lunedì 9 dicembre 2013

La pareggite

E' ufficiale, l'Inter di Mazzarri è affetta da pareggite. Una sola sconfitta da inizio campionato e questo è sicuramente un dato positivo, ma il numero di pareggi inizia a diventare davvero grande, mi sembra di rivedere la prima stagione di Mancini sulla nostra panchina. Ieri contro il Parma abbiamo fatto bene dalla trequarti in su, con un Kovacic abbastanza illuminato e un Palacio in giornata di grazia, ma abbiamo fatto letteralmente pena dalla trequarti in giù con Cambiasso a pascolare, Juan Jesus e Ranocchia in bambola e Handanovic imbarazzante. Ed ecco che tre gol a partita non bastano neanche più per vincere i match se poi ne prendi altrettanti. Tutto ciò dovrebbe far riflettere il Mister e soprattutto la nuova società, nella speranza che verranno presi quei rinforzi a Gennaio assolutamente necessari per raggiungere gli obiettivi che Thoir si è prefissato. Intanto vediamo di guarire dalla pareggite per favore.

PAGELLE:

HANDANOVIC 4: tre gol incassati e una papera colossale che a conti fatti ci è costata la partita. Un errore del genere è inaccettabile e ha distrutto gli sforzi fatti dai compagni per riequilibrare il match in un momento chiave. Peggiore in campo.

CAMPAGNARO 5,5: tanta grinta, ma anche lui seppur non come i compagni di reparto è andato in affanno in diverse occasioni.

RANOCCHIA 5: l'ho sempre difeso, ma ora inizio a pensare seriamente che non sia adatto a guidare la difesa, in quanto ogni volta che gioca prendiamo delle imbarcate assurde. In questo senso, Rolando ha guadagnato parecchie posizioni.

JUAN JESUS 4 ieri sera letteralmente imbarazzante, dorme ripetutamente facendo più danni che altri. Si dia una svegliata!

JONATHAN 6: ha giocato un grande primo tempo mettendo tanti palloni interessanti in area di rigore, fino a trovare Palacio per il gol del pareggio. Nella ripresa scompare.

GUARIN 6,5: ogni tanto è sempre confusionario, ma ci mette tanta grinta e volontà e trova anche la rete del momentaneo 3-2.

CAMBIASSO 5: pascola in mediana e non fa filtro davanti la difesa, poi nel finale ha la palla buona e la spara in faccia al portiere.

ALVAREZ 6: partita discontinua la sua che ha trovato un unico lampo importante nell'assist a Palacio per il 2-2.

ZANETTI 6: difensivamente è stato ottimo, Biabiany lo ha contenuto alla grande, ma offensivamente è praticamente nullo a dalla sua parte gioca il solo Alvarez.

KOVACIC 6,5: sprazzi di grande classe e di fiducia ritrovata. Alterna momenti di gioco in cui scompare dalla scena ad altri in cui illumina la serata con giocate da fuoriclasse. Deve avere fiducia e continuità per crescere e fare la differenza come dimostrato l'anno scorso.

PALACIO 8 assolutamente straordinario, sigla una doppietta da applausi e lotta come un leone per tutta la gara. Al momento è decisamente il migliore dei suoi.

BELFODIL 4,5: non è colpa sua se viene messo in campo nel momento peggiore della squadra e relegato per di più sulla fascia, ma entra col piglio sbagliato e manca fuori dallo stadio una palla che poteva regalarci la vittoria.

NAGATOMO 6: entra con uno spirito da guerriero e provoca il panico in area avversaria con le sue folate. Belfodil impari da lui.

TAIDER S.V.

MAZZARRI 5: il gioco offensivo è convincente, ma in difesa prendiamo troppe imbarcate e i gol subiti iniziano a diventare veramente troppi. Poi in alcune scelte tattiche è da rivedere, ma deve assolutamente riprendere in mano i redini della squadra.

1 commento:

  1. Mazzarri comincia ad avere le sue colpe. Nessuno poteva prevedere la serataccia di Handa, ma che certa gente non tirava la carretta come gli altri si vedeva. Ranocchia non può ancora dirigere la difesa perché non lo sa fare. Cambiasso deve essere stanco anche lui. Zanetti a sinistra valeva sempre la metà. Adesso poi non ha più trenta anni! Ho rivisto a tratti il Kovacic dell'anno scorso, ma adesso diamogli fiducia. Questa squadra entra in campo con le orecchie basse. Questo è compito dell'allenatore, tirarli a dovere prima di mandarli in campo.
    A parte la sconfitta con la Roma abbiamo sempre pareggiato per non aver mai mantenuto un vantaggio né aumentato un vantaggio. Mentalità? Ma si sono giocate due consecutive in casa con squadre sulla carta inferiori alla nostra, che però sono venute a dominare per lunghi tratti.
    Qualcosa non va, questo è sicuro. Minimo otto punti sprecati dei quattordici possibili in sette pareggi.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore