domenica 3 febbraio 2013

Che schifo di Inter...

Che partita di merda, abbiamo fatto sembrare il Siena una bella squadra facendo passare giocatorini come Sestu e Rosina dei veri fenomeni. Mi scoccio pure di commentare una gara dove abbiamo fatto letteralmente schifo dal primo all'ultimo minuto. Tra i tre nuovi acquisti malissimi Schelotto, bene invece Kuzmanovic e Kovacic, con quest'ultimo che ha mostrato di che pasta è fatto. Portiamo a casa un pesante 3-1 contro l'ultima in classifica che allontana ancora di più la nostra ILLUSIONE di raggiungere il terzo posto. Cerchiamo almeno di evitare i preliminari di Europa League se è possibile.

PAGELLE:

HANDANOVIC 5: tre gol subiti e una sola grande parata. Bottino magrissimo per un portiere come lui.

RANOCCHIA 5: male come tutta la difesa, costretto a piegarsi in quello che è il suo punto debole, ovvero l'uno contro uno in campo aperto.

CHIVU 4: per Stramaccioni è un regista difensivo, ma ogni pallone che tocca è matematicamente perso. Continuo a ripetere che non ha le qualità neanche per dirigere la difesa a tre da centrale (il ruolo più delicato) quindi cosa ci fa ancora in campo? Per fortuna l'espulsione lo terrà fuori per la prossima partita.

JUAN JESUS 6: l'unico a rincorrere tutti gli avversari vincendo spesso i duelli sul pallone.

SCHELOTTO 4,5: debutto pessimo dell'ex Atalanta che difende malissimo e attacca peggio.

ZANETTI 4,5: inguardabile la partita del Capitano. A centrocampo non pressa, non imposta e non difende, cosa ci faceva in campo?

KUZMANOVIC 6: buon debutto per il centrocampista ex Stoccarda che in cabina di regia ha mostrato personalità, forza fisica e piede per disimpegnarsi bene il quel ruolo che ha ben ricoperto anche in Germania. Tutt'altra roba rispetto a Gargano.

GUARIN 5: l'unica cosa bella della sua partita è stato quel tiro nel primo tempo da quaranta metri. Per il resto buio pesto.

NAGATOMO 5,5: primo tempo da dimenticare, ripresa leggermente meglio sebbene le sue continue sovrapposizioni non sia mai state concluse con la giusta qualità.

CASSANO 5: il gol (abbastanza casuale) non maschera una prestazione altamente insufficiente.

PALACIO 4,5: se possibile, ha fatto anche peggio del compagno di reparto restando sempre ai margini del gioco senza mai entrare in partita. Malissimo.

KOVACIC 6: buon debutto del giovanissimo talento nerazzurro, che ha fatto vedere le sue qualità. Nonostante la giovane età ha mostrato grande qualità nel giro palla e nella visione di gioco.

ROCCHI 5,5: come si può commentare? Livaja saluta da Bergamo.

GARGANO S.V.

STRAMACCIONI 4: la squadra ha giocato veramente malissimo. Il Siena in ogni contropiede rischiava di farci gol e non ha saputo prendere le giuste contromisure. I continui cambiamenti di modulo inoltre non aiutano di certo la squadra a trovare una propria identità. Se si vuole continuare con la difesa a tre bisogna lavorare molto meglio sul lavoro degli esterni, se si vuole tornare a quattro bisogna ridisegnare il centrocampo. E basta con Guarin trequartista...

8 commenti:

  1. C'è poco da dire. All'orizzonte vedo nuvoloni neri e lo spettro di un'altra stagione fallimentare. E Stramaccioni magari pagherà per tutti...

    www.calciorum.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Aspettavo questo tuo pezzo. Mi pare che siamo rimasti solo io e te a sopportare questa onta, dove sono gli interisti che intasavano tutte le colonne quando si vinceva tutto? Dove sono i trionfalismi dopo il triplete?
    Sono come i falsi amici buoni a correre quando tutto va bene, ma che non trovi più nei giorni della merda (non ho detto merla, ma proprio merda. merda come merda).
    Un disastro totale, in cui è stato coinvolto anche Handanovic, che ha le sue colpe, perché non si guarda un pallone bello quanto volete, ma telefonato. E poi era un asso brasiliano o uno che fino a poco tempo fa giocava in serie B? E Rosina, che si porta a spasso mezza difesa? E questa difesa orfana di Samuel che non tiene mai?
    Chivu: ma come si fa a puntare su Chivu? Spizza palloni in area, fa uscite palle al piede di 40 metri aprendo la nostra difesa, contro una squadretta che si chiude a riccio e riparte sulle corsie esterne facendo massacri. Nagatomo ha solo corso, ma almeno ha corso: Cassano cammina da qualche tempo, Zanetti rivela l'età oramai in modo lampante, Kuzmanovic ha fatto la sua ordinata partita con molta abnegazione, Guarin: ma chi gli deve far capire che gioca in una squadra e non da solo? Da un po' di tempo si è messo a fare il capo tribù e fa tutto da solo, al 90% male.
    Palacio non è una prima punta, ma una seconda, questo bisognava saperlo e non vendere Livaja così in fretta, senza avere che un Rocchi che indossa la maglia punto e basta.
    Si salva Juan Jesus, che guarda caso volevano dar in prestito.
    Kovacic: se prendi un ragazzo del 1994, che non parla la lingua, che ha nella testa la confusione di un trasferimento che lo ha frastornato, che non gioca da dicembre, che ha fatto solo due allenamenti, lo butti in campo in un secondo tempo dove stai sotto dentro una bolgia, che non capisce perché non lo conosce il sistema di gioco italiano che non è il sistema croato, rischi di mandarlo a fondo nella merda. Non fa un granché, ma almeno mantiene i nervi a posto facendo capire che forse non sarà Maradona, ma che potrebbe diventare un nuovo Prociniewsky, che la palla tre la nascondeva. Merita una controprova, ma che gli si dia, altrimenti si rischia di perderlo prima di acquistarlo.
    Stramaccioni ha sbagliato parecchio, quasi tutto e non ha ancora capito che deve dare un impronta definitiva di gioco al tipo di squadra che ha in testa e deve cercare il consenso dei suoi interpreti, altrimenti pagheremo tutti e brutalmente la sua inesperienza.
    Mettiamoci una pietra sopra ricordando però le prime parole del nostro numero uno, il presidentissimo.
    "E adesso lo scudetto". Che cos'è presidente, qualcosa che se magna?

    RispondiElimina
  3. Con Stramaccioni non abbiamo futuro. Via subito con Branca. Forse riusciamo a salvare qualcosa...

    Ciao. :)

    RispondiElimina
  4. Speravo in tutt'altro impatto da parte dei nuovi, che a parte Schelotto si sono ben comportati, speravo quantomeno potessero dare una scossa a un ambiente diventato n po' statico, mi pare che abbiamo perso tutta la grinta del dopo Siena dell'andata, pare non ci sia voglia di lottare e neppure di fare squadra.
    Capisco tutta la tua amarezza, anch'io ero in dubbio se giudicarli oppure no, è diventata una tal tristezza seguirla ultimamente...
    Un saluto.

    RispondiElimina
  5. Stramaccioni deve avere il coraggio di mettere da parte gente ormai non piu affidabile come chivu, cambiasso, zanetti e puntare su gente fresca e più affamata di vittorie.

    Mi spiace soprattutto per chuchu e pupi, ma è ora che facciano largo ai giovani, visto che nel 70% almeno delle partite sono assolutamente insufficienti.

    Stramaccioni abbia il coraggio di fare questi cambiamenti, sperando che in estate venga ringiovanito e rinforzato sensibilmente anche l'attacco, che al momento è ridotto veramente all'osso...

    RispondiElimina
  6. Cari amici voi almeno avete un presidente, noi nemmeno quello.
    Ogni anno è sempre la stessa storia. Dalle stelle alle stalle.

    http://mondobiancoceleste.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. beh yashal voi almeno avete un progetto chiaro e lo state dimostrando. Noi fino all'ultimo giorno di mercato invernale sembrava navigassimo in alto mare. Voi state meglio di noi, credimi :P

    RispondiElimina
  8. Tutto vero, però a me sembra che le ultime gare abbiano evidenziato un manco enorme: gli altri corrono, noi camminiamo. I giocatori granata volavano sulle fasce e in mezzo alle nostre linee quasi inesistenti; i bianconeri senesi sembravano marziani. Aver presentato quello Schelotto non era civile nei confronti di un atleta che non si era potuto allenare con la propria squadra, ma a parte Nagatomo chi correva ieri pomeriggio?
    Può chiamarsi difensore di esperienza internazionale quello che provenendo l'attacco dalla sinistra si pone in marcatura "alla destra" dell'attaccante, che quindi gli coprirà la palla, come contro il Torino, tale e quale? Risultato due gol eclatanti. Ma qui lo insegnano ai pulcini a mettersi tra palla e attaccante, come mai da noi nemmeno ai cosiddetti campioni internazionali, quale Chivu dovrebbe essere? E Zanetti, cosa ci faceva lì in mezzo mentre arrivava la palla del primo gol, senza intervenire minimamente? E Guarin, cosa ci faceva al limite della nostra area quando ha pasticciato e ha lasciato al Toro la palla comoda comoda dell'uno a uno?
    È un colossale casino tecnico e fisico, e passa tutto in secondo ordine: mettiamo uomini nuovi a centrocampo e mancano in attacco e in difesa. Insomma qualcosa non va anche in basso, non soltanto negli alti vertici della società.
    E siamo alla solita conclusione: il pesce comincia a puzzare dalla testa. Se non si è capaci di contornarsi di gente valida non si può pretendere di comandare.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore