lunedì 13 dicembre 2010

La saga delle risate: la rinascita

Era tornato in Italia con la voglia di rimettersi in gioco, di mostrare al mondo che poteva tornare lo strepitoso attaccante dei primi anni nerazzurri. Adriano Leite Ribeiro è arrivato questa estate alla Roma per rinascere con un ingaggio di circa tre milioni l'anno. Una vera scommessa per la società giallorossa. Missione compiuta, in appena sei mesi ha già vinto un prestigioso trofeo, il terzo della sua strepitosa carriera: il BIDONE D'ORO 2010! Sincere congratulazioni!

10 commenti:

  1. Era facilmente pronosticabile :)

    RispondiElimina
  2. siamo sinceri..lo meritava più Amauri:D
    Non che gli amici interisti debbano rallegrarsene più di tanto considerando i soldi buttati da moratti per sto tizio..com'è che era? Ah si, "Adriano e Martins saranno l'attacco dell'inter nei prossimi 10 anni" XD

    RispondiElimina
  3. Beh Amauri se l'è giocata fino alla fine dopo la dichiarazione "quest'anno faccio 20 gol" ahahah.

    RispondiElimina
  4. Mi spiace davvero tanto di come sta per chiudere la carriera questo calciatore. Non lo dimenticherò mai per la sua tripletta nel 5-2 nei preliminari di Champions contro il Basilea, o il gol "alla Weah" contro l'Udinese dove Caressa disse: "è diventato verde come Hulk Adriano", o quando siglò la rete del pareggio in un Inter-Juventus 2-2 della stagione 2006 se non erro.

    L'imperatore sarà comunque uno dei calciatori che ricorderò, e mi spiace veramente che alcuni non capiscono la sua difficoltà. Se avesse trovato continuità sarebbe rinato.
    Saluti,
    www.allinter.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. Mr Triplete, Adriano la continuità l'aveva trovata in Brasile ma ciò non gli aveva comunque permesso di tornare a essere un atleta di un certo livello. Ormai è perennemente sovrappeso e a mio avviso è un ex calciatore, o quanto meno nn è più un campione.

    RispondiElimina
  6. www.pianetasamp.blogspot.com

    Da sportivo mi dispiace veramente che un giocatore ancora giovane come Adriano sia già da considerare finito, un vero peccato perchè aveva tutte le potenzialità per diventare un grandissimo del calcio, purtroppo la fragilità psicologica di questo ragazzo è stata fatale e nessuno è riuscito ad aiutarlo fino in fondo...ciao!

    RispondiElimina
  7. si però ad essere onesti il nostro amantino mancini pure lo avrebbe meritato

    RispondiElimina
  8. Ciao Salvatore e benvenuto innanzitutto nel mio blog. Grazie per l'apprezzamento.

    Cmq credo che Amantino Mancini se lo siano dimenticati in molti... per fortuna ihih.

    RispondiElimina
  9. Questo l'albo d'oro del Bidone d'oro:

    2003 Rivaldo
    2004 Legrottaglie
    2005 Vieri
    2006 Adriano
    2007 Adriano
    2008 Quaresma
    2009 Felipe Melo
    2010 Adriano
    2011 ?????


    LeNny

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore