domenica 3 luglio 2011

Lo scudetto di Giacinto Facchetti!


"TU SEI TUTTO QUELLO CHE UN UOMO DOVREBBE ESSERE"

Giacinto Facchetti, per gli amici il Cipe, aveva sul suo curriculum una sola squadra, oltre alla nazionale. L'Internazionale. A quella squadra aveva giurato fedeltà eterna, una promessa che oggi (come anche allora) risuonerebbe anacronistica. Eppure Giacinto decise di servire quei colori fino alla fine, lottando per loro anche quando le forze lo stavano ormai abbandonando. Senza mollare di un centimetro. Fece in tempo a gioire per la Super Coppa italiana, quella vinta in rimonta sulla Roma. Un trofeo che avrebbe aperto un lungo ciclo di vittorie. E ogni volta che si vinceva qualcosa il pensiero correva a lui e alla crudeltà di una malattia che ce l'aveva portato via troppo presto. Alle sue battaglie silenziose contro un sistema malato. Alla sua tenacia nel trasmettere un pensiero sportivo pulito. Al suo disprezzo per i compromessi.

Nel nome dei valori che ha sempre splendidamente rappresentato, il Campionato Primavera porta il suo nome e la Gazzetta dello Sport ha istituito un premio dal titolo "Giacinto Facchetti - Il bello del calcio". Nel nome di tutto questo, oggi, tutti noi abbiamo l'opportunità di sostenere una battaglia che Giacinto non può più combattere. Nella quale è stato trascinato come assente, in maniera fastidiosamente poco etica. Il valore che sembra tirare per la maggiore, ultimamente.

DA QUI AL 18 LUGLIO VI CHIEDIAMO SEMPLICEMENTE DI METTERE COME PROFILO FACEBOOK LA FOTO CHE TROVATE IN QUESTO ARTICOLO. A CHI NON FOSSE PRESENTE SU FACEBOOK CHIEDIAMO DI ESPORRE LA BANDIERA DELL'INTER SUL BALCONE DI CASA COME GESTO SIMBOLICO. PER FAR SENTIRE LA NOSTRA VOCE ABBIAMO BISOGNO DI TUTTI VOI, NESSUNO ESCLUSO.

Ve lo chiediamo perché quello scudetto che vorrebbero toglierci è dedicato a lui e a quanto fatto per i nostri colori. Non ci interessa giocare a chi ha più trofei in bacheca. Ci interessa invece tantissimo che la memoria di chi, per anni ha lottato con coraggio per l'affermazione di principi veri, non venga infangata. Da qui al 18 luglio la nostra speranza avrà il suo volto. Ci auguriamo di potergli dedicare l'ennesima "vittoria". Il 18 luglio potrebbe essere il giorno perfetto. Il 18 luglio 2011 Giacinto Facchetti avrebbe compiuto 69 anni.

fonte: FCINTER1908.IT

4 commenti:

  1. Ciao Vincenzo, dobbiamo farci sentire! Basta con questi attacchi immorali! FORZA INTER! Per Facchetti!!! Sergio

    RispondiElimina
  2. Sono con voi. :)
    saluti lazial

    http://mondobiancoceleste.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. Io mi sono fatto l'idea che Facchetti telefonasse perchè così voleva il Moratti, che indubbiamente da Calciopoli ha ricevuto solo vantaggi (almeno su questo saremo d'accordo, ma per piacere, non perchè è un santo). Di suo Facchetti credo non si sarebbe permesso. Il punto è che come già ti dissi tempo fa tutto il movimento era (è ancora?) marcio. Da Juve, Inter, Milan in giù: troppi soldi in ballo.

    RispondiElimina
  4. L'errore di Facchetti è stato solo quello di parlare (come d'altronde facevano tutti) con i designatori, ma col solo intento di difendere l'Inter da un sistema marcio guidato da sappiamo chi... E ora vogliono metterci sullo stesso piano di quei delinquenti...

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore