domenica 24 novembre 2013

Quando la palla non vuole entrare...

Quando la palla non vuole entrare non ci sta niente da fare, quando provi e riprovi ma tra portieri in serata di grazia, pali e traverse non riesci a segnare, è chiaro segno che non è serata. Questo è successo all'Inter stasera, passata in svantaggio dopo una decina di minuti con il gol di Konè, per poi dominare il resto della partita collezionando azioni da rete una dopo l'altra senza mai riuscire a metterla dentro, neanche a porta vuota come successo clamorosamente a Pereira e Taider. Una traversa per Guarin e una per Juan Jesus a conferma del fatto che quella di stasera è stata una serata storta. Meno male che almeno in occasione del gol del pareggio il tiro di Jonathan è finito in rete, altrimenti chissà come sarebbe finita questa partita stregata. Comunque, sebbene la palla non sia voluta entrare in nessun modo, resta l'impressione che questa sia una squadra tosta, con la giusta mentalità vincente che cerca di fare la partita e cerca la vittoria fino alla fine. Tutt'altra cosa rispetto alla squadra dell'anno passato, nonostante praticamente gli uomini sia quasi gli stessi. Per questo va dato grande merito a Mister Mazzarri, anche se comunque iniziano a essere troppe le partite in cui abbiamo buttato al vento la vittoria, come contro il Cagliari e il Torino. Bisogna essere più cinici sotto porta e, magari, iniziare a giocare con le due punte (in attesa dei rientri di Milito e Icardi).

PAGELLE:

HANDANOVIC 6,5: la strepitosa parata fatta su Bianchi ci ha salvato da una beffa ancor maggiore di quella avuta con il pareggio. Sempre pronto, da gran portiere.

CAMPAGNARO 6: ritorna dopo un lungo infortunio e, sebbene non sia risultato reattivissimo, non ha sfigurato.

ROLANDO 6: bene nel ruolo di centrale difensivo, ha guidato la difesa e si è preso la responsabilità di iniziare spesso l'azione.

JUAN JESUS 6: se quel pallone all'ultimo secondo fosse entrato anzichè finire sulla traversa, sarebbe stata la sua serata. Peccato, ha comunque giocato una buona gara.

JONATHAN 7: il migliore in campo, continua a giocare su livelli decisamente inaspettati viste le passate stagioni e segna il gol del pareggio, oltre a essere il protagonista di quasi tutte le occasioni da rete più pericolose.

TAIDER 5: dopo dieci minuti sarebbe già potuto finire sotto la doccia e questo non è ammissibile per un giocatore da grande squadra. Si riprende provando qualche bella combinazione sulla destra con Jonathan, ma nel complesso non risulta sufficiente.

CAMBIASSO 5,5: troppo nascosto stasera, tanto che l'azione l'hanno spesso avviata i difensori.

ALVAREZ 6: buona gara per l'argentino, che però vedo meglio più vicino all'area di rigore.

NAGATOMO 5,5: lascia il campo per infortunio dopo una ventina di minuti di partita anonima.

GUARIN 5,5: ha colpito una traversa e ha avuto altre due occasioni nitide per fare gol ma non ce l'ha fatta. Con maggiore precisione ci avrebbe potuto far vincere la partita. Continuo però a preferirlo a centrocampo e non da trequartista.

PALACIO 5,5: non bene stasera, nel primo tempo ha avuto una occasione clamorosa sciupata calciando addosso al portiere, poi ha fatto tanto movimento senza però riuscire mai a essere incisivo in zona gol.

PEREIRA 5: semplicemente scandaloso, tecnicamente se la gioca con Schelotto e ho detto tutto. Se la prima alternativa sugli esterni è lui, stiamo veramente rovinati. Urgono interventi sul mercato in tal senso.

KOVACIC 6: entra ma si limita al compitino, dando geometrie alla squadra e regalando una veronica da applausi.

BELFODIL S.V.

MAZZARRI 5,5: la squadra c'è e si vede, ma sfortuna a parte iniziano a essere veramente troppi i punti persi per strada. Oggi avrebbe potuto mettere dentro la seconda punta molto prima, infatti Belfodil entrato negli ultimi cinque minuti non ha praticamente toccato palla.

3 commenti:

  1. Concordo su tutta la linea.Metterei l'accento sul fatto che Taider voleva fare sfracelli e per un pelo non ci lasciava in dieci e sotto di uno. Dovrebbe prenderlo sotto cura Zanetti. Mi preoccupa Kovacic. Mi sembra che si senta demotivato a stare seduto a guardare glia altri. lui che è titolare nella sua nazionale. Farlo partire titolare qualche volta non sarebbe un danno e poi trovare la giusta posizione a lui, a Guarin e ad Alvarez, che dovrebbe -secondo me- stare più al centro dell'azione e non sistematicamente relegato su una fascia.
    Ma questo è compito di WM.

    RispondiElimina
  2. D'accordissimo su Kovacic, è incredibile che da titolare insostituibile sia diventato panchinaro, è inaccettabile per un talento del genere.

    Le giovani stelle vanno fatte giocare sempre per poter diventare dei campioni, vedi Pogba ad esempio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo proprio a Pogba, sbolognato a costo zero dal ManU (mamma mia che cantonata!), eterno panchinaro e adesso insostituibile pezzo pregiato nella Juve e nella sua nazionale. Ricordiamoci cosa abbiamo combinato col "nostro" Pirlo ventenne.
      Non vorrei che WM facesse lo stesso errore di Tardelli allora.

      Elimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore