mercoledì 17 novembre 2010

Pezzo dopo pezzo...

L'Inter sta attraversando uno dei momenti più delicati degli ultimi anni, non riesce a esprimere un bel gioco e soprattutto non riesce a fare risultato pieno da diverse gare. In questo clima tutto diventa più pesante, l'animo del tifoso diventa più suscettibile del solito e iniziano a volare critiche e ramanzine, come se non bastassero già le puttanate messe su ogni sacro giorno dai giornalai italiani, che su questa nostra situazione ci stanno godendo senza limiti. Le critiche più feroci sono tutte rivolte al tecnico Benitez, etichettato spesso e con troppa facilità come l'ultimo degli arrivati, come un fesso senza nè arte nè parte, dimenticando cosa è stato capace di fare in carriera, vincendo due volte la Liga spagnola contro le strapotenze Barcellona e Real Madrid e portando il Liverpool sul tetto d'Europa e facendolo diventare per un buon trienno la squadra più temuta d'Europa. Più leggere le critiche mosse alla società, che appagata dai risultati della scorsa stagione non è voluta intervenire sul mercato in modo deciso. Certo, abbiamo vinto tutto ma ciò non significa che non dovevamo fare mercato. Il Barcellona ad esempio dopo aver vinto anche lui il triplete ha in due anni preso gente come Ibrahimovic, Maxwell, Villa, Mascherano, Adriano. Questo per dire che la politica giusta era prende parte dei tanti soldi incassati e mettere a segno un paio di colpi che andassero a rinforzare ulteriormente una rosa già di per se straordinaria, in modo che questa possa riconfermarsi anche negli anni successivi. Quindi la società ha anche le sue grandi colpe. Ma in tutto questo casino ci si dimentica di una cosa. L'Inter che nelle ultime gare non ha mostrato un bel gioco e non è riuscita a portare a casa i tre punti sta letteralmente cadendo a pezzi! Infatti una cosa decisamente inaspettata si sta abbattendo sulla stagione nerazzurra togliendo la possibilità a Benitez di lavorare come meglio crede per plasmare al meglio la sua creatura. Questa sera si è contato l'ennesimo infortunio nerazzurro con Chivu che è uscito dopo solo un quarto d'ora di Romania - Italia. Questo infortunio si aggiunge a tutti quelli già patiti dai nostri giocatori in questo inizio di stagione: Julio Cesar, Maicon, Samuel, Zanetti, Stankovic, Thiago Motta, Cambiasso, Muntari, Mariga, Obi, Sneijder, Milito, Pandev e chi più ne ha più ne metta cazzo! Questo è il vero motivo di questa momento di crisi nerazzurra. Non esiste la presunta (e ridicola) incapacità di Benitez, non esiste lo sbaglio della società in sede di mercato, non esiste l'appagamento presunto dei calciatori quando ad ogni partita si perdono due o tre pezzi importanti della rosa. In questo momento, quindi, anzichè stare a sparare a zero sull'uno o sull'altro, stiamo vicino alla squadra, consideriamo per bene le difficoltà che i nostri campioni stanno incontrando e sosteniamoli sempre nella speranza che prima o poi finisca questa eterna sfilza di infortuni, che sta uccidendo la nostra Inter pezzo dopo pezzo...

10 commenti:

  1. www.pianetasamp.blogspot.com

    Sono sostanzialmente d'accordo con te: bisogna dare il tempo a Benitez di lavorare con un organico decente in termini di qualità e quantità, cosa che ora per via dell'incredibile numero di infortuni non è possibile...ciao!

    RispondiElimina
  2. A questo punto, rimangio quanto detto sul mio blog: una quantita' di infortuni muscolari cosi' clamorosa non puo' essere spiegata solo dalla sfiga..qualcuno sta contribuendo al danno, e questo qualcuno puo' solo essere uno dei collaboratori di Rafa.

    Secondo me e' questo uno dei motivi per cui Moratti e' andato su tutte le furie: la scorsa stagione 12 infortuni, quest'anno si sono gia' superati i 30!

    RispondiElimina
  3. Sicuramente un errore nella preparazione c'è stato, questo ormai è evidente.

    Però credo che non sia da attribuire a una incapacità dello staff di Benitez, perchè è lo stesso che lo ha seguito in tutta la sua carriera, non possono essere diventati brocchi all'improvviso.

    Secondo il mio modesto parere, l'errore è stato nel fare una preparazione troppo fisica su una squadra che ha giocato fino all'ultimo giorno della scorsa stagione e che poi è andata di corsa al Mondiale, avendo solo pochi giorni poi di vacanza. Senza dimenticare che la preparazione è stata senza dubbio "accelerata" in vista degli impegni imminenti di Supercoppa.

    Sono convinto di una cosa, dopo la pausa natalizia vedremo senza dubbio un'altra Inter sul piano atletico, perchè con un pò di riposo e più attenzione nella ripreparazione si risolveranno gran parte dei problemi di questo inizio di stagione.

    Fino ad allora, dobbiamo solo tirare avanti e cercare di fare più punti possibili e ovviamente portare a casa il Mondiale per Club.

    RispondiElimina
  4. Secondo me conta anche il fatto che sia cambiato il tipo di preparazione.

    RispondiElimina
  5. Beh sicuramente, ma il cambio di preparazione è risultato così devastante per i motivi che ho esposto sopra.

    In condizioni normali è impensabile un effetto del genere...

    RispondiElimina
  6. Sinceramente non credo che la preparazione sia stata tarata per la supercoppa, infatti non è che ad Agosto- inizio Settembre l'Inter fosse brillante, ma potrei ricordare male.

    L'usura di qualche giocatore non proprio in età verde (Milito, Cambiasso) ha secondo me amplificato gli effetti di una preparazione sbagliata.

    Per come la vedo io, vincenzo, l'errore della società è stato più che il mancato investimento dei proventi del triplete, il mancato rinnovamento della rosa. Alcuni elementi potevano essere ceduti e rimpiazzati (gli stessi Milito e Maicon secondo me) per rinnovare la rose. Al fair play finanziario credo poco sonceramente.

    Benitez ha sbagliato la lettura delle ultime due-tre partite, nno di più. Resta a mio parere uno dei migliori tecinici in circolazione.

    RispondiElimina
  7. Sono d'accordo con te Nicol.

    Al di là degli infortuni, l'errore più grave secondo me è stato della società che non ha voluto investire parte del grande ricavato della scorsa stagione per ringiovanire e rinforzare la squadra.

    Milito non lo avrei venduto, mentre avrei deciso di vendere Maicon e non Balotelli.

    Spero che a gennaio la società (Moratti) possa rimediare all'errore commesso.

    RispondiElimina
  8. E si è stirato anche Coutinho...

    Andiamo di bene in meglio...

    RispondiElimina
  9. Sempre bicipite femorale poi..eh beh qualcuno dovrà rispondere di questa moria, qui il post-mondiale non c'entra una cippa:D

    RispondiElimina
  10. Concordo con Absinto...nei post precedenti commentavo proprio queti infortuni sottolineando una diversa preparazione atletica rispetto allo scorso anno..saluti

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore