domenica 7 novembre 2010

Maledetti infortuni, col Brescia è pareggio.

Sono abbastanza deluso e preoccupato. Da un lato la delusione è tanta per il pareggio interno di ieri sera col Brescia e per le tante occasioni da rete non finalizzate dai nostri, dall'altro sono infinitamente preoccupato per la situazione infortunati che continuano ad aumentare di giorno in giorno e non sembrano voler finire. Ieri sera infatti in una gara iniziata bene dai nostri ma che si è messa in salita per il goal di Caracciolo al primo tiro in porta e, consentitemelo, abbastanza fortunoso nel vincere un rimpallo assurdo nei confronti di Samuel, l'impresa di recuperare è diventata davvero impensabile quando prima Maicon, poi Sneijder e infine Samuel hanno lasciato il campo per infortunio. Maicon dopo solo mezz'ora di gioco ha subito un infortunio muscolare, Sneijder nell'intervallo sembra stesse per svenire e non è potuto rientrare in campo, Samuel invece ha subito l'infortunio più brutto dato che il ginocchio ha avuto un movimento decisamente innaturale e si prospetta per il nostro mostruoso centrale difensivo un lungo periodo di stop. A tutto questo aggiungiamoci l'assenza di Cambiasso, Stankovic, Thiago Motta, Mariga e Muntari in mediana e lo scarso (stavolta devo ammetterlo) coraggio di Benitez che dopo mezz'ora di partita e sotto di un gol ha sostituito Maicon con Cordoba, lasciando in panchina Santon e la frittata è fatta. Questa scelta a mio modo di vedere assurda (e sarà senza dubbio condivisa da molti, soprattutto dal mio amico Lenny!) ci ha impedito per quasi metà gara di creare scompiglio sulla fascia destra, dato che Cordoba non ha le caratteristiche per supportare l'attacco e di mettere in difficoltà gli avversari con dribling e cross, come invece ha saputo fare Santon dopo l'infortunio di Samuel. Nel topic che introduce a questa gara avevo parlato dell'atteggiamento del Brescia, che sarebbe arrivato a San Siro giocando all'italiana. Dopo il goal di Caracciolo, questa mia previsione si è amplificata all'infinito e il Brescia ha messo su un muro di epiche dimensioni col il solo Caracciolo che riusciva di tanto in tanto a superare la metà campo. Aggiungiamoci le perdite di tempo e i continui tuffi a ogni minimo contatto e riprendere la partita era diventata davvero quasi impossibile. I vari Coutinho, Obi e Eto'o hanno provato in diverse occasioni a segnare ma sempre per questione di centrimetri non è arrivato il goal. Il pareggio è arrivato invece al 70° con un rigore, devo dire generoso, concesso per fallo in area su Eto'o, il quale ha realizzato dal dischetto la sua diciassettesima rete stagionale. Il finale è stato un forcing nerazzurro che però non è riuscito a trovare alcun varco ed è facile immaginarlo se, facendo un conto al volo, si giocava con 19 giocatori in appena una quarantina di metri di campo. Proprio all'ultimo minuto, Diego Milito ha avuto l'occasione di segnare il goal vittoria ma, in preda ai crampi, ha mandato la palla sopra la traversa. Una gara difficile già in partenza e che è diventata davvero impossibile a gara in corso. Alla fine portiamo a casa un misero punticino ma sinceramente in questo momento quello che più mi preoccupa sono gli infortuni che si stanno abbattendo sulla nostra squadra. Tutto ciò avrà una fine?

11 commenti:

  1. La fortuna é cieca...la sfiga ci vede benissimo e non credo la nostra sia solo un fatto di sfortuna....troppi infortuni e tutti simili ( Samuel a parte ma giá recidivo al ginocchio ! ).Sneijder probabilmente negli spogliatoi stava svenendo solo al pensiero che anche lui potesse essere colpito da un infortunio !

    RispondiElimina
  2. Stagione lunghissima, gente che ha dato il 120% e ora è psicologicamente e fisicamente ai minimi storici. Senza il rinnovamento che doveva necessariamente esserci col cambio di allenatore, i risultati sono questi.

    Parte Balotelli? Bene, ma almeno prendi Cavani che è il suo alter-ego bianco. Maicon vuole andare? Bene, punta su Santon ma copri la voragine a sinistra senza per forza comprare Bale ma almeno prendendo un terzino di ruolo.

    La stagione è lunga, guai a mollare..ma un ciclo sta finendo, mettiamocelo bene in testa. E Mourinho, che non è un pirla, lo ha capito agendo di conseguenza.

    RispondiElimina
  3. È ovvio e logico che i tantissimi infortuni la stanno facendo da padrona e più volte ne abbiamo parlato e conosci il mio pensiero a riguardo. Se poi ci aggiungiamo che Benitez ci mette tanto del suo e purtroppo in negativo (è sotto gli occhi di tutti), questo è il risultato. Anche ieri sera il caro gordito ha dimostrato diversi limiti e tante paure, sfornando un centrocampo discutibile e compiendo sostituzioni difensive imbarazzanti. Il famoso gioco alla Banitez armonioso con tanto possesso palla e occasioni da goal, non si è mai visto nemmeno all'inizio e senza tutte le decimazioni che ci hanno colpito. Mettiamoci bene in testa che Gordito Benitez NON è Mourinho e, ahimè, è molto lontano dall'esserlo, nonostante all'inizio tutti dicessero che era la scelta giusta. Per me non è così e lo dico da sempre: è un buon allenatore che però non è adatto alla nostra panchina e ad un ambiente come Milano. Sono molto convinto che gli stessi giocatori se ne siano accorti e non lo seguano come dovrebbero, altrimenti sono inspiegabili certi atteggiamenti: Chivu che ogni partita lo insulta e fa sceneggiate napoletane perché, a detta sua, non riceve aiuto e copertura dai compagni, Eto'o che rilascia dichiarazioni su dove e come vuole giocare in campo e manda a fanculo un compagno per averlo servito male, Milito che per una sostituzione sbraita con tutta la panchina, ecc. Non eravamo abituati così con lo Specialone, con lui non volava una mosca, il gruppo era compatto ed unito, altrimenti facevi le valige.

    Ieri sera abbiamo guadagnato un punto. Ho visto la partita con mio padre e sull'azione del rigore ho detto che c'era, poi riguardando bene le immagini mi sono reso conto che il rigore è regalato. Se lo avessero fischiato contro di noi ci saremmo incazzati come le bisce. Probabilmente c'era quello su Milito ma l'arbitro ha compensato, rendendosi conto della cazzata di poco prima. A tre minuti dalla fine abbiamo sbagliato il goal vittoria e per fortuna! Sì perché non meritavamo di vincere.

    L'Inter di quest'anno è una squadra per nulla motivata, indietro di preparazione fisica e che preparazione visto tutti gli infortuni muscolari, la quale gioca senza voglia e convinzione con un uomo in panchina che non è capace e non è in grado di dettare legge come si dovrebbe fare nella sua posizione. Mi auguro che le cose possano cambiare molto in fretta, ma ho seri dubbi e il mondiale per club è vicino e se non dovessimo vincerlo come per la finale di Montecarlo, penso che Benitez non arrivi a mangiare il panettone.

    Buona giornata.

    :)

    LeNny

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Io voglio aspettare che l'Inter recuperi tutti i suoi giocatori, solo allora potremo parlare della vera Inter di Benitez, quella cioè che si è vista a inizio stagione.

    RispondiElimina
  6. Troppoi infortuni, siamo senza centrocampo :(
    scarsa preparazione precampionato :(

    RispondiElimina
  7. Lo scorso anno quanti infortunati in tutta la stagione...?! 0 oppure 1? beh anche questo deve far pensare, evidentemente non c'è una buona preparazione atletica. ciao

    RispondiElimina
  8. Hai ragione, erano pochissimi nonostante Mou spremesse i giocatori sempre.
    Però è in serie A in generale che ci son troppi infortuni in quest'inizio campionato.

    RispondiElimina
  9. Benitez ha sbagliato qualcosa in queste ultime partite, ma credo che di colpe ne abbia relativamente poche..

    Quando hai tanti infortuni muscolari non è sfiga ma c'è qualcosa di sbagliato nella preparazione, può anche starci nell'anno post mondiale.

    Cmq l'Inter sta a -3 dalla Lazio e gli basta vincere per passare il girone in CL, quindi come risultati direi che è in linea con l'anno scorso..
    manca la ferocia degli anni di Mourinho, ma qui secondo me è anche colpa della società che ha confermato (quasi) in blocco un gruppo fortissimo ma spremuto nel fisico e nelle energie mentali da Mou..serviva un rinnovamento anche per dare stimoli in più ad alcuni senatori.

    Cmq quando Maicon, Milito e Cambiasso torneranno (se torneranno) sui loro livelli abituali sarà un'altra storia..

    Augurio a Samuel per una pronta guarigione, anche se temo tanto che questo splendido difensore abbia chiuso con il calcio a certi livelli..speriamo di no

    RispondiElimina
  10. Per Samuel le prime informazione danno stagione finita. Sarebbe una tragedia umana per Wally che è un professionista come pochi e sportiva perchè perderemmo uno dei più forti difensori al mondo per tutta la stagione...

    RispondiElimina
  11. Sicuramente stagione finita salvo miracoli.
    E' anche il secondo crociato per lui se non sbaglio..davvero peccato, al di là dei colori è un giocatore che mi ha sempre fatto impazzire per grinta e concentrazione.
    Inoltre è l'ago della bilancia della vostra difesa.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore