domenica 27 novembre 2011

Vittoria sofferta a Siena. Castaignos in gol!

Finalmente l'Inter è riuscita a mettere a segno due vittorie consecutive in questo campionato con la vittoria all'ultimo minuto contro il Siena grazie al gol del giovanissimo Luc Castaignos. E' stata però una partita penosa, giocata a ritmi bassissimi, senza idee, senza gioco e senza occasioni da gol. Il primo tempo è stato da mani nei capelli con uno Zarate veramente imbarazzante e sostituito per l'ennesima volta dopo soli quarantacinque minuti. Nella ripresa shoccante è stata la mossa di Ranieri di cambiare esterni d'attacco togliendo Zarate (giustamente) e Alvarez, che fino ad allora era stato uno dei più propositivi, mettendo Obi a destra e Castaignos a sinistra. Con questa disposizione non abbiamo visto palla per diversi minuti finchè il nigeriano non è stato riportato a sinistra e l'olandese a destra, dove però ha continuato a perdere palloni su palloni. La partita, a mio avviso, si è decisa negli ultimi minuti quando il Siena ha tolto Calaiò rinunciando di fatto a giocare e l'Inter ha inserito Milito al posto di Cambiasso passando a uno schieramento decisamente più offensivo. Detto fatto, dopo aver sfiorato la rete su punizione, Thiago Motta ha dato una bellissima palla a Castaignos che in un fazzoletto ha stoppato e messo la palla alle spalle del portiere avversario, realizzando il suo primo gol in maglia nerazzurra. Tre punti sofferti, a un certo punto inaspettati ma davvero pesanti. La strada continua ad essere in salita, perchè c'è ancora molto da lavorare prima di poter davvero tornare a sognare qualcosa di importante. Per ora non possiamo fare altro che giocare di partita in partita senza aspettative.

PAGELLE:

JULIO CESAR S.V.:
in novanta e più minuti di partita non ricordo una sola parata del portiere brasiliano, che quindi non è valutabile.

NAGATOMO 5:
un dato inconfutabile è che il terzino giapponese non ha, secondo me, le qualità per poter giocare nell'Inter, almeno da titolare. Oggi ha difeso male e attaccato peggio. Prestazione incolore.

RANOCCHIA 5,5:
in difficoltà contro Calaiò, è sembrato più sicuro e solido quando l'attaccante senese ha lasciato il campo.

SAMUEL 6:
solido e roccioso, ha tenuto a galla la difesa con bravura ed esperienza.

ZANETTI 6:
il Capitano ha salvato il risultato in un paio di occasioni, meritandosi la sufficienza in pagella.

THIAGO MOTTA 6,5:
il brasiliano è risultato alla fine il migliore in campo, avendo sempre distribuito bene il gioco nerazzurro davanti la difesa, andando vicino al gol su punizione e regalando l'assist vincente a Castaignos.

STANKOVIC 5,5:
leggermente meglio rispetto alle ultime uscite, ma il problema è che ormai gioca solo da fermo e per vincere a certi livelli questo non basta di certo.

CAMBIASSO 5:
oggi assolutamente insufficiente. Mai visto un Cambiasso toccare così pochi palloni in una partita.

ALVAREZ 5,5:
solo quarantacinque minuti per l'argentino che però è stato l'unico nella prima frazione di gioco ad assumersi la responsabilità di giocate più rischiose che hanno creato qualche preoccupazione per la retroguardia senese. Sostituito inspiegabilmente.

ZARATE 4:
un tempo di gioco imbarazzante, non ha fatto un solo dribling significativo, non ha fatto un passaggio interessante e ogni volta che si trovava con la palla tra i piedi sembrava a disagio. Impossibile non lasciarlo negli spogliatoi nella ripresa.

PAZZINI 4,5:
da lui ci si aspetta molto di più, soprattutto quando parte dall'inizio. Se non arrivano molti cross deve cambiare stile di gioco, andando a cercarsi palloni anche lontano dall'area di rigore, dando così ai compagni di squadra soluzioni alternative.

OBI 6:
dopo un inizio spaesato a causa della posizione assolutamente inadeguata assegnatagli dall'allenatore, è poi salito in cattedra fornendo una buona prestazione costituita da corsa, grinta e dinamicità.

CASTAIGNOS 6:
fino all'89° la sua è stata una prestazione da quattro in pagella, ma appena è stato spostato al centro dell'attaccante l'ha messa dentro, regalando la vittoria all'Inter e meritandosi di conseguenza la sufficienza.

MILITO S.V.

RANIERI 5:
l'Inter ha vinto ma ancora una volta ci sarebbe molto da discutere sulle sue scelte al calcio d'inizio e a partita in corso. L'unica mossa indovinata è stato l'inserimento di Milito nel finale con l'accentramento di Castaignos che ha mandato in tilt la retroguardia del Siena.

4 commenti:

  1. A parte Thiago Motta siamo sulla stessa lunghezza d'onda...ma che noia, che sofferenza.
    Almeno abbiamo fatto tre punti, vedremo.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  2. Ci teniamo stretti i tre punti e risaliamo in classifica. Punto.

    Nagatomo non può circolare, io darei fiducia a Faraoni...

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo, Nagatomo non può assolutamente essere titolare di una squadra che punta al vertice.

    Il problema non si pone a destra (ruolo di Faraoni) dato che con Maicon, Jonathan e Zanetti stiamo più che a posto, il problema è a sinistra dove il posto se lo giocano Chivu e Nagatomo (col primo che quasi sicuramente andrà via).

    Ci vuole un grande innesto a sinistra e non credo possa essere quel Juan Jesus di cui tanto si parla...

    RispondiElimina
  4. Avanti così. Vittoria meritata.

    saluti laziali
    http://mondobiancoceleste.blogspot.com

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore