domenica 8 maggio 2011

Milan campione d'Italia

A poche ore dalla partita contro la Fiorentina, mi sembra giusto dedicare un articolo ai cuginastri del Milan che con lo 0-0 in casa della Roma si sono aggiudicati lo scudetto con tre turni di anticipo. Complimenti ai rossoneri perchè nell'arco della stagione hanno saputo avere la maggiore costanza di rendimento, complimenti alla dirigenza che ha investito tanto soprattutto in attacco dove con Ibrahimovic si sono rinforzati tantissimo in ottica nazionale sebbene in Europa abbiano fatto pena, ma con lo svedese è sempre stato così e sempre lo sarà. Una squadra tutta muscolare dalla trequarti in giù, che affidava le sorti del gioco d'attacco ai tre davanti, o meglio a Ibrahimovic e agli altri due che di volta in volta potevano essere Pato e Robinho, Cassano e Pato o Robinho e Cassano. Questa stagione hanno avuto senza dubbio più fame di noi e per questo non ci resta che fare mea culpa per i sei mesi buttati al vento sotto la gestione Benitez. Infatti il Milan lo scudetto se lo è assicurato nel girone di andata dove ha potuto e saputo accumulare un grande vantaggio nei nostri confronti. Noi che siamo stati costretti per via di infiniti infortuni a giocare con le riserve e la primavera in campionato, con Castellazzi titolare, con Biabiany titolare, con Natalino, Obi, Obiorah e privi dei nostri migliori pezzi da novanta come Julio Cesar, Maicon, Samuel, Thiago Motta e anche Sneijder e Milito mai al 100%. Con l'arrivo di Leonardo abbiamo fatto una rimonta pazzesca a dimostrazione che il Milan questa grande squadra non è. Ma nel momento decisivo, cioè il derby dove potevamo scavalcare i rossoneri, siamo crollati dal punto di vista fisico e tattico. Da lì il Milan ha ripreso la corsa verso lo scudetto, non senza però macchiarsi di marrone i pantaloni per merito nostro. Complimenti al Milan allora, ma lungi da me affermare che loro sono i più forti d'Italia. Quelli siamo noi e senza i sei mesi di incubo della gestione Benitez, senza l'infinita serie di infortuni e con molta fortuna in più, in testa ora di staremmo sicuro noi. Pazienza, il Milan è campione d'Italia, noi Campioni del Mondo.

3 commenti:

  1. www.pianetasamp.blogspot.com

    Bè Vincenzo, un conto è l'organico, un conto è quel che si fa nell'arco di un campionato e sotto questo aspetto la vittoria del Milan credo sia ineccepibile, non dimentichiamoci che anche i rossoneri hanno avuto una caterva di infortuni e hanno dimostrato nei fatti di non essere Ibra dipendendenti come tutti noi pensavamo, l'Inter a mio avviso paga i tanti infortuni d'inizio stagione ma soprattutto la sciagurata scelta societaria di non rafforzare l'organico già in estate...ciao!

    RispondiElimina
  2. Non sono d'accordo sul fatto che il Milan abbia vinto lo scudetto nel girone d'andata..ricordiamoci che al derby di ritorno eravamo a 2 punti, con la concreta possibilità di superarli e probabilmente dargli una mazzata anche sotto l'aspetto psicologico. E lì abbiamo fatto pena.

    Quindi non trinceriamoci dietro la gestione Benitez, eravamo a un soffio dalla vetta anche quest'anno e sciaguratamente abbiamo buttato tutto..complimenti al Milan che ha vinto tutti gli scontri diretti, pensiamo a ripartire bene adesso..

    RispondiElimina
  3. Il mio discorso è proprio questo. Nonostante i mesi terribili di Benitez (per gli infortuni non per altro) siamo stati lì pronti a scavalcare il Milan e partivano da una distanza abissale...

    Poi visto che in panca abbiamo un incapace tatticamente abbiamo vissuto una settimana disastrosa che ci ha estromesso da scudetto e champions.

    Ma quella rimonta la dice lunga su chi sia realmente la più forte.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore