importanti con un grande assist e il gol del raddoppio. Giocasse sempre così sarebbe una delizia...

GUARIN 5,5: non riesce a raggiungere la sufficienza neanche stasera, con alcuni tiracci sparati in curva che davvero non si possono vedere.

CAMBIASSO 6,5: ottimo il Chuchu nel fare filtro davanti la difesa.

HERNANES 6,5: che peccato che non è riuscito a trovare il gol neanche stasera, ma la sua presenza in campo si vede e si sente, come dimostra il fantastico assist per il 2-0 di Jonathan e la traversa clamorosa colpita su calcio di punizione.

D'AMBROSIO 6: finalmente al debutto dall'inizio, ha disputato una discreta gara.

PALACIO 7: 13° gol stagionale arrivato subito dopo il rinnovo di contratto, poi fa un lavoro per la squadra encomiabile.

ICARDI 6: ancora una volta la traversa gli nega la gioia del gol, ma la sua presenza in campo è preziosissima nel fornire una soluzione di sponda alla manovra e nel dare maggiore libertà d'azione a Palacio.

ZANETTI 6: entra al posto di D'Ambrosio e non sbaglia nulla.

KOVACIC 6,5: entra e regala giocate di classe sopraffina, speriamo di vederlo presto dal primo minuto.

KUZMANOVIC S.V.

MAZZARRI 6,5: i risultati stanno sempre più dalla sua parte, grande e importantissima vittoria!

Image Hosted by ImageShack.us

domenica 9 marzo 2014

Inter - Torino 1-0: vittoria importantissima!

Oggi la cosa importante era vincere, anche e soprattutto alla luce della sconfitta della Fiorentina, che ora dista solo un punto in classifica. Il quarto posto ormai è vicinissimo, bisogna quindi continuare a lavorare, cercando di migliorare di giornata in giornata. Oggi contro il Torino abbiamo mostrato un grande controllo del gioco e una fase difensiva impeccabile, ma la fase offensiva latita ancora ed è assolutamente l'aspetto da migliorare. Molto è dovuto al fatto che in casa ci troviamo a giocare contro squadra racchiuse tutti davanti la propria porta e con gente dalla qualità modesta come Nagatomo e jonathan è difficile cercare la giocata vincente. Fortunatamente abbiamo trovato una grande azione e un grandissimo gol con Palacio, che ci ha permesso di sbloccare la partita. Poi non siamo riusciti a creare tante altre occasioni da rete e non siamo quasi mai riusciti a mettere in moto l'ariete Icardi. Per questo bisogna continuare a lavorare, magari cercando soluzione diverse sia dal punto di vista del gioco, sia dal punto di vista degli uomini, dando maggiore spazio a gente come D'Ambrosio e Kovacic, che possono dare qualcosa di diverso al gioco nerazzurro. Per fortuna comunque siamo riusciti a festeggiare il compleanno della Beneamata con una importante vittoria!

PAGELLE:

HANDANOVIC 6,5: una incertezza a inizio gara, poi si è fatto trovare pronto in quelle poche volte in cui il Torino ha tirato in porta e salvando anche qualche situazione pericolosa in contropiede uscendo dall'area di rigore.

CAMPAGNARO 6: difensivamente ha giocato una discreta partita, ma in avanti sebbene abbia appoggiato spesso la manovra non ha mai trovato una giocata incisiva.

RANOCCHIA 7: ottima prestazione. Era sotto le luci dei riflettori e aveva sulle spalle il peso di parecchi scetticismi, compreso quello del sottoscritto. Invece ha giocato una grandiosa partita, annullando totalmente Immobile senza concedere nulla.

ROLANDO 6,5: schierato sul centro sinistra si dimostra ancora una volta un difensore affidabile, attento e di grande livello nonostante si trovasse di fronte un avversario pericoloso come Cerci.

JONATHAN 5: sarà vero che D'Ambrosio deve ancora assimilare i meccanismi di squadra, ma siamo veramente sicuri possa fare peggio del brasiliano? In fase offensiva è assolutamente nullo limitandosi a fare sempre lo stesso passaggino all'indietro.

GUARIN 5: un solo acuto nel primo tempo in cui ha regalato un bel cross a Palacio, ma per il resto ha giocato molto male, sbagliando molte giocate, sembrando spesso poco concentrato.

CAMBIASSO 7: oggi è stato il migliore in campo, non solo per l'assist a Palacio, ma anche per la quantità di palloni recuperati a smistati, interpretando alla grandissimo il ruolo di metodista davanti la difesa.

HERNANES 6,5: buona gara per il Profeta che ha giocato tanti palloni, ha mostrato il suo grande dribbling andando anche vicino al gol con una grande azione personale. Difensivamente fa sentire la sua presenza.

NAGATOMO 5,5: leggermente meglio rispetto a Jonathan, perchè ha puntato l'uomo, si è sovrapposto, è stato più partecipe alla fase offensiva, ma le qualità sono limitate e non è riuscito a saltare mai una volta l'uomo nè tantomeno a mettere un solo cross decente per Icardi.

ICARDI 5,5: si sbatte su ogni pallone, ma non è stata una gara facile per lui che è stato servito pochissimo dai compagni. Ha giocato quasi 90 minuti, fisicamente sta crescendo.

KOVACIC 6,5: entra con il giusto piglio, dando un contributo sicuramente migliore di quello dato da Guarin. Gli è mancata solo l'ultima giocata, ma solo giocando spesso può crescere in modo esponenziale.

ANDREOLLI 6: ottimo ingresso in campo per un giocatore che fino ad oggi ha avuto pochissimo spazio ma che si è dimostrato un grande professionista.

TAIDER S.V.

MAZZARRI 6: si doveva vincere e si è vinto. La squadra ha concesso pochissimo a uno dei migliori attacchi della serie A, ma la fase offensiva è ancora da migliorare, anche se molto non dipende dal gioco dato dall'allenatore, ma dalla qualità non eccelsa di alcuni titolari.

Image Hosted by ImageShack.us

mercoledì 5 marzo 2014

Finalmente un Top Player: colpaccio Vidic!

Con Thohir la musica è davvero cambiata e dopo l'arrivo di un grandissimo giocatore come Hernanes a gennaio, ecco arrivata l'ufficialità di un top player come Nemanja Vidic, capitano del Manchester United! Un acquisto pazzesco piazzato a costo zero vista la scadenza del suo contratto coi Red Devils a fine stagione. Dovrebbe arrivare con un ingaggio da 3 milioni a stagione, in piena regola con la nuova politica ingaggi varata dal Presidente. Questo è un acquisto favoloso che non potrà che far fare il salto di qualità alla nostra difesa che in questi anni ha provato le più disparate soluzioni senza però mai trovare l'uomo cardine da piazzare là in mezzo, anche a causa dei continui infortuni di Walter Samuel, l'unico vero top player rimasto là dietro. A giugno arriverà Vidic, un top player mondiale nel ruolo che insieme a Rolando e Juan Jesus formerà un trio di difesa da brividi. Dal 2010 ad oggi sono arrivati tanti bidoni (Gargano, Schelotto, Rocchi...), qualche campione (Guarin, Hernanes, Handanovic, Palacio...), qualche futura stella (Juan Jesus, Kovacic, Icardi), ma mai era arrivato un top player come Vidic. Gli ultimi furono Eto'o e Sneijder e sappiamo tutti come finì. Per vincere ci vogliono anche e soprattutto i grandi campioni, quindi non posso che essere entusiasta per l'arrivo del difensore serbo. Chiudo con un grandissimo grazie al nostro Presidente Erick Thohir, che sta dimostrando di voler realmente riportare l'Inter nelle posizioni che merita, e a Piero Ausilio che ora senza quell'incapace di Branca potrà dimostrare tutte le qualità che aveva mostrato nelle giovanili!

Image Hosted by ImageShack.us

domenica 2 marzo 2014

Pari e patta

All'Olimpico finisce 0-0 tra Roma e Inter, in una gara abbastanza equilibrata con il risultato finale che rispecchia quanto visto in campo. Nel primo tempo decisamente meglio l'Inter con grandi occasioni sprecate soprattutto da Palacio e Nagatomo, nella ripresa meglio la Roma, che ha approfittato di un Inter stanca che ha abbassato il baricentro. I nostri sono stati molto bravi a giocare un primo tempo all'altezza e meritando ampiamente il vantaggio, tra l'altro meritando forse un paio di rigori entrambi per falli su Icardi, prima una trattenuta clamorosa di Benatia, poi un incredibile pugno in faccia ad opera di quell'animale di De Rossi. Ma ovviamente per la casacca nerazzurra non esistono rigori, è regolamento ormai. Nella ripresa non abbiamo saputo tenere lo stesso ritmo della prima frazione di gioco e i subentrati Hernanes e Botta hanno deluso non sapendo dare il giusto contributo alla squadra, che però ha saputo tenere fino alla fine grazie anche a una super parata di Handanovic nell'unica vera occasione da rete per la Roma. Allo stato attuale delle cose non possiamo che ritenerci soddisfatti. D'altro canto chi si sarebbe aspettato 4 punti nelle due trasferte di Firenze e Roma? Forse nessuno, quindi bene così, continuiamo a lavorare sodo e guardiamo alla prossima partita.

PAGELLE:

HANDANOVIC 6,5: voglio sorvolare sulla cappellata fatta in occasione del gol di Destro annullato per fuorigioco. Ma la parata su Pjanic è stata fondamentale per portare a casa il pareggio.

ROLANDO 6,5: altra ottima prestazione del portoghese, che nella ripresa fa un autentico miracolo su Gervinho salvando un gol già fatto.

SAMUEL 7: con lui in campo la difesa è tornata a essere veramente solida. Destro non tocca un pallone e centralmente non passa nessuno. Peccato per l'ammonizione che gli farà saltare il prossimo match.

JUAN JESUS 6: meno appariscente delle ultime uscite, ma comunque prezioso e attento. Una sola sbavatura tattica che poteva costarci la sconfitta se non fosse stato per la grande parata di Handanovic.

JONATHAN 5,5: il voto è il risultato di una fase difensiva ottima ma di una fase offensiva scarsa. Possibile che non riesca a saltare neanche un signor nessuno come Romagnoli?

GUARIN 5: ha lottato fino alla fine, ma non è stato lucido nelle giocate e alla fine la valutazione non può essere sufficiente.

CAMBIASSO 6,5: il migliore del centrocampo. Queste settimane di riposo sono servite a tirarlo a lucide forse nella partita più delicata e lui ha risposto presente.

ALVAREZ 5,5: tanta quantità, riesce a giocare discretamente anche nel ruolo di mezz'ala, ma non riesce a incidere in fase di ultimo passaggio, quando dovrebbe essere più veloce nell'esecuzione.

NAGATOMO 5: stasera è andato abbastanza male. Difensivamente ha fatto bene, ma in fase propositiva veramente nullo. Non ha fatto un cross e davanti non aveva neanche Maicon, ma Torosidis e ha sparato fuori dallo stadio una chiarissima occsasione da rete.

PALACIO 5,5: da seconda punta può spaziare su tutto il fronte d'attacco senza lasciare sguarnito l'attacco, ma nell'unica vera occasione che gli capita la spedisce fuori.

ICARDI 6: tanta voglia di giocare, tante sponde, sempre pericoloso nei pressi dell'area avversaria. Si becca una cintura da Benatia e un cazzotto da De Rossi, ma in nessuno dei due casi l'arbitro ha fischiato rigore. Ci mancherebbe...

HERNANES 5: entra ma non fa la differenza. Anzi non entra proprio in partita.

BOTTA 4: molto male. Ha giocato poco ma merita la palma del peggiore in campo. Tutti i palloni che ha toccato sono andati persi.

ZANETTI S.V.

MAZZARRI 6: la squadra ha giocato un grande primo tempo dove avrebbe meritato il gol in diverse occasione, ma se i nostri sono scarsi sotto rete non è certo colpa sua. Nella ripresa la squadra cala il ritmo e soffre nel finale. I cambi non gli hanno però dato ragione, ma qua c'è sempre da capire se la responsabilità sia dell'allenatore o di chi scende in campo.

Image Hosted by ImageShack.us

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore