mercoledì 29 giugno 2011

Orlandoni rinnova per un anno


L'anno prossimo sarà ancora Paolo Orlandoni il terzo portiere nerazzurro grazie al rinnovo di contratto fino a Giugno 2012 siglato oggi, giorno anche del suo onomastico. Un rinnovo importante per un grande professionista che risulta preziosissimo per le nostre liste Champions, essendo cresciuto nel nostro vivaio. Doppiamente auguri allora!

Image Hosted by ImageShack.us

sabato 25 giugno 2011

Riscattato Viviano, e ora?

Inter e Bologna hanno risolto la questione relativa alla comproprietà di Emiliano Viviano solo alle buste, non essendo riusciti a trovare un accordo. E alle buste (complice anche un errore del Bologna a quanto pare) l'ha spuntata l'Inter che ha riscattato il giocatore per 4 milioni di euro. Adesso il problema da porsi è: cosa dobbiamo fare con Viviano? Personalmente credo che se il portiere italiano dovesse accettare il ruolo di vice Julio Cesar allora via Castellazzi e conferma di Viviano. Se, come penso, sia più probabile che il giocatore voglia giocare con costanza anche per non perdere il posto in Nazionale, allora meglio venderlo al migliore offerente dato che tra i pali abbiamo il miglior portiere al mondo, nonchè grande bandiera nerazzurra. Sembra che la Roma sia fortemente interessata al giocatore, allora io fisserei un prezzo di 15 milioni per Viviano, in modo da poterne incassare almeno una dozzina. Branca non è mai stato un fenomeno nelle cessioni, ma Viviano ha molto mercato e non sarà difficile sistemarlo facendo una bella plusvalenza.

Image Hosted by ImageShack.us

venerdì 24 giugno 2011

Benvenuto Gasperini!

Finalmente dopo settimane di agonia e, consentitemelo, di imbarazzo e paura, l'Inter ha ufficializzato il nuovo allenatore: Gian Piero Gasperini. Il 53enne tecnico italiano ha firmato un contratto biennale da 1,2 milioni l'anno e si è portato con se due collaboratori che non prenderanno in alcun modo il posto di nessuno dei nostri uomini dello staff. Svaniti uno dopo l'altro Bielsa, Villas Boas (irrangiungibile per la clausola milionaria), Capello, Mihaijlovic (meno male!) e tanti altri, la società ha deciso di puntare su Gasperini che col Genoa ha fatto davvero un lavoro grandissimo. Il suo Genoa giocava un gioco spumeggiante, molto bello da vedere, dinamico ma sempre con la giusta copertura difensiva. Nel Genoa giocava col 3-4-3 ma sinceramente dubito che da noi userà lo stesso modulo, in quanto abbiamo giocatori più adatti a giocare con altri schemi. L'uso degli esterni penso sia un suo credo quindi sarà 4-3-3 o 4-2-3-1. Sicuramente Gasperini saprà rilanciare due suoi uomini di fiducia come Thiago Motta e Milito e questo è senza dubbi un grande valore aggiunto. Bisognerà vedere che tipo di mercato chiederà alla società ma sembra quasi sicuro l'arrivo di Domenico Criscito proprio dal Genoa. Non ci resta che aspettare la conferenza stampa di presentazione per poter fare ulteriori considerazioni sul nuovo tecnico nerazzurro. In bocca al lupo e benvenuto nella famiglia nerazzurra!

Image Hosted by ImageShack.us

sabato 18 giugno 2011

Ma meno male....

Ormai è ufficiale, Leonardo non è più il tecnico nerazzurro perchè ha accettato una importante offerta del PSG, dove potrà operare da dirigente con pieni poteri. Io dico, meno male. Nei sei mesi sulla nostra panchina Leonardo ha avuto il merito il ridare entusiasmo al gruppo, di recuperare gli infortunati affidandosi a uomini validi come Rapetti, ha ottenuto un gran bel numero di vittorie ma come allenatore è molto scarso. E' inutile stare a discutere, il gioco mostrato dall'Inter di Leonardo non mi è mai piaciuto. All'inizio si andava tutti allo sbaraglio con una media gol subiti da bassa classifica ma finchè si vincevano le partite per rimontare sul Milan poteva andare anche bene. Poi è arrivata la settimana infernale in cui abbiamo perso malamente il derby e soprattutto abbiamo preso in casa cinque sonore sberle dallo Schalke 04 (mica il Barcellona) uscendo di fatto dalla Champions League contro l'avversario più abbordabile. Da lì Leonardo ha quasi sempre schierato la squadra col 4-4-2 a catenaccio cercando le ripartenze. Dimostrazione di scarssima capacità tattica. In questo modo siamo però riusciti a portare a casa comunque la Coppa Italia e di questo ringrazio i giocatori perchè il merito è tutto loro. Leonardo se ne va in Francia e io sono contentissimo perchè ero disperato all'idea di averlo anche l'anno prossimo in panchina. Adesso non ci resta che cercare un allenatore vero, uno che ne sappia qualcosa di tattica, di movimenti difensivi, di gioco. Di nomi se ne sono fatti abbastanza, io spero solo che venga scelto un allenatore all'altezza. Per Leonardo, grazie e a mai più rivederci.

Image Hosted by ImageShack.us

giovedì 16 giugno 2011

RADIATI!!!!


Finalmente dopo anni e anni di parole, insulse accuse e patetici tentativi di difesa, Luciano Moggi, Antonio Giraudo e Innocenzo Mazzini sono stati RADIATI dalla FIGC. Ennesima conferma della loro colpevolezza. Ora aspettiamo la fine del processo penale.

Image Hosted by ImageShack.us

venerdì 10 giugno 2011

Valutazioni di fine stagione

Chiusa ormai la stagione e in attesa di vedere come evolverà il mercato, è arrivato il momento delle valutazioni. Chi ha fatto bene? Chi è stato una delusione? Chi ha sorpreso? Analizziamo uno per uno la stagione di tutti i campioni nerazzurri, cercando poi di capire come potrebbe delinearsi il loro futuro con la nostra maglia. Come riferimento prenderemo la tabella della media dei voti che nell'arco di tutta la stagione ho assegnato ai nostri ragazzi.

JULIO CESAR 6,51:
nella prima parte di stagione la sua assenza per infortunio è stata tra le più pesanti e di fatti la grande seconda parte di stagione è partita proprio con il suo rientro nel Mondiale per Club. Il 6,51 con cui ha chiuso la stagione ci dice chiaramente che Julione è stato tra i migliori della stagione nerazzurra, regalandoci ancora tante prodezze da vero fenomeno. La sua permanenza in nerazzurro è sicura e lui stesso si è esposto in questo senso. Ormai è una bandiera nerazzurra.

CASTELLAZZI 5,94:
il secondo portiere nerazzurro, sostituto del grande Francesco Toldo, ha avuto quasi mezza stagione intera per mettersi in mostra a causa dell'infortunio del titolarissimo Julio Cesar. Il risultato finale è sotto la sufficienza perchè sebbene in alcune partite abbia fatto vedere delle ottime cose, nella maggior parte delle sue presenze ha spesso dimostrato scarsa abilità nelle uscite sia basse che alte, poca capacità di dirigere la difesa alla quale non riusciva a dare la necessaria sicurezza. Probabilmente verrà confermato ma speriamo che Julio Cesar non subisca più infortuni lunghi come quest'anno.

ORLANDONI 5:
il terzo portiere Paolo Orlandoni è sceso in campo solo una volta in una partita che poteva darci il primo posto nel girone di Champions ma che abbiamo preso nettamente sotto gamba mandando in campo quasi mezza primavera. In quel match sono stati tre i gol subiti da Orlandoni che però come ogni anno dimostra sempre grande professionalità negli allenamenti. Da confermare anche per le liste Uefa.

MAICON 6,04:
per il Colosso nerazzurra la stagione è stata tuttosommato positiva soprattutto dopo l'arrivo di Leonardo sulla panchina nerazzurra. Con Benitez ha sofferto infortuni fisici e dettami tattici, con l'attuale tecnico nerazzurro invece è tornato a giocare grandi partite fornendo una grande quantità di assist ai suoi compagni, spesso decisivi come quelli forniti all'ariete Pazzini. Fosse per me sarebbe da confermare senza dubbi dato che con Leonardo sembra aver ritrovato fiducia e motivazione. Nel suo ruolo resta il migliore e validi sostituti non ce ne sono in giro.

LUCIO 6,35:
Lucio è ormai diventato un vero baluardo della difesa nerazzurra e il voto alto con cui ha chiuso l'anno lo mette tra i migliori della stagione. L'assenza forzata di Samuel si è sentita tanto, ma grazie alle sue mostruose qualità atletiche e alla sua grandissima abilità nell'uno contro uno è spesso risultato decisivo. Per lui si sta trattando il rinnovo del contratto.

SAMUEL 6,25:
il Muro argentino ha dovuto chiudere con grande anticipo la stagione per un tremendo infortunio ai legamenti del ginocchio ma il suo 6,25 la dice lunga sulla sua importanza per la nostra difesa. Elemento imprescindibile, lo aspettiamo l'anno prossimo titolarissimo al centro della difesa.

RANOCCHIA 6,13:
Ranocchia, arrivato a Gennaio, è stato una delle sorprese più gradite. Il salto in un grande club è stato superato a pieni voti dal gigante italiano che ha fornito ottime prestazioni nel suoi primi sei mesi in nerazzurro. Il futuro nerazzurro, nonchè della Nazionale Italiana, è suo.

CHIVU 5,85:
una stagione in calo per il difensore rumeno che in diverse partite non ha saputo esprimersi ai suoi livelli. L'arrivo del più propositivi ed entusiasmante Nagatomo, lo ha relegato per un pò in panchina tornando giusto in tempo per un buon finale di stagione con la Coppa Italia alzata al cielo da titolare. Anche per lui si parla di rinnovo.

CORDOBA 5,86:
la sua velocità gli consente di essere ancora prezioso, ma l'età ormai inizia a pesare sul groppone e al massimo credo possa fare ancora un solo anno da noi. La sua peggior partita è stata quella col Brescia dove in pochi minuti ha fatto pareggiare Caracciolo, ha concesso un rigore e si è fatto espellere. Chissà cosa gli avrebbe detto Mourinho....

MATERAZZI 5,43:
le sue presenze in campo diventato sempre più rare e quest'anno ha lasciato un segno molto negativo nel derby di andata dove è stato davvero inguardabile. Ciò nonostante è un leader e un senatore dello spogliatoio. Un guerriero che presto mi auguro di vedere in società, magari con un ruolo vicino alla squadra per non perdere un contributo carismatico senza eguali.

NAGATOMO 5,93:
il terzino giapponese è stato senza dubbio una bellissima rivelazione, la sua determinazione, la sua corsa e il suo entusiasmo lo hanno ben presto fatto diventare un idolo dei tifosi. Il voto leggermente sotto la sufficienza è forse ingiusto nei suoi confronti, ma solo in poche partite è risultato decisivo con le sue qualità.

SANTON 5,31:
il giovane terzino nerazzurro ha iniziato la stagione in maglia nerazzurra per poi chiuderla col Cesena. Ma soffermiamoci solo sulle sue presenze con l'Inter. Sei mesi assolutamente da dimenticare, con infortuni, grande involuzione tecnica e tattica e probabilmente una grave incompatibilità con Benitez. Dovrebbe rientrare alla base per cercare di riproporsi da noi, ma potrebbe anche prospettarsi per lui un altro anno in prestito, forse proprio al Cesena.

J. ZANETTI 6,1:
per il Capitano un'altra stagione positiva nella quale dobbiamo senza dubbio ricordare il bellissimo gol segnato nel Mondiale per Club e quell'altro altrettanto bello segnato in Champions contro il Tottenham. Sempre presente in campo, diventa trascinatore nei momenti di difficoltà e alla fine si ritrova con ancora più muscoli nelle braccia dopo aver alzato al cielo altri tre trofei. Inossidabile condottiero.

CAMBIASSO 6,31:
anche il Chuchu deve essere inserito di diritto tra i migliori della stagione. Quest'anno ha battuto il suo record personale di gol in una stagione e la sua presenza in campo è di vitale importanza. Senza di lui il centrocampo perde compattezza, troppo fondamentale per poterne fare a meno.

STANKOVIC 6,16:
per il Dragone vale lo stesso discorso fatto per Cambiasso. A centrocampo riesce sempre a dare quel qualcosa in più e in zona gol è sempre efficace. Il gol in Champions contro lo Schalke 04 resterà nella storia.

THIAGO MOTTA 5,92:
con Benitez è stato sempre fuori per infortunio, con Leonardo invece ha iniziato molto bene con il gol al Napoli per poi perdersi per la nuova posizione in campo assegnatagli dal tecnico. Davanti la difesa non riesce a esprimersi al meglio e anche la squadra perde molto non potendolo sfruttare più vicino la porta dove diventa micidiale. Si parla di una sua partenza dato che la società non sembra intenzionata a rinnovargli il contratto. La Roma è in agguato.

SNEIJDER 6,15:
con Benitez non è riuscito quasi mai a esprimere le sue qualità che invece sono tornato fuori con Leonardo. Il gol su punizione contro la Lazio resta una vera perla nella sua stagione che non è stata esaltante ma comunque positiva. I due assist decisivi nella finale di Coppa Italia dimostrano quanto Wes sia fondamentale per noi. Da confermare senza esitazioni.

MARIGA 6,17:
il centrocampista keniota ha trovato davvero poco spazio in questa stazione sia con Benitez che con Leonardo. Nelle sue poche apparizioni però ha comunque disputato delle buone gare e infatti il suo voto medio di stagione è molto positivo. Ha ottime qualità, forse un pò grezzo ma con la giusta guida potrebbe diventare davvero un grande interditore. Probabilmente però in estate ci lascerà per andare a giocare con continuità da un'altra parte. La società infatti spera di fare soldi con la sua cessione.

MUNTARI 5,64:
nei primi sei mesi della stagione, gli unici in cui ha vestito la casacca nerazzurra, Sulley Muntari ha giocato poco e male. Il contributo è stato decisivo solo nel match contro il Genoa dove il gol è stato più un regalo di Eduardo che merito suo. In Inghilterra poi non ha brillato e per lui un futuro ancora in nerazzurro è davvero difficile da immaginare.

COUTINHO 5,91:
ha soli 18 anni e ha dimostrato qualità fuori dal comune. A mio avviso è stata una bella sorpresa, deve solo rinforzare il fisico e migliorarsi tatticamente, ma le qualità di base sono enormi. Sembra che la società voglia concedergli un anno di prestito da qualche parte in serie A dove possa giocare con continuità. Per me resta il fatto che Coutinho impara più in due partite con l'Inter che in dieci con un Chievo o un Cesena qualsiasi. Il futuro comunque è dalla sua parte.

OBI 6,06:
lui è stata un'altra bella sorpresa di quest'anno. Aggregato fisso alla prima squadra, nelle poche volte che è sceso in campo ha dimostrato carattere e grande qualità. Dovrebbe andare a giocare al Parma che detiene metà del suo cartellino. Sicuramente esploderà, speriamo di riuscire a valorizzarlo per un futuro in nerazzurro.

KHARJA 5,68:
arrivato a Gennaio per rinforzare la mediana, ha dato un buon contributo grazie alla sua tanta corsa e alla sua duttilità tattica, ma a mio avviso ha dimostrato in questi sei mesi di non essere un campione e quindi riscattarlo a 29 anni sarebbe contro la strategia di ringiovanimento intrapresa dalla società.

BIABIANY 5,45:
sei mesi per dimostrare di non essere all'altezza. Prodotto del nostro vivaio è tornato alla base dopo delle buone stagioni tra Modena e Parma ma in nerazzurro non è riuscito a fare il salto di qualità e a Gennaio è passato alla Sampdoria finendo in serie B con la sua nuova squadra. Per lui ricorderemo solo del gol in finale del Mondiale per club.

ETO'O 6,53:
il camerunense ha disputato una stagione da 10 in pagella. Non a caso è stato il migliore di tutta la squadra con i suoi 37 gol stagionali, nuovo record personale. Supercoppa Italiana, Campionato, Mondiale per Club e Coppa Italia. I suoi sigilli non sono mancati in nessuna competizione e in finale il suo marchio è assicurato. Un fenomeno strepitoso tra i più forti al mondo. Fortunati noi ad averlo.

MILITO 5,62:
inutile nascorderci. Per il Principe questa è stata la sua peggiore stagione di tutta la carriera. Una serie incredibili di infortuni ne hanno minato la tranquillità e la fiducia e di conseguenza ha segnato pochissimi gol quest'anno senza riuscire a dare il contributo che tutti ci aspettiamo da lui. L'anno prossimo si rifarà con gli interessi. Ne sono sicuro!

PANDEV 5,47:
anche per il macedone è stata una stagione negativa, nettamente al di sotto delle aspettative. Mourinho era riuscito a farlo esprimere al meglio ma nè Benitez nè Leonardo sono riusciti a fare altrettanto. Resteranno comunque indelebili i gol in finale di Mondiale per club e soprattutto il bellissimo gol qualificazione contro il Bayern Monaco. La sua conferma è a rischio.

PAZZINI 6:
arrivato a Gennaio ha conquistato subito i tifosi nerazzurri con una regolarità sotto rete impressionante. Sopratutto nei finali di partita è riuscito a essere decisivo regalando tanti punti alla squadra di Leonardo. Il debutto contro il Palermo è stato da incorniciare.

BENITEZ 5,58:
per come la vedo io finchè la squadra era al completo l'Inter di Benitez giocava un gran calcio. Poi è iniziata una serie interminabile di infortuni che ci ha estromesso dalla corsa scudetto. Con Benitez abbiamo vinto Supercoppa Italiana e Mondiale per Club, non riuscendo a conquistare anche la Supercoppa Europea. Tra lo spagnolo e la squadra non si creato il giusto feeling e la cosa non poteva che giungere all'esonero.

LEONARDO 5,52:
il tecnico brasiliano ha avuto il merito di riportare entusiasmo alla squadra e di aggiustare la situazione infortuni. Ritrovata la squadra e con gli importanti innesti di Gennaio è riuscito a effettuare una grandiosa rimonta sul Milan terminata nella settimana maledetta in cui abbiamo perso il derby e la partita con lo Schalke 04. La Coppa Italia è stato invece un grande successo anche se il gioco espresso dalla squadra sotto la sua gestione non è stato certo eccezionale. Moratti l'ha confermata, ma la scelta non mi vede entusiasta.

Image Hosted by ImageShack.us

venerdì 3 giugno 2011

Sanchez primo obiettivo

La stagione si è conclusa e in fin dei conti possiamo ringraziare i nostri ragazzi perchè, nonostante le infinite difficoltà che ci hanno accompagnato per tutto l'anno, abbiamo comunque portato a casa tre trofei, siamo arrivati secondi in campionato solo per colpa di qualche mese giocato con la primavera e le riserve in campo e abbiamo giocato (anche se in modo imbarazzante) i quarti di Champions League. L'anno prossimo l'allenatore sarà ancora Leonardo, questo è il volere del Presidente Moratti, con il quale non mi trovo però d'accordo. Il tecnico brasiliano ha dalla sua i numeri, ma spesso nel calcio non contano solo quelli. In casa la sua Inter si è dimostrata imbattibile mentre in trasferta ha spesso lasciare molto a desiderare, ha vinto la Coppa Italia ma più grazie ai grandi campioni che abbiamo in rosa che per meriti suoi. Una squadra senza equilibrio, una difesa colabrodo con media gol subiti da bassa classifica sono solo alcuni dei grandi deficit dimostrati da Leonardo in questi sei mesi nerazzurri. Ma Moratti vuole concedergli una chance da inizio anno per vedere come si comporterà nel programmare una intera stagione, situazione sicuramente più facile rispetto al prendere una squadra allo sfascio in corsa. Poi c'è il mercato e senza dubbio l'Inter sarà attiva quest'anno per riconquistare ciò che merita, ovvero il titolo di Campioni d'Italia. Tra tutti i nomi usciti in queste settimane, l'unico realmente in orbita Inter è Alexis Sanchez e alla fine penso che riusciremo a portarlo a Milano. Il cileno darebbe alla manovra nerazzurra maggiore fantasia, agilità e imprevedibilità grazie al suo estro che molto probabilmente verrà inserito in un 4-2-3-1 dove El nino maraviglia occuperarà il ruolo di esterno destro insieme a Sneijder e Eto'o dietro l'unica punta Milito o Pazzini. Un attacco di tutto rispetto che potrebbe far davvero divertire noi tifosi, anche se bisogna sempre vedere come Sanchez si adatterà a un ambiente ben più stressante e esigente rispetto a una piazza modesta come quella di Udine. Sicuramente poi ci sarà qualche innesto a centrocampo per ringiovanire il reparto. Si è parlato molto di Montolivo ma Moratti ha chiuso a un suo eventuale arrivo, si parla molto anche di Ever Banega, regista argentino dalla grande tecnica individuale. Un suo acquisto sarebbe a me gradito. In uscita sicuramente lasceranno la Pinetina Mariga che a mio avviso finirà all'Udinese nell'operazione Sanchez, Muntari che verrà piazzato in qualche altra squadra e forse anche Thiago Motta e Pandev che potrebbe portare un pò di soldi nelle casse nerazzurre. Il mercato è iniziato, non ci resta che aspettare e sognare che Moratti ci regali il grande colpo di mercato per recuperare al grave immobilismo dell'estate scorsa. Sperando che i big restino tutti quanti.

Image Hosted by ImageShack.us

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore