martedì 27 settembre 2011

Vittoria con sofferenza anche a Mosca

L'Inter torna a vincere anche in Europa e lo fa in casa del CSKA Mosca in una gara fotocopia di quella contro il Bologna. Nel primo tempo c'è stato dominio assoluto dei nerazzurri schierati in campo col rombo con Alvarez a supporto di Pazzini e Milito. Il vantaggio dei nerazzurri è arrivato da calcio d'angolo dopo cinque minuti con Lucio (secondo gol consecutivo per il brasiliano). Il raddoppio non si è fatto attendere e l'ha firmato Pazzini, servito in area da uno strepitoso Nagatomo, che ha fatto sulla fascia una giocata pazzesca. Squadra corta e compatta quella di Ranieri che però si è fatta sorprendere a tempo ampiamente scaduto da una punizione di Dzagoev (ingenuamente concessa da un imbarazzante Samuel). Nella ripresa, così come a Bologna, si è visto un dominio degli avversari che sono arrivati al pareggio con Vagner Love. Proprio nel momento di maggiore difficoltà però, l'Inter è uscita dal guscio ripassando in vantaggio immediatamente con un gol bellissimo di Mauro Zarate che, servito da Cambiasso, ha saltato il diretto avversario con uno stop a seguire battendo poi di sinistro il portiere russo. Sul 2-3, Ranieri ha chiuso la squadra sulla difensiva con gli innesti di Jonathan e Crisetig (debutto per lui), riuscendo a portare a casa tre punti fondamentali nel girone di Champions. L'avventura di Ranieri all'Inter è iniziata nel migliore dei modi. Avanti così!

PAGELLE:

JULIO CESAR 5,5:
due gol subiti nei quali, sebbene non ha avuto grandi colpe, poteva fare sicuramente di più. Una grande parata nel primo tempo impreziosisce la sua partita.

NAGATOMO 7:
grande protagonista stasera, ha macinato chilometri su chilometri sulla fascia destra facendo delle giocate davvero supreme come quella che ha portato al gol di Pazzini. Sta attraversando un grande stato di forma.

LUCIO 6,5:
a parte l'errore commesso insieme a Zanetti in occasione del pareggio russo, è stato il baluardo della difesa respingendo la maggior parte degli attacchi avversari.

SAMUEL 4,5:
lentissimo e macchinoso, falloso e totalmente fuori forma. Con queste parole si può descrivere una prestazione altamente insufficiente dell'argentino che è stato l'anello debole dell'intera difesa nerazzurra.

CHIVU 6:
partita dignitosa del rumeno che ha difeso strenuamente la sua fascia di competenza affacciandosi anche saltuariamente in avanti.

ZANETTI 6:
grande primo tempo del Capitano che nella ripresa è però calato.

CAMBIASSO 7:
come vertice del rombo è un giocatore straordinario e rende al meglio. Copre la difesa in ogni situazione diventando spesso e volentieri un vero libero. In avanti, invece, continua a fornire bei palloni per gli attaccanti come quello delizioso per il gol vittoria di Zarate.

OBI 5,5:
tanta corsa per lui, ma ha mostruosamente sofferto la velocità dei giocatori russi che agivano dalla sua parte. Generoso come al solito, ma non raggiunge la sufficienza.

ALVAREZ 5:
dopo Samuel, lui è stato il peggiore in campo dell'Inter. Lentissimo, ha rallentato tantissime azioni nerazzurre sbagliando un numero spropositato di palloni. Per ora non ha ancora dimostrato di valere i (tanti) soldi investiti su di lui.

MILITO 5,5:
in tutta la partita non è stato mai messo nelle condizioni di battere a rete, ma si è messo a disposizione della squadra facendo a sportellate con i difensori avversari. Alla lunga la fatica si è sentita.

PAZZINI 6,5:
altro gol per il Pazzo e altra prestazione meritevole di lode. Quando la squadra soffre, lui è pronto a proteggere palla per farla rifiatare. Quando c'è da buttarla dentro è sempre pronto e combatte sempre finchè la caviglia glielo consente.

ZARATE 7:
finalmente determinante come quando giocava nella Lazio. Entra, corre, dribla e crea continui pericoli per gli avversari fino a trovare un bellissimo gol (il primo in nerazzurro) che regala tre punti pesantissimi alla squadra.

JONATHAN S.V.

CRISETIG S.V.

RANIERI 6:
arriva un'altra vittoria con lui in panchina e ancora una volta la sua Inter si esprime molto bene nei primi 45 minuti. Nella ripresa, la squadra si abbassa pericolosamente fino a subire il pareggio e qui Ranieri sarebbe dovuto essere più pronto e tempestivo nei cambi. La squadra però, subito il pareggio, ha mostrato il grande carattere di un tempo che l'ha portata alla vittoria. Non possiamo che migliorare.

3 commenti:

  1. Pagelle perfette, sono un po' perplesso su Samuel, cosa gli sta succedendo? E' solo una questione di forma? Bah...
    Certo se non soffriamo non siamo noi.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  2. Contava vincere e abbiamo vinto. La squadra mi è piaciuta per grinta e cuore anche se c'è ancora molto da lavorare.
    Ciao...

    RispondiElimina
  3. Per Samuel credo che pesino tantissimo i tanti mesi fuori per l'infortunio ai legamenti. A 33 anni, restare così tanto lontano dagli allenamenti e dai campi di gioco può limitarti tantissimo.

    Al momento, infatti, credo che la coppia Lucio Ranocchia sia la più affidabile, in attessa ovviamente del vero The Wall!

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore