sabato 28 luglio 2012

Con Celtic è pareggio, ma così non va!


Il debutto ufficiale in Europa League è ormai alle porte e oggi pomeriggio contro il Celtic avevamo l'occasione di testare a che punto stavamo come tenuta fisica e di gioco. Nel pareggio per 1-1 contro gli scozzesi le indicazioni non sono state granchè confortanti. Nel primo tempo, dove l'Inter ha giocato con il 4-2-3-1, abbiamo giocato da cani subendo costantemente l'iniziativa avversaria senza riuscire a fare neanche un tiro nello specchio avversario. La mediana Guarin Cambiasso non va per niente bene ma non per colpa del Guaro, ma per Cambiasso che ormai è sempre più un campione sulla via del tramonto. La fascia destra con Silvestre terzino e Jonathan ala è stata una cosa inguardabile mentre in difesa se Ranocchia ha fatto benissimo, Chivu è stato indecente e ancora mi chiedi come mai Stramaccioni, che ha fatto giustamente sbolognare gente ormai finita come Lucio e Forlan, abbia chiesto con forza la conferma del rumeno. Nel secondo tempo Stramaccioni ha ridisegnato la squadra con il rombo a centrocampo prima e con il 4-3-3 poi con Livaja e Palacio ai lati di Milito. Il gioco è decisamente migliorato portando la squadra a certamente più insistentemente il pareggio fino a trovarlo con un ottimo Palacio. Ma bisogna osservare che il pareggio è arrivato quando ormai il Celtic era pieno di giovani della primavera, il che non deve affatto lasciarci tranquilli. Se da questa amichevoli speravamo di ottenere delle indicazioni positive, a mio avviso è successo proprio il contrario. Il mercato non deve e non può assolutamente essere considerato finito. Almeno un altro terzino di spinta oltre Nagatomo (e ovviamente con la partenza di Maicon) serve assolutamente, a centrocampo un altro colpo importante è assolutamente necessario visto che al momento l'unico giocatore di livello che abbiamo è Guarin. Non oso immaginare con che mediana dovessimo schierarci nel caso al colombiano venisse un semplice raffreddore. Infine, in attacco serve almeno un altro colpo. E' da folli pensare di cambiare Forlan, Zarate, Pazzini e Castaignos con Palacio e Longo. Almeno un altra punta e un altro esterno servono assolutamente alla squadra. Tutto questo ovviamente se si vuole restare competitivi. Ma, arrivati a questo punto mi chiedo, è veramente questo l'obiettivo della società?

2 commenti:

  1. Meglio uscire dalla El subito....forse qualcuno si accorgerebbe della squadra che abbiamo e soprattutto perché risparmiamo un scco di energie....non abbiamo la squadra per giocare al giovedí e alla domenica !

    RispondiElimina
  2. Riprendo la tua frase finale "Ma, arrivati a questo punto mi chiedo, è veramente questo l'obiettivo della società?", ed effettivamente, vedendo come ci stiamo muovendo i dubbi sono più che leciti, che facciamo, ci aggrappiamo ancora una volta alla speranza fino al 31 agosto termine del calciomercato?
    Francamente comincio sempre più a dubitarne.
    Un saluto.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore