domenica 20 ottobre 2013

Impresa sfiorata...peccato!


Un fallo ingenuo, una punizione tirata completamente a culo e un portiere che dorme. Tutto ciò ha impedito stasera all'Inter di compiere una vera e propria impresa, dopo aver giocato tutta la partita in dieci uomini per l'espulsione di Handanovic dopo quattro minuti di gioco e dopo essere arrivati a un clamoroso vantaggio per 2-3 a un minuto dalla fine. Poi un fallo stupido di Wallace, una punizione tirata a caso da Bellomo che finisce in rete grazie alla dormita colossale di Carrizo. Stavamo per compiere una vittoria incredibile e invece lasciamo il campo con l'amaro in bocca. I giocatori ci hanno messo il cuore, l'anima, il sudore, tutto hanno lasciato in campo. Giocare una partita intera in dieci uomini non è facile per nessuno, nè tantomeno è facile tirarsi su dopo due svantaggi e portarsi vicinissimi alla vittoria. Complimenti alla squadra per quanto fatto, anche se nei singoli c'è molto ma molto da ridire. Alcuni assolutamente insufficienti, come Ranocchia e Nagatomo, una difesa totalmente in bambola mentre davanti la vena di Palacio, Guarin e il subentrato Belfodil hanno dato lo straccio decisivo alla squadra per arrivare sul 2-3. Poi il pareggio fortunoso del Torino per il 3-3 finale. Peccato, veramente peccato. Però usciamo dal campo stasera con una convinzione ben precisa, siamo una squadra coi coglioni quest'anno!

PAGELLE:

HANDANOVIC S.V.: esce dopo quattro minuti per espulsione, non si può giudicare.

CARRIZO 5: entra e para subito un calcio di rigore a freddo, poi però subisce tre gol di cui il terzo assolutamente scandaloso.

ROLANDO 5,5: un primo tempo da incubo e una ripresa abbastanza positiva. Ma quanto visto nei primi quarantacinque minuti non permette di raggiungere la sufficienza.

RANOCCHIA 5: primo tempo assolutamente imbambolato, gli attaccanti passano nella zona centrale come niente fosse. A 25 anni è ora che dimostri di essere all'altezza di una piazza come quella nerazzurra.

JUAN JESUS 5: da quella parte Cerci gli ha fatto vedere i sorci verdi e anche lui come gli altri compagni di reparto merita una insufficienza.

JONATHAN 5: era partito bene, poi però si è dovuto limitare alla fase difensiva per tutta la gara.

GUARIN 6,5: segna un gol bellissimo in rovesciata allo scadere del primo tempo e provoca il secondo pareggio a favore di Palacio.

CAMBIASSO 5: zero filtro davanti la difesa, che si è vista arrivare giocatori da tutte le parti. Il mediano davanti la difesa deve difendere, tappare i buchi e fare filtro, se non ci riesce è totalmente inutile in campo.

TAIDER 5,5: molto in difficoltà nel primo tempo, mentre nella ripresa mette dentro l'area la palla del momentaneo 2-2, prima di uscire dal campo.

NAGATOMO 4: il peggiore in campo. Dopo l'indecorosa prestazione contro la Roma, un'altra partita assolutamente insufficiente per il giapponese. Gli esterni sono il cuore del gioco di Mazzarri, ma se lui continua a giocare così sarà veramente difficile lottare per i posti alti della classifica.

KOVACIC S.V.: uscito per far posto a Carrizo.

PALACIO 8: migliore in campo, non solo per la doppietta che ha quasi regalato una insperata vittoria all'Inter, ma per il tanto lavoro fatto per la squadra, per il sacrificio mostrato in fase difensiva, per una partita strepitosa a tutto tondo.

BELFODIL 7: entra e sposta gli equilibri della partita, creando il panico nella difesa del Torino e regalando a Palacio l'assist per il momentaneo 2-3.

WALLACE 5: veramente troppo troppo ingenuo quel fallo che ci è costato il pareggio finale.

MAZZARRI 6,5: merita un voto più che sufficiente il Mister, perchè nonostante l'espulsione dopo una manciata di minuti dal fischio d'inizio, ha saputo ridisegnare la squadra con l'ingresso di Belfodil nella ripresa che ha spostato letteralmente gli equilibri in gioco. Se poi diversi giocatori giocano da schifo non è certo colpa sua.

1 commento:

  1. È sempre difficile ritrovare la giusta concentrazione dopo una sosta internazionale con giocatori sparsi nei quattro angoli del pianeta per le loro nazionali e rientri avventurosi. Ma a parte il gran cuore ieri sera di veramente tecnico a livello squadra di vertice s'è visto ben poco.
    Carrizo: entra a freddo a para un rigore. Mi ha ricordato Bordon a Mönchgladbach nella ripetizione della famigerata partita finita 1-7 e dovuta ripetere per la debolezza dell'UEFA, che non ce la diede vinta.Quella sera Bordon fece miracoli e si guadagnò il posto di titolare. Parò il rigore e poi parò tutto e finì 0-0.
    Carrizo ha parato solo il rigore. Si fa fregare sul diagonale del primo gol. Salta male sul secondo e si prende già il the nel terzo. Come giudicare una simile marmotta?
    L'espulsione di Handanovic è ridicola: esce per prendere il pallone, l'avversario gli piomba addosso e lo ferisce alla fronte; passi per il rigore, ma dare il rosso automatico è da imbecilli. Il regolamento parla di impedimento volontario mentre lui esce per il pallone Cerci è più veloce, ma Handa sdraiato non può scomparire. Diciamo che Cerci ha cercato il contatto e basta.
    Mi è tanto dispiaciuto non poter vedere Kovacic in quella posizione.
    Cambiasso: speriamo che arrivi Fernando.
    E soprattutto che rientri Campagnaro, senza di lui tre partite per due punticini, e soprattutto sette gol presi e Ranocchia che non capisce più niente. Rolando da centrale rende di più che da laterale e Nagatomo potrebbe essere stanco con tutte le corse senza palla che si fa?

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore