giovedì 21 ottobre 2010

Pazza Inter

Che brividi nei minuti finali! Questa frase racchiude tutto quello che noi tifosi nerazzurri abbiamo pensato al fischio finale dell'arbitro nella gara tra Inter e Tottenham che ieri sera ci ha visto vincere per 4-3. Un Inter pazza, come recita il suo inno. Perfetta per oltre ottanta minuti, addormentata e imbarazzante per gli ultimi cinque. Benitez ha riproposto la stessa squadra che ha battuto di misura il Cagliari e, a dispetto di tutte le critiche che i nerazzurri hanno subito dopo la vittoria in terra sarda anche dai suoi stessi tifosi, questa squadra ha regalato a tutti noi un primo tempo da favola. Un vero e proprio uragano si è scaraventato contro gli inglesi del Tottenham, che di certo non si aspettavano un benvenuto al Meazza così devastante. Nell'arco di un quarto d'ora, Inter sopra di tre gol e con un uomo in più. E' stata una serata magica e lo si è capito subito al primo gol, arrivato al primo tiro in porta con, udite udite, Capitan Zanetti, che servito in profondità dal solito maestoso Eto'o, ha spiazzato il portiere con un delizione piatto destro. Non vi nascondo che al gol del Capitano ho esultato come un folle, quasi quanto al primo gol di Diego Milito dello scorso 22 Maggio a Madrid. Una decina di minuti dopo arriva l'episodio che ha tagliato letteralmente le gambe alla squadra di Redknapp. Sneijder lancia Biabiany a rete con un passaggio filtrante da pallone d'oro, la velocissima ala francese brucia il terzino Ekotto e salta con un pallonetto il portiere Gomes, che lo atterra bruscamente. Rigore e espulsione per il portiere, dal dischetto va Samuel Eto'o che sigla il due a zero con un potente destro. Non è mica finita però per gli inglesi, e dopo pochi minuti arriva il terzo goal con Stankovic, che dopo un meraviglioso scambio con Eto'o, dribla un avversario e la insacca con un preciso destro nell'angolino basso. A questo punto il Tottenham è allo sbando, l'Inter domina in lungo e in largo per il campo, continua a collezionare occasioni da rete raggiungendo il 4-0 ancora con Samuel Eto'o, servito sul filo del fuorigioco dal gioiellino Coutinho. Dopo un primo tempo del genere, l'euforia in me era a mille, un'Inter bella e vincente, schiacciasassi oserei dire. Nella ripresa gli uomini di Benitez abbassano i ritmi e continuano a attaccare senza però accelerare troppo. Nel Tottenham sono tutti zombi, tranne uno, quel Gareth Bale che tanto bene vedrei con la maglia nerazzurra addosso. Il gallese prende palla a metà campo e dopo una falcata memorabile brucia Julio Cesar con un terrificante sinistro. Sul 4-1 i nerazzurri continuano a macinare gioco cercando in ogni modo di mandare a rete Coutinho, che ci prova continuamente. L'uscita per infortunio di Stankovic ha però costretto Benitez a effettuare una serie di sostituzioni che hanno scosso gli equilibri della squadra e negli ultimi minuti, intorno al 90° abbiamo rischiato grosso. Infatti Gareth Bale (ripeto, un fenomeno) ha infilato per altre due volte un imbarazzante Julio Cesar, sempre con la stessa azione, sempre nello stesso angolino. Tre tiri, tre gol. E Julio Cesar ha semplicemente dormito. Cordoba prima e Santon poi non sono riusciti a dare ai nerazzurri quella solidità difensiva che serviva negli ultimi minuti. Soprattutto il giovane Davide, dopo un buon inizio in cui è andato vicino al gol, ha sbagliato un pallone da dilettante regalando il terzo gol al Tottenham. Coi brividi sulla schiena, finalmente è arrivato il fischio finale dell'arbitro con la Pazza Inter che porta a casa una importantissima vittoria piazzandosi al primo posto nel suo girone di Champions. Un inizio incoraggiante in Europa quest'anno, in un girone per nulla facile. Eto'o ancora una volta sugli scudi, col suo 14° gol in 12 gare in maglia nerazzurra. Un mostro, un extraterrestre, semplicemente l'Eto'o di Barcellona. In attesa del vero Milito, godiamoci questo fenomeno, che in carriera ha vinto quattro champions non per caso. E godiamoci anche questa Pazza Inter, che pian piano sta assimilando il nuovo bel gioco di Benitez, macinando punti su punti sia in Campionato che in Champions. Altro che crisi!

7 commenti:

  1. VINCENZO TI RISPONDO QUI AL TUO INTERVENTO NEL MIO BLOG:
    Non contro Benitez e non ho nessun accanimento contro di lui ma il problema non sono i 10 minuti di black out ma i motivi che hanno portato al black out !
    Esce Stankovic e entra Santon e guarda caso con un uomo in meno a centrocampo premdiamo subito gol.
    Perché non sostituire il serbo con Muntari ?Si fa male Chivu ,perché Pandev ? Perché fare tutti quegli spostamenti di giocatori sino all'entrata di Cordoba ?Dove sta scritto che dobbiamo sempre giocare con 3 attaccanti ?Seerano stanchi perche mandare avanti Maicon ,non poteva aiutare Cordoba ?Mi sta bene l'11 iniziale ma poi sul 4-0 perché stravolgere la squadra in quel modo ?Per poi sentirsi dire dallo spagnolo che i giocatori sono spremuti dalla stagione scorsa e cazzate varie ...in conferenza stampa !Se sono spremuti che inizi a pensare alternitive e non lamentarsi dopo quando le cose vanno meno bene !

    RispondiElimina
  2. Finalmente ha capito che puó utilizzare Sneijder alla Pirlo e Coutinho dietro Eto'o...sulla fascia il brasiliano é sprecato !
    Julio
    Maicon Lucio Samuel Chivu ( Santon )

    Biabiany Stanko Sneider Zanetti
    (cordoba)(Muntari)


    Coutinho
    Eto'o

    fa cosí schifo ??? era co´si difficile ?

    RispondiElimina
  3. Grande partita! Ho avuto la fortuna di vederla allo stadio, incredibile! 7 gol dal vivo! AHAHAH!

    RispondiElimina
  4. 4EverInter - Muntari ogni volta che gioca fa danni e viene sempre criticato e ora lo volevamo anche in campo ieri? Suvvia. A parte lui del resto non mi sembra che Benitez avesse tutte queste alternative. In più ci si è messo anche l'infortunio di Stankovic, che ci ha tolto geometrie da dietro e che abbiamo recuperato solo arretrando Sneijder, che ci ha tolto ovviamente qualcosa davanti. Dovevamo sicuramente gestire meglio il pallone sul finire della gara, ma in campo ricordiamoci che ci vanno sempre i giocatori e non l'allenatore. Per questo non capisco tutto questo dare addosso a Benitez (non mi riferisco solo a te ovviamente).

    Absinto - Che fortuna, però erano meglio solo 4 ihih.

    RispondiElimina
  5. Sai perché Benitez é criticato da molta gente ?
    1-Perché fino ad oggi non ha messo niente di suo...solo la difesa alta che molte volte da piú problemi che gioie.
    2-Perché fino ad oggi ha sempre cercato scuse : la preparazione ,gli infortuni,la squadra logora dell'anno scorso e cosí via.Vuole fare il 4-3-3 ok ottimo ma si ricordi che per questo tipo di gioco deve avere giocatori in forma al 200% specialmente gli attaccanti che devono svolgere un grande lavoro di copertura( mourinho giocava un 4-3-3 che in veritá era un 4-5-1 !!! )
    Per cui se in questo periodo ci sono problemi di organico allora puó giocare piú coperto,cercando altre soluzioni...é pagato molto lautamente anche per questo.

    RispondiElimina
  6. E poi Muntari.....non é mai stato un fenomeno ma neanche un brocco come lo dipingi tu.Mi va bene che non entri nell'11 iniziale ma a 20 minuti dalla fine visto i vari infortuni é meglio giocare con muntari( visto che giochi con un uomo in piú)che stravolgere la squadra oltretutto in precarie condizioni fisiche.

    RispondiElimina
  7. Beh che fino ad oggi Benitez non ci abbia messo nulla di suo non sono d'accordo. La mano di Benitez si sta iniziando a vedere secondo me.

    Sul discorso di passare al rombo potrei essere piu o meno d'accordo, ma fino ad ora con questo modulo stiamo andando benissimo per cui non vedo perchè bisognerebbe cambiare. Per la gara di ieri mantenendo il 4-2-3-1 abbiamo controllato tutta la gara, tranne quei cinque minuti finali in cui Santon si è ubriacato e Cordoba ha straperso il confronto con Bale. Non so quanto Muntari potrebbe essere stato d'aiuto per mantenere il possesso palla.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore