domenica 20 novembre 2011

L'Inter riparte dal Cagliari

La rincorsa dell'Inter di Ranieri inizia con una soddisfacente vittoria sul Cagliari. Un 2-1 che alla fine dei novanta minuti va anche stretto ai nerazzurri, che hanno dominato la gara dall'inizio alla fine, con i sardi che hanno messo in campo tatticismo, falli e tuffi a non finire. Al fischio d'inizio l'Inter è partita con Coutinho dietro le punte, a causa del forfait dell'ultimo minuto di Sneijder, che ha avvertito un dolore muscolare nel riscaldamento. Speriamo non sia nulla di grave. Nella prima frazione di gioco, abbiamo sempre tenuto il pallino del gioco non concedendo nulla al Cagliari. Sembrava un'altra partita maledetta quando prima Pazzini e poi Zarate hanno lasciato il segno sulla traversa della porta di Agazzi, che grazie alle sue parate è risultato il migliore dei suoi. Nella ripresa c'è stata la svolta. Ranieri ha fatto la mossa vincente togliendo un comunque positivo Zarate per inserire Alvarez e passare al 4-2-3-1 con l'argentino a destra, Cambiasso trequartista e Coutinho a sinistra. Con questo schieramento il gioco dell'Inter è migliorato sensibilmente, con un attacco più ad ampio respiro e spinto dal brio di Coutinho e da una sorprendente e strabiliante partita di Alvarez, che ha letteralmente cambiato il match con le sue grandissime giocate. Si sapeva che l'argentino fosse un gran talento ma fino ad ora non aveva ancora mostrato le sue qualità. Ieri l'ha fatto, e sono rimasto a bocca aperta. Fantasia, tecnica, imprevedibilità, cambio di passo e assist d'oro. Il vantaggio nerazzurro è arrivato proprio da una punizione calciata dall'argentino che, sporcata da Pazzini, ha raggiunto Thiago Motta che ha timbrato il tabellino dei marcatori. Bisogna dire che sul tocco di Pazzini, Thiago Motta era in fuorigioco, ma sinceramente non me ne frega nulla e anzi dico che, alla luce di quanto abbiamo subito dall'inizio di stagione ad oggi, la classe arbitrale è ancora in ampio debito nei nostri confronti. Il raddoppio è arrivato con una bellissima azione di contropiede conclusa da Coutinho con un preciso destro nell'angolino basso. Anche in questo caso l'assist è stato di Alvarez, assoluto mattatore della difesa sarda. Nel finale il Cagliari ha accorciato le distanze con Larrivey, ma ormai la partita era in cassaforte e l'Inter ha conquistato tre punti preziosissimi anche alla luce dei pareggi di Napoli e Milan, così che abbiamo già recuperati due punti su di loro. Vedremo oggi cosa faranno le altre che sono in alto, ma noi dobbiamo solo pensare a vincerle tutte. Abbiamo fatto una mostruosa rimonta l'anno scorso, perchè non riuscirsi anche quest'anno?

PAGELLE:

JULIO CESAR 6:
nei minuti finali subisce un gol sul quale non ha colpe, ma nell'arco dei novanta minuti deve lottare solo contro il freddo perchè di tiri avversari non se n'è vista neanche l'ombra.

JONATHAN 6:
finalmente in campo dal primo minuti, ha corso senza risparmiarsi per tutta la partita, sovrapponendosi spesso e difendendo egregiamente. Non sarà Maicon, ma il suo lavoro da terzino di spinta l'ha fatto.

RANOCCHIA 6,5:
colonna della Nazionale, è destinato a diventarlo a breve anche della difesa nerazzurra. Nonostante la giovane età, ha una sicurezza e una elegante degna solo dei più grande difensori della storia e ieri sera è stato impeccabile.

SAMUEL 6,5:
non è elegante come il giovane compagno di reparto, ma è tosto e roccioso e dalla sua parte non si passa mai.

ZANETTI 7:
indescrivibilmente mostruoso. All'età di 38 anni si beve in un bicchiere d'acqua giovanotti come Ekdal, che hanno stanno cercando di prenderlo. L'unico che l'ha preso è stato Conti, peccato l'abbia preso in pieno sulle caviglie. Immortale.

THIAGO MOTTA 7:
in forma è un giocatore fondamentale per noi. Davanti la difesa giostra il gioco, detta i tempi e raramente perde il pallone. Nel 4-2-3-1 è ancora più a suo agio e impreziosisce una grande prestazione con il suo secondo gol stagionale.

STANKOVIC 5:
il peggiore dell'Inter ancora una volta, è da tempo che è completamente fuori forma ma scende in campo solo perchè è un senatore. Ma con il rientro degli infortunati penso e spero che finisca in panchina, perchè in campo ora come ora non aggiunge nulla alla squadra.

CAMBIASSO 6:
eclettico, gioca mezz'ala sinistra nel primo tempo, trequartista nel secondo col risultato di una buona partita.

COUTINHO 6,5:
nel primo tempo è accerchiato dagli avversari e non riesce a trovare gli spazi giusti. Nella ripresa spostato sulla sinistra ha maggiore libertà e raggio d'azione e il suo talento viene fuori fino al gol del raddoppio nerazzurro, un bel destro nell'angolino basso. Bravo Cou!

PAZZINI 5,5:
nella sua partita c'è solo la traversa nel primo tempo e la sponda per il gol di Thiago Motta. Per il resto combina poco o nulla.

ZARATE 6:
quando è stato sostituito a inizio secondo tempo sono rimasto sorpreso, perchè in avanti era l'unico a prendere iniziativa e a creare pericoli. Su punizione ha colpito anche una traversa. Alla fine però la mossa è stata azzeccata, non per questo l'argentino non merita la sufficienza.

ALVAREZ 8:
entra e cambia la partita. Giocate di alta classe, tocchi di prima, dribbling e progressioni per una prestazione esaltante. Dai suoi piedi nascono entrambi i gol nerazzurri e in altre occasioni mette i compagni nelle condizioni di segnare. Finalmente svela il suo vero talento!

OBI, FARAONI S.V.

RANIERI 7,5:
stavolta Mister Ranieri merita un voto decisamente alto. Nel primo tempo la squadra ha tenuto il pallino del gioco ma non riusciva a trovare spazi e si imbottigliava sempre per vie centrali. Nella ripresa la mossa vincente e coraggiosa è stata quella di passare al 4-2-3-1 affidandosi ai giovani Coutinho e Alvarez sugli esterni. Mossa vincente. Complimenti Mister!

3 commenti:

  1. Una vittoria importante a cui bisogna dare un seguito. Servono altre 3-4 vittorie consecutive per risalire la china.

    http://calciorum.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. Vittoria pesantissima...voti piuttosto condivisibili, forse un po' eccessivo l'8 ad Alvarez.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  3. importante vittoria, il cagliari non era cosa facile.

    saluti laziali
    http://mondobiancoceleste.blogspot.com

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore