domenica 12 settembre 2010

Inter - Udinese 2-1

Inizia bene l'avventura casalinga dell'Inter di Benitez, che a San Siro ripete lo stesso risultato dell'anno scorso, 2-1 e vittoria su un ottimo Udinese. Assenti Maicon e Stankovic (ancora auguri al Dragone per i suoi 32 anni!), in campo sono scesi Mariga a centrocampo e a sorpresa Biabiany sull'ala destra, con buona pace di Pandev, ancora alla ricerca della miglior forma. Nel primo tempo il 4-2-3-1 di Benitez sembra funzionare bene, la palla gira bene a centrocampo, gli esterni d'attacco affondano spesso e si trova subito il gol con Lucio che dopo un'uscita maldestra di Handanovic su calcio d'angolo stoppa di destro e calcia di sinistro mettendo la palla nell'angolino opposto. Gran gol del Capitano della Seleçao che sigla il suo terzo gol in nerazzurro. Zanetti e compagni controllano la gara e rischiano solo in alcuni contropiedi dell'Udinese affidati prevalentemente a Sanchez, un folletto rapidissimo che ha dato del filo da torcere alla retroguardia neroazzurra. Al 31° minuto arriva il pareggio dei bianconeri, ancora su calcio d'angolo. Floro Flores salta indisturbato e batte Julio Cesar, ringraziando Totò Di Natale che gli ha messo una palla splendida. La ripresa vede un'Inter un pò più impacciata. Lo stato di forma precario di Cambiasso e Milito inizia a farsi sentire e i nerazzurri non riescono a trovare sbocchi in attacco, mentre gli uomini di Guidolin continuano a cercare gloria in contropiede. Al 7° si presenta un episodio incredibile. Contropiede dell'Inter con Eto'o che brucia letteralmente sulla corsa Zapata, il quale da dietro si getta in tuffo spingendo vistosamente il camerunense a terra. Rigore ineccepibile che l'arbitro trasforma inspiegabilmente in simulazione e cartellino giallo per Eto'o. Inutile dire come il rigore e la conseguenza espulsione per fallo da ultimo uomo di Zapata avrebbero con ogni probabilità chiuso la partita a inizio secondo tempo. Invece, grazie al solito arbitro all'italiana la gara resta aperta e solo dopo ben due tocchi di mano in area di rigore viene concesso il penalty ai nerazzurri. Il secondo fallo è sicuramente più netto del primo. Eto'o va dal dischetto, calcia basso e potente ma Handanovic respinge davanti a se e il camerunense come un vero rapace torna sul pallone e lo insacca per il 2-1. Verso la fine del match altra grande giocata di Samuel Eto'o che, passato a fare la prima punta con l'uscita di Milito, ha colpito un palo strepitoso con un tiro a giro che ha nettamente spiazzato Handanovic. Sei minuti di recupero finali per la seconda incredibile decisione dell'arbitro della serata, che si è così meritato una bella insufficienza.
Quindi i primi tre punti della stagione sono arrivati in casa dopo il pareggio esterno a Bologna. Dei miglioramenti ci sono stati e più Benitez avrà tempo di lavorare più il gioco dei nerazzurri migliorerà. Per ora, dato lo stato di forma di Milito, credo che Eto'o prima punta sia d'obbligo, soprattutto alla luce della tanta corsa e dello spirito di sacrificio messo in mostra da Biabiany ieri sera. Da un momento di gioia ad un altro. Mentre vi state avvicinando alla fine di questo post, vi invito a un minuto di raccoglimento per gli scabrosi eventi di ieri sera. Cagliari-Roma 5-1, Cesena-Milan 2-0....... (complimenti per il debutto zingarimovic!)

Ora pensiamo alla Champions League sperando di vedere Eto'o prima punta, senza offesa per il Principe.

7 commenti:

  1. Ciao Vincenzo ;)
    Milito in queste condizioni deve lasciare il posto ad Eto'o che invece sembra straripante e sta pian piano prendendo in mano la squadra insieme a Sneijder.
    Buono l'inizio ma poco di più, questa Inter ha bisogno di riprendere il giusto ritmo e soprattutto di ritrovare a centrocampo elementi alternativi capaci di dare la svolta, perchè Mariga visto ieri è cosa assurda ed improponibile, Stankovic avrebbe fatto comodo!
    Senza spinta sulle fasce, Maicon torna ti pregooooo, è stata molto più dura e Biabiany è parso disperso ed inconcludente.
    Nel finale abbiamo rischiato gettando alle ortiche palloni che potevamo gestire, dov'è il possesso palla?
    Quanto al recupero credo invece sia l'unica cosa giusta fatta dal direttore di gara, ci stavano tutti i sei minuti di recupero ;)
    Speriamo di ritrovare noi stessi prima che ci riescano gli altri, altrimenti potrebbe diventare durissima questa stagione!

    RispondiElimina
  2. Con un solo gol e tutti e sei i cambi il recupero giusto doveva essere tra i 3 e i 4 minuti. Quei due minuti in più persi durante la partita non li trovo. Boh...

    RispondiElimina
  3. L'Inter conferma la sua posizione. Bellissimo match!

    RispondiElimina
  4. Del peso di Maicon si sapeva già, ma devo dire che anche Motta manca parecchio all'inter.
    Per non parlare di chivu, sanchez ci è andato a nozze ieri..
    La condizione penosa di milito e pandev penalizza davvero tantissimo la fase offensiva, per me benitez non cambierà nulla in coppa, non penso si presenti con Biabiany o Coutinho..

    RispondiElimina
  5. Nicol hai perfettamente ragione. Thiago Motta è un tassello fondamentale per il nostro centrocampo, peccato che sia un pò gracilino fisicamente e si infortuni spesso.

    RispondiElimina
  6. in effetti non so se il cretino col fischietto sia stato più comico nell'ammonire Eto'o per simulazione o nell'inventarsi quei 6 minuti di recupero... allora alla fine di Napoli-Bari dovevano darne 16... (invece solo 3...)

    RispondiElimina
  7. Bentornato Zio!

    Ho fatto il tuo stesso pensiero vedendo la partita di ieri sera...

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore