martedì 19 giugno 2012

Se con la Croazia avevamo già mostrati dei passi indietro rispetto al brillante debutto contro la Spagna, con l'Irlanda il nostro gioco è diventato ancora più impacciato e modesto, tanto da non riuscire a creare più di due o tre occasioni da rete in tutta la gara. Nonostante ciò, la fortuna ci ha assistito e due delle rare conclusioni pericolose verso la porta avversaria si sono trasformate in gol, prima con Cassano, poi con il subentrato Balotelli, entrambi i gol nati da calcio d'angolo. Quest'ultimo aspetto la dice lunga sulla difficoltà incontrata dagli azzurri nel creare gioco contro una squadra già fuori dall'Europeo. Tra gli aspetti negativi, oltre la mancanza di idee, ci sono le scelte tattiche dell'allenatore, che ha proposto un attacco peso piuma composto da Cassano e Di Natale contro i colossi difensori dell'Irlanda. Non a caso, i due attaccanti hanno davvero faticato a entrare nel vivo del gioco e le loro conclusioni a rete si contano sulle dita di una mano. Da questo punto di vista, non possiamo certo fare a meno di un ariete come Balotelli, che appena entrato ha dimostrato subito la differenza con Di Natale, prendendo a sportellate i giganti irlandesi, creando occasioni da gol e trovando il raddoppio della sicurezza. Alternative a Balotelli non ne abbiamo, e per questo ancora mi chiedo spiegazione per l'esclusione di Destro a favore di Borini. L'obiettivo di mercato dell'Inter ha un fisico più importante e vicino alle caratteristiche di Balotelli e questo doveva consentirgli di esserci a questa competizione. Come note positive, invece, mi preme sottolineare la ottima partita di Balzaretti, che ha ampiamente dimostrato di essere una spanna superiore nel ruolo di fluidificante di sinistra rispetto all'inadeguato Giaccherini, la cui presenza agli europei è ancora un fitto mistero. Comunque, ora non possiamo fare altro che esultare e accontentarci di questa vittoria che, grazie alla contemporanea vittoria della Spagna sulla Croazia, ci consente di avanzare ai quarti di finale, dove affronteremo una tra Francia, Inghilterra e Ucraina. L'ultimo girone si deciderà stasera e finalmente conosceremo il nostro prossimo avversario. Sta di fatto che per andare avanti in questa competizione, ci vorrà tutta un'altra Italia.

PAGELLE:

BUFFON 6: è una certezza nel guidare la difesa.

ABATE 5,5: di certo non ha fatto meglio di Maggio, al contrario non è stata una prestazione eccezionale per un giocatore che in nazionale conta una manciata di partita.

BARZAGLI 6: torna dall'infortunio e disputa una buona gara ridando una certa quadratura al reparto difensivo.

CHIELLINI 6: buona prestazione anche per l'altro juventino, che però è stata costretto a uscire per un infortunio che sembra essere abbastanza serio.

BALZARETTI 6,5: sulla sinistra ha spinto tantissimo, con continue sovrapposizioni che hanno messo in non poco imbarazzo la difesa irlandese. Di un altro livello rispetto a Giaccherini.

MARCHISIO 6: partita nella norma per lui, senza infamia e senza lode.

PIRLO 6,5: come al solito, ottimo in cabina di regia anche se a volte tiene troppo palla.

DE ROSSI 6,5: spostato a centrocampo, ha potuto dare nuovamente il meglio di se. In mezzo al campo è una pedina fondamentale della quale non possiamo fare a meno.

THIAGO MOTTA 5: stanco e lento, non si è reso protagonista di una prestazione memorabile.

CASSANO 6: bravo nel farsi trovare pronto in occasione del gol del vantaggio, però ha sofferto molto la fisicità della difesa irlandese.

DI NATALE 5: per lunghi tratti è rimasto ai margini dell'azione, senza riuscire a fornire alla squadra un punto di riferimento in attacco.

BALOTELLI 6,5: entra e da tutto un altro volto all'attacco azzurro. La fisicità della difesa irlandese ha trovato un avversario all'altezza che ha subito creato qualche occasione pericolosa, fino a trovare il bellissimo gol della sicurezza.

DIAMANTI 6: è entrato con personalità e ha mostrato delle buone giocate.

BONUCCI S.V.

PRANDELLI 5,5: la squadra ha si vinto, ma ha mostrato una ulteriore involuzione dal punto di vista del gioco. Atleticamente è una nazionale ancora insufficiente, visto che ancora una volta a trequarti di gara la squadra è già sulle gambe. Per fortuna, ha apportato dei cambiamenti significativi come l'inserimento di Balzaretti e lo spostamento di De Rossi a centrocampo, ma dovrebbe capire che questa Italia non può fare a meno di Balotelli.

Nessun commento:

Posta un commento

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore