domenica 16 gennaio 2011

Poker nerazzurro!


La nuova Inter di Leonardo cala il doppio poker. Quattro sono le vittorie su altrettante partite giocate e quattro sono i palloni messi alle spalle del futuro nerazzurro Viviano. Con Leonardo finalmente non vediamo più formazioni strane o spaventose invenzioni tattiche, dentro la migliore formazione possibile con Castellazzi, Maicon Lucio Cordoba Chivu in difesa, rombo a centrocampo con Cambiasso, l'immenso Capitano, Thiagone Motta e Stankovic a supporto del duo delle meraviglie Milito Eto'o. Niente sorprese e l'Inter gira benissimo. In difesa rischiamo davvero pochissimo e nelle poche occasioni avversarie c'è un super Castellazzi a difendere i pali. Il possesso palla nerazzurro è restato invariato rispetto alla gestione Benitez solo che ora anzichè ottenere oltre il 50% di dominio territoriale con passaggi solo ed esclusivamente orizzontali, ora lo otteniamo con passaggi soprattutto verticali che mettono spesso in difficoltà e imbarazzo le difese avversarie. Il vantaggio nerazzurro (viziato da una leggerissima posizione di off-side di Stankovic, in stile Milan per intenderci) arriva dopo pochi minuti con Eto'o che salta con estrema facilità gli avversari, li manda in confusione, innesca il panico totale e libera in modo magnifico Stankovic che a porta spalancata non poteva certo sbagliare. Il raddoppio è arrivato invece con il ritrovato Principe Milito che servito in modo sublime da Thiago Motta, salta di netto l'avversario e trafigge Viviano piegandogli le mani. Nella ripresa lo show è tutto di Samuel Eto'o, che con una doppietta porta l'Inter sul 4-0. La prima rete è un qualcosa di eccelso, di celestiale, una cometa lucente scesa su San Siro. Il camerunense sulla sinistra manda in tilt il diretto avversario, chiede e ottiene l'uno-due con Milito che di tacco lo smarca a meraviglia in area, colpo di biliardo del numero 9 nerazzurro con palla in buca d'angolo. Nient'altro da dire su una rete così bella. Il poker arriva invece su calcio piazzato con Eto'o che mette per un attimo le vesti di Wesley Sneijder e batte Viviano con una bella palla messa sopra la barriera. Un'Inter vorace, devastante che vuole ottenere a tutti i costi la vittoria per continuare la propria rincorsa al Milan. Nel finale arriva il goal della bandiera del Bologna con Gimenez su azione confusa da calcio d'angolo. Senza dubbio un punto debole della nuova corazzata Leonardiana (permettetemi anche Mouriniana) è nella difesa su calcio piazzato. Tanti i gol presi su azione da fermo in queste prime quattro partite. Certo, se però si fanno sempre più goal dell'avversario al diavolo questi errori. Un Inter agguerrita si aggiudica quindi altri tre punti in quella che è diventata ormai la Leomuntada. I Milanisti se la stanno facendo sotto come dimostrano diverse dichiarazioni degli ultimi giorni. E fanno bene, perchè la vera Inter ha finalmente iniziato ufficialmente il proprio campionato! Tremate!


PAGELLE:

CASTELLAZZI 7:
il buon Luca mi sta facendo ricredere e anche ieri sera ha fornito una prestazione di altissimo livello con parate difficili e importanti che hanno difeso a dovere il vantaggio nerazzurro.

MAICON 6,5:
sembra il Maicon di qualche tempo fa, sulla destra garantisce una spinta costante per tutti i novanta minuti, difensivamente è tornato concentrato. Abbiamo ritrovato una inesauribile e fondamentale fonte di gioco.

LUCIO 6,5:
nonostante qualche sbavatura nella marcatura degli avversari, Lucio ha disputato nel complesso una buonissima gara mettendo a disposizione dei nerazzurri la sua ben nota straripante atleticità.

CORDOBA 6,5:
il colpo in testa poteva compromettere la sua partita, invece il colombiano ha disputato una grande gara difendendo con ordine senza commettere errori.

CHIVU 6,5:
il romeno sembra rinato sotto la gestione Leonardo. E' tornato il grande difensore visto e utilizzato spessissimo da Mancini prima e da Mourinho poi. Con Benitez sembrava perso, ora si sta riprendendo alla grande.

CAMBIASSO 7:
il migliore dei centrocampisti, è un giocatore a tutto campo. Davanti la difesa riesce a garantire muscoli e copertura alla difesa, mentre in fase di impostazione difficilmente sbaglia la giocata.

ZANETTI 7:
era la sua partita, la 519esima in serie A con la maglia nerazzurra. La standing ovation ricevuta al momento della sostituzione è zero rispetto a quello che il Capitano ci ha regalato in questi 15 anni di Inter. Ancora grazie Grande Capitano.

THIAGO MOTTA 6,5:
sapiente, preciso, mai in affanno. Un regista completo che con i suoi passaggi riesce a dare una marcia in più al nostro centrocampo. L'assist per il gol di Milito è qualcosa di fantastico. Un nanosecondo per vedere il movimento del compagno e amico Diego e servirlo con una precisione chirurgica tagliando a fette la retroguardia avversaria.

STANKOVIC 6,5:
nonostante il goal che ci ha regalato il vantaggio, tra i centrocampisti è stato il meno positivo. La sua prestazione meriterebbe un 6 per quanto visto in campo, ma il goal merita senza dubbio un premio sulla sua valutazione.

MILITO 7:
finalmente una partita da Principe! Un palo nel primo tempo non lo affonda ma lo carica e allora un bellissimo gol e uno strepitoso assist per Eto'o lo mettono senza dubbio tra i migliori in campo!

ETO'O 8,5:
semplicemente mostruoso. Ogni volta che prende palla per la difesa avversaria diventa un rompicapo senza soluzione. Il dribling vincente è assicurato e ai portieri avversari non possono che tremare le gambe nel ritrovarselo davanti. Un assist per il vantaggio nerazzurro di Stankovic e due goal assolutamente fantastici che gli regalano di diritto la palma di migliore in campo. STRATOSFERICO!

Mariga 5,5:
confuso e dispersivo nei minuti giocati, sembra non riuscire a entrare bene in partita.

PANDEV 6:
pochissimi i minuti giocati, nei quali pressa come suo solito e cerca un gol con un bel sinistro dalla distanza.

SANTON 6:
concentrato e senza sbavature.

LEONARDO 7,5:
alla sua quarta partita sulla panchina nerazzurra cala il poker di vittoria con un poker di goal. La squadra gira benissimo, in difesa siamo solidi come un tempo e in attacco pericolosi e cinici. I vari Maicon, Milito, Santon, Castellazzi sembrano rinati più che nella condizione nella mentalità. Merito senza dubbio suo. Un ulteriore nota di merito è la standing ovation che ha regalato al Capitano nel giorno della sua festa nerazzurra.

7 commenti:

  1. Non sarà facile e scusate se continuo a predicare prudenza. Ma se c'è una speranza di rimonta noi siamo pronti a sfruttarla. E' questo il segnale che stiamo dando, poi si vedrà...

    RispondiElimina
  2. Non sarà facile e la prudenza è cosa giusta, sono d'accordo ;)
    però ieri sera mi sono proprio divertito, è stato uno spettacolo e sono d'accordo anche con le valutazioni di Vincenzo, specialmente su Chivu, che non vedevo così da... forse non l'ho mai visto così ahahah ciao
    Sergio
    IoInterista

    RispondiElimina
  3. Buonissimo primo tempo...poi nella ripresa soprattutto nei primi 20 minuti hanno mollato un po troppo ( come con il genoa )...ma comunque buon 4-1 finale

    RispondiElimina
  4. www.pianetasamp.blogspot.com

    Sono molto contento per Castellazzi, professionista serissimo e ottimo portiere sul quale avevo letto troppe e ingiustificate critiche...ciao!

    RispondiElimina
  5. Grandissima partita e spettacolo unico, fosse sempre così!
    Voti precisi, se si parla di mezzo voto più o meno va sempre bene...io ho preferito giudicare da senza voto i tre innesti della ripresa perchè ero un po' in imbarazzo e indeciso su cosa mettergli.
    Un saluto e alla prossima.

    RispondiElimina
  6. Finalmente un bella Inter che piace, diverte e convince. Con Leonardo si è tornati a giocare come con Mourinho e soprattutto con lo spirito e la mentalità giusta che per due anni ha contraddistinto questo gruppo.

    E poi una serata fantastica per questo immenso, unico e leggendario CAPITANO. Grazie Pupi, mai nessuno come te.

    LeNny

    ;)

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore