domenica 20 gennaio 2013

Un punto prezioso a Roma


Roma - Inter, una partita che per quello che si è visto in campo potevamo tanto vincere quanto perdere. Alla fine è stato pareggio con reti di Totti su rigore e di Palacio, tutte nel primo tempo. Un pareggio che va sicuramente molto bene a noi, visto che ci siamo presentati contro una Roma al completo con una marea di assenti, tra cui Samuel, Milito, Cassano e Cambiasso. In campo è sceso il giovane Livaja in coppia con Palacio, mentre a centrocampo è sceso un inguardabile Gargano. Stento a ricordare un centrocampista così scarso negli ultimi anni di Inter, una cosa oscena, un giocatore inguardabile, così come oscene stasera le scelte di Stramaccioni a partita in corso. Prima la sostituzione di Nagatomo con Obi, messo a fare il terzino sinistro. Poi l'incredibile cambio di un buonissimo Livaja con quel nonnetto di Rocchi e infine la sostituzione di quell'orrore calcistico di Gargano dopo appena appena 85 minuti di gioco. Molto male Stramaccioni stasera. Comunque è stata una partita giocata a viso aperto, con la Roma che ha giocato più palla a terra sfruttando chiaramente le qualità di tutti i suoi titolari, noi invece abbiamo giocato palla lunga in contropiede su un ottimo Palacio, ben affiancato da Livaja e Guarin. Ben venga questo pareggio, adesso speriamo di recuperare tutti gli infortunati e di vedere finalmente qualche buon innesto nella rosa (Rocchi non lo considero nemmeno).

PAGELLE:

HANDANOVIC 7: sul calcio di rigore non poteva fare nulla, ma poi ha salvato la porta in due occasioni clamorose, una con grande intelligenza e un'altra con una prodezza da fenomeno.

RANOCCHIA 5,5: un primo tempo da incubo e una ripresa di buon livello. In media, una sufficienza stentata.

CHIVU 5: molto male. Se scende in campo è per dare qualità in fase di inizio della manovra, se non fa neanche quello è completamente inutile visto che non ha le qualità per dirigere tutta la difesa.

JUAN JESUS 6,5: l'unico a salvarsi nella retroguardia nerazzurra. Nonostante le continue sovrapposizioni dalla sua parte, è sempre riuscito a frenare l'avversario di turno. Invalicabile.

NAGATOMO 5: torna in campo dopo l'infortunio e il suo apporto è assolutamente nullo.

ZANETTI 5: il gol della Roma nasce da un suo clamoroso svarione in fase di impostazione. Per il resto gioca senza infamia e senza lode.

GARGANO 3: una cosa inguardabile, incommentabile. Senza parole. Peggio anche di Jonathan, e ho detto tutto.

PEREIRA 6: in fase offensiva è sempre presente, fornisce un valido sostegno ai compagni d'attacco. In fase difensiva invece ha un pò latitato lasciando spesso solo il povero Juan contro Lamela e Piris.

GUARIN 6,5: qualche giocata sbagliata di troppo, ma è sempre pericoloso ogni volta che prende palla e il gol del pareggio nasce da una sua grande iniziativa.

LIVAJA 6,5: ottima prestazione del giovane croato che stasera ha dimostrato l'inutilità dell'acquisto di Rocchi. Peccato per il palo che gli ha negato un bellissimo gol.

PALACIO 7: insieme a Handanovic, il migliore in campo. Olter al gol, si è sempre fatto trovare pronto dai compagni e ha sempre giocato palloni intelligenti e preziosi per la squadra.

OBI 6: nonostante l'indecente ruolo di terzino destro, si è comportato molto bene. Speriamo di averlo recuperato definitivamente.

ROCCHI 5: entra e non combina nulla di buono se non un fallaccio che gli costa il cartellino giallo.

MUDINGAYI S.V.

STRAMACCIONI 4: stavolta non posso esimermi dal dare una nettissima insufficienza a Stramaccioni. Non tanto per il gioco e per il risultato ottenuto che, viste le nostre assenze, sono risultati soddisfacenti. Ma la gestione dei cambi è stata aberrante. Gargano sostituito dopo quasi novanta minuti è stato scandaloso. Rocchi per Livaja ai limiti della follia. E il povero Obi messo a fare il terzino destro quando poteva benissimo scalare Zanetti... Male male.

2 commenti:

  1. Sono d'accordo su quasi tutto, meno che su Guarin, che è stato un mostro, anche perché doveva rifiatare. Considera che lui contro il Bologna per almeno 100 dei 120 ha fatto un mazzo così. A me ricorda in parte il miglior Matthaus, che nessun interista ha mai potuto dimenticare. Anche lui faceva un po' troppo da solo, ma era un mostro. Piuttosto Guarin non può essere caricato di tanti compiti: non è un regista ma un cemtrocampista difensivo-offensivo, che toglie un sacco di palloni agli avversari e quando fa i suoi affondo è incontenibile.
    Gargano si sarebbe dovuto chiamare GORGONE, perché quando lo guardi rimani impietrito.
    Strama ieri sera aveva una gran paura che la squadra si squagliasse al sole.
    Livaja, come al solito lo volevano dare in prestito.
    Adesso avrebbero venduto al Galatasaray Snejider per 7,5 milioni. Ma vi pare possibile? I russi gli offrivano l'anno scorso 40 milionie han detto no, e adesso questo! La dirigenza dell'Inter è una barzelletta. 19,5 milioni risparmiati più sti 7,5 fanno solo 27 milioni: se lo vendevano l'anno scorso risparmiavano 26 milioni più i 40 facevano 66 milioni: risultato una perdita secca di 39 milioni. Complimenti signor Moratti! Per quante migliaia di euro si possono comperare le sue aziende?

    RispondiElimina
  2. La rovina nostra è Branca, un assoluto incapace nella gestione del mercato, in particolare per quello in uscita. Veramente incapace.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore