domenica 6 gennaio 2013

Tracollo Inter a Udine

Queste partite o si vincono o si perdono. Se le occasioni che crei le concretizzi vinci la partita, altrimenti la perdi. Oggi l'abbiamo persa contro l'Udinese, anche malamente. Dopo aver sciupato clamorosamente palle gol incredibili con i vari Jonathan e Palacio, alla prima occasione arriva il gol inatteso dell'Udinese con Di Natale. La conseguente espulsione di Juan Jesus ha completamente disintegrato lo scacchiere tattico nerazzurro che è caduto in balia dei contropiedi avversari che hanno addirittura raggiunto un bugiardissimo risultato finale di 3-0. Ma il calcio è questo e quando le occasioni non le concretizzi, alla fine perdi. In tutto questo, faccio una considerazione sul gioco espresso e sugli uomini a disposizione di Stramaccioni. Finchè pensi di affidare le chiavi del gioco della squadra a fabbri come Gargano e finchè spero di poter sostituire una leggenda come Maicon con gentaglia come Jonathan, è chiaro che a più di un piazzamento risicato in zona Champions League non puoi aspirare. Se la società si sveglia e muove con decisione e serietà sul mercato, possiamo anche sperare, altrimenti prepariamoci a vivere una seconda parte di stagione di alti e bassi come questi primi sei mesi. Intatto oggi abbiamo assistito a un vero tracollo.

PAGELLE:

HANDANOVIC 5: forse questa è la prima vera insufficienza per il nuovo portierone nerazzurro. Nel primo tempo sottovaluta Di Natale su calcio di punizione e viene salvato solo dalla traversa, nella ripresa sulle tra occasioni concretizzate dall'Udinese non è riuscito a salvarne nemmeno una, sebbene in almeno due poteva fare molto meglio.

SAMUEL 5,5: schierato sul centro destra della difesa a tre va in grandissima difficoltà con la palla tra i piedi, dato che sa giocare solo di sinistro, ma difensivamente non ha affatto demeritato.

CAMBIASSO 5,5: qualcosa di buono l'ha fatto, ma in occasione di entrambi i gol di Di Natale ha tenuto una posizione completamente errata tenendo in gioco l'avversario.

JUAN JESUS 5,5: era stato fino al momento dell'espulsione uno dei migliori. Ma il cartellino rosso a pochi minuti dal vantaggio di Di Natale ha completamente spezzato le gambe alla squadra che si è disunita e ha perso malamente la partita.

JONATHAN 3: spero davvero che questa sia stata l'ultima pessima partita di questo mezzo giocatore in maglia nerazzurra. Ricordo ancora quando quel genio di Marco Branca ci aveva detto che questo terzinaccio brasiliano era il nuovo Maicon e ci avrebbe sorpreso. E' uno dei terzini più scarsi che la storia nerazzurra possa ricordare e il gol mangiato oggi ne è la prova. Mandatelo via a pedate.

ZANETTI 5,5: a parte una bellissima giocata sulla fascia, non si è visto granchè.

GARGANO 5: sbaglia una marea di palloni in tutta la partita e ancora mi chiedo come si possa pensare di affidare a lui la manovra della squadra. Più di un rubapalloni non può essere sto giocatore, facciamogli fare solo quello o rimandiamolo da dove è venuto.

GUARIN 6,5: l'unico a salvarsi oggi. Grande forza e qualità come al solito.

PEREIRA 5,5: difensivamente mi è piaciuto molto, ma in fase offensiva ha lasciato molto a desiderare.

CASSANO 5,5: qualche bella palla l'ha messa, ma i suoi compagni non hanno saputo capitalizzare.

PALACIO 4: peggio di Jonathan è davvero difficile giocare, ma oggi Palacio ci è andato molto vicino. Ha avuto addirittura quattro palle gol nettissime tra i piedi e non ne ha messa dentro una. Incredibile.

DUNCAN S.V.

ROCCHI S.V.

SILVESTRE S.V.

STRAMACCIONI 5: il materiale a disposizione è quello, non c'è niente da fare e finchè gli infortuni non diminuiranno non potrà fare a meno di mettere in campo quei ciabattari come Jonathan e Gargano. Almeno che non caccia le palle e inizia a schierare titolare gente come Duncan.

4 commenti:

  1. Stramaccioni può far ben poco con questa rosa. A questo punto però dare spazio ai giovani potrebbe non essere un'idea malvagia...

    www.calciorum.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Esatto, l'unica cosa in più che potrebbe fare secondo me è avere il coraggio di provare qualche giovane ma seriamente. però non tutti i giovani sono pronti e forti come è successo con Juan Jesus, diventato da sconosciuto a titolare inamovibile.

    I primi test potevano essere con Duncan, Crisetig, Livaja, Bessa e Longo, ma per un motivo o per l'altro su nessuno si è voluto REALMENTE puntare.

    Al loro posto, abbiamo Gargano, Mudingayi e Rocchi. Che tristezza.

    RispondiElimina
  3. Condivido e sottoscrivo tutto, dai voti ai giudizi, fino ai commenti.
    Siamo ridicoli e mediocri, ma soprattutto stiamo facendo naufragare il progetto giovani: ieri Rocchi, domani Sorrentino, poi a chi tocca?
    Un saluto.

    RispondiElimina
  4. Null'altro da aggiungere Vincenzo. Che la società rifletta.

    Ciao. ;)

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore