venerdì 24 maggio 2013

Benvenuto Mazzarri!

Anno nuovo, allenatore nuovo. Ormai questo sembra essere diventato il motto di casa nerazzurra con l'ennesimo esonero, quello di Andrea Stramaccioni, e l'ingaggio dell'ennesimo allenatore del dopo Mourinho, Walter Mazzarri, che ha raggiunto quest'anno con il suo Napoli il massimo, con il secondo posto in campionato e una coppa Italia vinta l'anno scorso. Mi spiace per Stramaccioni che ha pagato per tutti in una annata dove lui era l'ultimo dei colpevoli, ma spero che da qui inizia una reazione a catena che porti a far saltare parecchi pochi, da Branca allo staff medico. In attesa di novità su questi fantomatici soci che dovrebbero entrare in società, accogliamo Walter Mazzarri, un allenatore sanguigno che in carriera non ha vinto praticamente nulla (solo una Coppa Italia col Napoli l'anno scorso), ma che ha sempre fatto grandi cose nelle squadre che ha allenato. Ricordo una miracolosa salvezza raggiunta con la Reggina nel post Calciopoli, la Champions League raggiunta con la Sampdoria e, infine, il ruolo di seconda forza del campionato con il Napoli. Questa è la sua prima grande occasione di allenatore una squadra di primo livello, una squadra con un certo blasone e forti aspettative ogni anno. Il suo credo è la difesa a tre, con il modulo preferito del 3-5-2 che nel Napoli si è poi trasformato in un 3-4-1-2 vista la grande duttilità di Hamsik. Quest'anno le cose migliori con Stramaccioni le abbiamo fatte proprio con la difesa a tre e questo è un ottimo punto di partenza. Poi Mazzarri ritroverà in nerazzurro tantissimi giocatori che ha avuto in passato (vedi Campagnaro e forse Gargano) o che ha cercato quando era al Napoli (come Juan Jesus, Pereira, Andreolli e Icardi). Spero vivamente che la società appoggi per una buona volta le idee dell'allenatore sin da subito. L'ingaggio del tecnico livornese è arrivato con ampio anticipo sulla tabella di marcia verso la prossima stagione, il che ci da il tempo di programmare al meglio la prossima stagione. Speriamo possa essere la stagione della rinascita, speriamo Mazzarri possa riuscire anche in una piazza importante come la nostra. Benvenuto Mister.

10 commenti:

  1. Speriamo che il rinnovamento non si fermi all'allenatore. C'é bisogno di grandi cambiamenti anche nella dirigenza e nello staff medico.

    RispondiElimina
  2. Non c'è niente da dire, condivido sia il tuo pensiero che quello di Entius. Spiace per Stramaccioni (per ora l'unico esonerato), ma riproporlo sarebbe stato impossibile.
    E' incredibile, abbiamo postato la stessa immagine tra mille di Mazzarri, forse l'espressione è piuttosto emblematica di quel che ci aspettiamo faccia anche da noi.
    Un saluto e buon week-end.

    RispondiElimina
  3. www.pianetasamp.blogspot.com

    Una piccola precisazione: non fu Mazzarri a conquistare la Champions League con la Samp ma Del Neri...
    Detto questo reputo il tecnico di San Vincenzo il miglior allenatore italiano per cui considero la scelta di Moratti finalmente logica e di buon senso, se fallisce anche lui siete da ricovero:-)...ciao!

    RispondiElimina
  4. A me Mazzarri non fa impazzire per niente purtroppo...ma prima di giudicare ....vediamo quello che fa !

    RispondiElimina
  5. Intanto cambiano i preparatori atletici, e questo - dopo gli infortuni muscolari a nastro dell'ultima stagione - è già un discreto punto di partenza.

    RispondiElimina
  6. Infatti il Napoli è stata forse la squadra che ha avuto meno inforuni negli ultimi anni, quindi il fatto che mazzarri arrivi col suo staff è un bene.

    A casa quegli incapaci che hanno demolito l'Inter quest'anno!

    RispondiElimina
  7. Non si può essere felici o infelici per l'arrivo di Mazzanti a prescindere.
    Diamogli il tempo di iniziare a lavorare, vediamo come se la cava con quella dirigenza di incapaci, se riesce ad ottenere gli uomini che vuole oppure se si accontenta di mezze calzette. Sulle qualità del tecnico poco da dire: ricordo il salvataggio di una Reggina che, andato via lui, è scoppiata. Ricordo una bella Sampdoria e un gran bel Napoli, senza infortuni e con una difesa assai ermetica, con uomini al posto giusto e via col tango.
    Era impossibile salvare Strama, non ci ha capito più niente, e poi non è stato mai capace di prendersi la responsabilità dei tantissimi troppi disastri soprattutto difensivi. Ha fatto fare a Ranocchia a Juan Jesus e soprattutto ad Handanovic la figura dei polli con la disposizione cervellotica della difesa.
    Vada a fare esperienza con una squadra da media fascia, poi potrà aspirare a qualche squadra di vertice.
    Arriva l'indonesiano? Porta soldi freschi ed entusiasmo? Ben arrivato! Teniamoci Massimo Presidente emerito a vita e passiamo all'altro la mano.
    Io la penso così da una vita.

    RispondiElimina
  8. Ciao Vincenzo, io sinceramente su questa vicenda dell'indonesiano non sono molto ottimista. Per me sarà un nulla di fatto alla fine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo lo penso anch'io: vedrai che alla fine l'indonesiano se la batte senza lasciare il becco di un quattrino. E noi rimaniamo con 150 milioni di debito bancario, mentre Massimo va a Londra a meditare....

      Elimina
  9. I soliti bidoni di casa nostra. L'indonesiano che nella sua lingua, credo, incita alla preghiera; Moratti che spergiura che non cederà né Handanovic né Guarin, ma rinforzerà la rosa; le chiacchire con Cellino; il rientro dei propositi per lo stadio di proprietà (perché non ci sono soldi).
    La verità è che di questa dirigenza -da Moratti all'ultimo custode- non ci fidiamo più. Sappiamo delle promesse da marinaio mai mantenute, sappiamo della capacità di disastri di Branca e Ausilio.
    Pertanto: Handa e Guarin partiranno per fare cassa (figuriamoci se Moratti rifiuta un totale di 48 milioni); arriverà Rafael dal Brasile (ma chi è?); qualche altra mezza sega a costo zero.
    Se Mazzarri resta si troverà la squadretta dell'anno scorso che forse riuscirà col suo carisma a rivitalizzare un po'.
    Avete sentito le dichiarazioni del Mister? "L'allenamento è sacro"
    Non vi dice niente? Lo capite adesso il perché di un'annata disastrosa?
    E i nostri dirigenti di fama internazionale che facevano?
    Fintantoché ci sará la banda Moratti non andremo da nessuna parte, gente.
    Anche i compratori sono fasulli, cinesi e indonesiani, perché con noi si può schetzare. Perché l'indonesiano non offre la sua grana a Berlusconi o a Agnelli?

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore