domenica 28 luglio 2013

Buon test con l'Amburgo, è 1-1.


Non ho potuto vedere tutta la partita visto che dopo un intero anno di esami universitario un bel pò di mare me lo merito proprio, però non ho potuto evitare di vedermi parte della sfida di ieri contro l'Amburgo, formazione tedesca ben più avanti nella preparazione visto che la Bundesliga inizia tra poco. Viste queste premesse, penso che l'Inter abbia fatto una buona prova, andando subito in rete con un bel gol di Icardi (il primo in nerazzurro) su strepitoso assist di Guarin, seppur soffrendo troppo le offensive degli avversari soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa partenza e via subito pareggio dei tedeschi grazie a un errore di Andreolli appena entrato in campo, poi diverse occasioni buone per noi e partita che si conclude sull'1-1, con i due portieri grandi protagonisti del match. Questa in effetti è stata la prima partita in cui avevamo di fronte un avversario di pari livello, in cui abbiamo dovuto quindi giocare anche senza palla in fase difensiva, quindi abbiamo potuto affinare l'intesa tattica anche in tal senso e non solo nella fase di possesso. Ora avanti con la tournee americana, in attesa di svolte societarie (con l'imminente arrivo di Thoir) e di colpi necessari sul mercato per completare la rosa.

Image Hosted by ImageShack.us

martedì 23 luglio 2013

Inter - Feralpi Salò 2-0

Ultima uscita della prima parte del precampionato per l'Inter che ha giocato contro il Feralpi Salò vincendo per due a zero con gol di Campagnaro e Palacio. Essendo stata la seconda partita consecutiva e avendo giocato con un caldo asfissiante, non ci potevamo certo aspettare faville dai nostri che infatti hanno faticato molto a scardinare la difesa avversaria. L'importante però in questa sfida come ha detto Mazzarri era dare minutaggio ai giocatori prima delle prossime sfide europee. Davanti è restato ancora a secco Mauro Icardi, che giocando da boa d'attacco non è riuscito ad avere molti palloni giocabili e quei pochi che ha avuto li ha sciupati. Palacio sebbene non si sia quasi mai visto ha tirato fuori il coniglio dal cilindro con un gol di grande precisione, mentre Alvarez ha mostrato di essere molto in palla risultando il più pericoloso dei suoi. La preparazione continua.

Image Hosted by ImageShack.us

Inter - Vicenza 3-1

La seconda amichevole prestagionale dell'Inter di Mazzarri si è conclusa con un 3-1 ai danni del Vicenza con gol di Guarin (bellissimo), Belfodil e Pereira (si, ho detto Pereira ihih). Per il Vicenza un gol sculato con una deviazione che ha spiazzato Handanovic. Tra le note positive delle gara di ieri ci sono sicuramente Guarin, straripante a tratti, uno che fa veramente la differenza, Belfodil che ha migliorato la precedente prestazione oltre che per il gol, anche per dei bei movimenti da prima punta di razza. Molto bene anche Kuzmanovic che ha colpito un doppio palo incredibile e Pereira, che sulla sinistra ha spinto come un forsennato nonostante fosse arrivato da pochi giorni al ritiro a Pinzolo. Tra le note negative, una sola pesante è quella che riguarda Cambiasso. Ieri imbarazzante. Messo davanti la difesa è stato nullo in fase di pressing e copertura alla difesa ed è stato nullo in fase di impostazione. Praticamente non c'era in campo. La cosa migliore della partita l'ha fatto al fischio finale dell'arbitro quando ha portato le borracce ai compagni (scusa Chuchu ahah). Comunque oggi c'è un'altra sfida che chiude questa prima parte di preparazione estiva, speriamo di vedere un'Inter in crescita e spero soprattutto di iniziare a vedere tutt'altro Icardi, in quanto in queste prime due uscite è stato un pò anonimo.

Image Hosted by ImageShack.us

giovedì 18 luglio 2013

Inter - Trentino 3-0 con due rigori sbagliati


Inizia bene il precampionato della nuova Inter targata Walter Mazzarri con una convincente vittoria nella prima uscita stagionale contro il modestissimo Trentino. Nonostante la pesantezza nelle gambe che si è notata soprattutto nella mancanza di lucidità in alcune giocate, si sono subito viste le giocate alla Mazzarri. Esterni continuamente chiamati in causa sia nel giropalla che con cambi di gioco atti a mandare l'esterno di turno nell'uno contro uno. Un centrocampista fisso messo a fare muro davanti la difesa e in questo ruolo Cambiasso può veramente essere rigenerato, non dovendo correre per tutto il campo come nelle ultime deludenti stagioni. Continui inserimenti dei centrocampisti e una seconda punta, Palacio, che gira attorno all'unica punta di ruolo, ieri prima Icardi e poi Belfodil. Partiamo proprio dai nuovi arrivati in casa Inter. Icardi ha giocato prevalentemente in area di rigori, cercando la giocata giusta per andare a rete, senza però riuscire a entrare molto nel vivo del gioco. Belfodil ha mostrato molta più vivacità, molti più movimenti e nonostante i due rigori sbagliati ha segnato un gol annullato senza motivo dall'arbitro, andando vicino anche a un'altra marcatura. Campagnaro si è dimostrato una certezza, conoscendo alla perfezione i meccanismi del gioco mazzarriano, mentre Andreolli anche non ha sfigurato nel ruolo di Campagnaro. Altre buone notizie della giornata sono state Alvarez, che nel ruolo di mezz'ala sinistra ha fatto sfracelli risultando il migliore in campo segnando un gol e conquistando entrambi i calci di rigore, Joel Obi finalmente ritrovato che ha disputato un'ottima gara come esterno sinistro di centrocampo, e i giovani Capello, Olsen e soprattutto Mira, che hanno fatto vedere di che pasta sono fatti. La prima uscita mi è piaciuta, certo l'avversario era irrisorio, ma i movimenti ci sono stati, l'intesa va ancora affinata, ma i presupposti sono buoni. Peccato per l'assenza di Kovacic.

Image Hosted by ImageShack.us

sabato 6 luglio 2013

Colpi a parametro zero


Inizia la sessione di mercato estiva e l'Inter ufficializza i colpi a parametro zero messi a segno già da mese. Arriva il fedelissimo di Mazzarri Hugo Campagnaro, che nonostante l'età ha dimostrato di essere sempre stato il miglior difensore della difesa napoletana e arriva per prendere posto nella difesa a tre nerazzurra. Torna alla base Marco Andreolli, prodotto del vivaio nerazzurro che dopo un lungo girovagare ha trovato la sua dimensione al Chievo Verona dove ha saputo crescere e diventare un titolare inamovibile, fino a meritare il ritorno in nerazzurro. Infine, è stato acquisito e confermato Carrizo come secondo di Handanovic. Tre operazioni a costo zero per rinforzare la difesa nerazzurra. Con Campagnaro e Andreolli sono soddisfatto, in attesa del colpo Dragovic, mentre su Carrizo nutro profonde perplessità. Ma se è arrivato c'è un perchè. E' argentino.

Image Hosted by ImageShack.us

Un Cassano che va, un Belfodil che arriva


E' stato definito ufficialmente lo scambio tra Inter e Parma con Cassano che va in Emilia e Belfodil che viene a vestire la casacca nerazzurra. Una operazione che condivido appieno in quanto, nonostante sia indiscutibile la classe di Cassano, dimostrata nella sua unica stagione in nerazzurro con 39 presenze, 10 gol realizzato e una infinità di assist, c'era assoluto bisogno di svecchiare l'attacco e, dopo l'arrivo del 20enne Mauro Icardi che verrà ufficializzato a giorni, l'arrivo del 21enne Belfodil al posto del 31enne Cassano l'obiettivo è stato ottimamente centrato. Per il franco-algerino una stagione da protagonista al Parma con 8 gol in 33 partite alla sua prima vera stagione in serie A. Una stagione che ha permesso all'attaccante di mostrare tutte le sue qualità. Forza fisica impressionante, grande protezione della palla, tecnica, dribling e un gran colpo di testa. Un buon mix per un 21enne che promette di crescere molto sotto la guida di mister Mazzarri. Addio allora Cassano, benvenuto Belfodil!

Image Hosted by ImageShack.us

Ciao Drago!


Carissimi tifosi nerazzurri, vi parla il vostro Drago con grande emozione e grande piacere.

Non so se troveroò le parole giuste per salutarvi e ringraziarvi per tutto quello che mi avete dato, a partire dall'affetto, dalla fiducia e dalla sincerità.

Sono stati i dieci anni più importanti della mia vita.

Anni in cui sono cresciuto prima come uomo e poi, con mio grandissimo piacere, come calciatore.

Io e la mia famiglia ringraziamo la famiglia Moratti.

Ci tengo a nominare il mio Presidente in particolare, che mi ha dato l'opportunità di vestire la maglia dell'Inter, con la quale ho avuto il piacere ed il grande onore prima di tutto di indossarla e poi di vincere ogni cosa che c'era da vincere.

Ci sono tantissime persone con le quali sono stato benissimo e con questa lettera li voglio salutare tutti, sempre con queste parole, guardandovi negli occhi, voglio dirvi che rimarrete nel mio cuore per sempre anche se non posso e non voglio nominarvi tutti.

Non dimenticheroò mai il giorno in cui sono arrivato, e non potrò mai dimenticare la presentazione con il nostro Presidente onorario Giacinto Facchetti, una grandissima persona sotto tutti gi aspetti. La foto di quel giorno la tengo stretta fra i miei ricordi più cari.

Quel giorno è cominciata la mia vita da nerazzurro.

Se penso che non indosserò più la maglia dell'Inter mi vengono le lacrime, ma sono stato sempre sincero e le mie sono lacrime vere, purtroppo nella vita si deve andare e guardare avanti, voi che mi conoscete sapete che lo farò con grande orgoglio e grande determinazione, come ho sempre cercato di fare nella mia storia di uomo e di atleta.

In tutti questi anni a Milano ho giocato con grandissimi calciatori e soprattutto con grandissimi uomini, è difficile trovare le parole per ringraziare di nuovo tutti.



Ho avuto l'onore di indossare questi colori che rimarranno per sempre sulla mia pelle, non lo potrò mai cancellare, nessuno potrà mai cancellarlo.

Con tutto il mio amore.

Dejan Stankovic
----------------- Ciao Drago e grazie di tutto per questi anni in cui hai sempre onorato la nostra maglia! Deki sempre uno di noi, uno dei più forti centrocampisti che abbia mai indossato la gloriosa maglia nerazzurra!

Image Hosted by ImageShack.us

martedì 2 luglio 2013

Via al mercato!

"Gli esami sono vicini", cantava Antonello Venditti e per questo motivo ho davvero poco tempo per dedicarmi all'aggiornamento del blog, ma ciò non significa che non stia seguendo le vicende di casa Inter. Quello di cui più mi preme parlare in questo articolo è il mercato nerazzurro, che sta iniziando a prendere un ben determinata forma. Forse per la prima volta, dal 2010 ad oggi, stiamo facendo un mercato intelligente ascoltando le richieste dell'allenatore. In avanti abbiamo dando una bella linfa nuova alla squadra con l'arrivo di due giovani che nella loro prima stagione in A abbiamo collezionato una decina di gol a testa, Icardi dalla Sampdoria (ma già si sapeva questa operazione) e Belfodil del Parma. Per l'attaccante ormai ex Parma è stata imbastita una trattativa importante, inserendo Cassano e Silvestre come contropartite, ma mentre per il primo non sembrano esserci problemi a trasferirsi in Emilia, dal difensore argentino arrivano molte perplessità, che spero verranno risolte perchè ha ampiamente dimostrato di non avere il carattere per giocare in una piazza come la nostra. Detto dell'attacco, a quanto pare stiamo trattando un bel colpo anche per la difesa, Dragovic del Basilea per il quale si parla di meno di 7 milioni per il costo del cartellino. Sono favorevole al suo arrivo, cosi da dare ulteriore vitalità a un reparto difensivo da rimpolpare per bene. In mediana i maggiori dubbi. Si cerca un esterno destro e un centrocampista centrale, i nomi sono sempre gli stessi. Basta o Isla per la destra, con il cileno in netto vantaggio e che preferirei di gran lunga al giocatore dell'Udinese ma trattare con i gobbi non è facile, e Naingollan per il centrocampo, con il sogno (o meglio incubo) Paulinho che finalmente è terminato. Vedremo come si muoverà la società nelle prossime settimane, se si riuscissero a prendere sia Isla che Naingollan sarebbe un mercato veramente coi fiocchi, e chissà che dietro non ci siano veramente i soldi di Thoir...

Image Hosted by ImageShack.us

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore