lunedì 18 luglio 2011

Lo scudetto resta a noi...

Oramai ho perso il conto delle mazzate sportive e giudiziarie che la Rubentus sta inanellando da Calciopoli ad oggi. Sempre più patetici sono i tentativi del figlioccio monociglio Agnelli di distrarre i tifosi dai disastrosi risultati conseguiti dalla dirigenza negli ultimi anni cercando di farci togliere lo scudetto assegnatoci nel 2006. E sebbene in casa gobba promettono di cercare la loro presunta giustizia in tutte le sedi opportune, oggi hanno preso un altro palo in piena faccia con la respinta della FIGC alla loro richiesta di revoca del nostro scudetto numero 14. Chiedono parità di giudizio, chiedono la rinuncia alla prescrizione e così via... Ma perchè non si fanno un esame di coscienza e la fanno finita? Ma quale parità di giudizio se stiamo parlando di persone pluricondannate e radiate e persone che invece hanno subito solo attacchi mediatici gratuiti? E per quanto riguarda la prescrizione, farebbero meglio a starsene zitti visti tutti i trofei vinti da dopati... Lo scudetto resta a noi e questo, proprio oggi, è un bellissimo regalo per Giacinto Facchetti.

3 commenti:

  1. Non potevano fare altrimenti!
    Un saluto.

    RispondiElimina
  2. Tutto questo non doveva neppure accadere, Palazzi ha abusato del suo potere! Andiamo avanti, contro questi infami!
    Ciao Vincenzooo!
    Sergio

    RispondiElimina
  3. Completamente daccordo! Quando gli orfani del moggioso si renderanno conto che è ora di finirla è sempre tardi...intanto godiamo! Pierino

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore