domenica 22 luglio 2012

Trionfo al trofeo TIM



La prima uscita degna di nota della nuova Inter di Stramaccioni è stata tutto sommato positiva. Nel classico triangolare estivo con Milan e Juventus, i nerazzurri hanno trionfato battendo entrambe le avversarie nelle rispettive mini partite. Contro la Juventus si è vista una squadra, quella bianconera, con automatismi più consolidati (e ci mancherebbe pure) e questo ci ha fatto soffrire nei primi dieci minuti. Poi Stramaccioni ha apportato un aggiustamento tattico per dare maggiore supporto al giovane (per me ancora acerbo) Mbaye e la partita si è riequilibrata. La vittoria è stata sigillata dal giovane Philippe Coutinho, che ha sfruttato la prima cappellata di Lucio in bianconero, e non vi nascondo che ho goduto come un riccio. Poveri gobbi. Il secondo match, il derby, è stato ben più avvincente e pieno di gol. L'Inter era meglio messa in campo ma è stato il Milan a trovare il vantaggio con El Sharawy che ha sfruttato un erroraccio di Chivu. La squadra nerazzurra però ha mostrato grande carattere e prima ha pareggiato con un bellissimo gol di Guarin, che di testa ha finalizzato un bel cross di Palacio, per poi ribaltare il risultato proprio con l'ex Genoa, che ha sorpreso la difesa milanista in contropiede. Come miglior giocatore del torneo è stato eletto Coutinho, che ha giocato due buone partite facendo vedere i progressi maturati in questo inizio di precampionato, anche se secondo me il premio lo avrebbe meritato Guarin, ormai vero pilastro del centrocampo interista, in quanto coniuga corsa, grinta, quantità e qualità. Un centrocampista davvero completo.
Ecco, infine, le mie valutazioni sui nostri ragazzi.

PORTIERI:
Handanovic ha disputato contro la Juventus un buona partita mostrando sicurezza e agilità, soprattutto nel salvare il risultato su una conclusione ravvicinata di Quagliarella. Il suo vice Belec, invece, contro il Milan ha fatto vedere delle ottime cose, compresa una superba parata su tiro da lontano di Boateng.

GIOVANI:
tra i giovani ha sicuramente ben impressionato Coutinho, sul quale l'Inter dovrà obbligatoriamente puntare per il prossimo futuro. Oltre al gol segnato contro la Juventus, ha fatto vedere un ottimo spirito di sacrificio e attenzione tattica. Mbaye, al contrario, mi è sembrato abbastanza acerbo per certi palcoscenici. La sua migliore qualità mostrata ieri è stata sicuramente la grande polivalenza, visto che ha giocato terzino sinistro, centrale nella difesa a tre e terzino destro. Ma da un punto di vista tecnico e tattico l'ho visto ancora non molto pronto, d'altro canto ha solo 17 anni, quindi vediamo di non bruciarlo. Infine, Longo ha giocato davvero poco per poter dare un giudizio significativo su di lui, ma resto ancora del mio parere che non ha il talento dei suoi predecessori Balotelli e Destro per sfondare a grandi livelli. Spero di sbagliarmi ovviamente.

SENATORI:
tra i senatori, come ho già detto, quello che più mi ha colpito è stato Guarin. Tra Milito e Palacio deve ancora formarsi la giusta sintonia, visto che spesso e volentieri hanno sbagliato la giocata a causa di loro incomprensioni. A differenza di Milito, però, Palacio ha fornito un bell'assist per Guarin e ha sigliato il gol vittoria contro il Milan. Silvestre e Ranocchia mi sono sembrati entrambi in buona forma, mentre Chivu ha fatto qualche cappellata di troppo, ma spero che nella prossima stagione sia la quarta scelta nel ruolo, dopo Samuel e gli stessi Ranocchia e Silvestre.

MERCATO:
ieri si sono avute anche delle importanti conferme di mercato. Handanovic indossava il numero 1, mentre Coutinho il numero 7. Chiaro segno che Julio Cesar e Pazzini sono ufficalmente sul mercato e non c'è possibilità che restino in nerazzurro.

3 commenti:

  1. Doppia vittoria, ma la Rubbe era senza mezza squadra (quella più forte) e il BB?ilan la prima gara ufficiale la fa tra un mese, mentre noi il 2 agosto siamo già sotto. Valutazioni che valgono quindi poco, in relazione agli avversari incontrati.

    RispondiElimina
  2. @fcoraz
    Alla Rube mancava Pirlo, a dimostrazione di come senza il regista Italiano il palleggio sia lento e prevedibile. Per il resto però la Rubentus ha meccanismi più rodati dei nostri. Il Bbilan invece ieri ha messo tutti giovani solo perché non può schierarne altri.
    Saluti da Vincenzo

    RispondiElimina
  3. Pensavo fossimo quantomeno un po' più avanti rispetto agli altri come preparazione, vedremo, cero che c'è molto da lavorare e ancora da fare sul mercato, questa rosa non è certo completa così.
    Un saluto.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore