domenica 12 settembre 2010

Inter - Udinese 2-1 : il pagellone

Saltata la prima partita di campionato causa vacanze ancora in corso, ecco il mio primo pagellone del nuovo Campionato di Serie A, Inter - Udinese 2-1.

JULIO CESAR 6:
il portierone nerazzurro è stato impegnato pochissime volte nel corso della partita. Sul gol di Floro Flores non ha colpe, mentre si registra una non facile parate su tiro di Sanchez.

ZANETTI 6,5:
solita montagna invalicabile. Da quella parte non si passa e quelli dell'Udinese lo capiscono giocando prevalentemente sull'altra fascia. In progressione è sempre il solito Tractor, alla faccia dell'età.

LUCIO 7:
ottima prestazione difensiva di Lucio che vince praticamente tutti i duelli con gli avversari. Prima Floro Flores e poi Corradi capiscono che non c'è trippa per gatti. Il tutto condito da un gran bel gol che ha portato i nerazzurri in vantaggio.

SAMUEL 6:
positivo anche l'argentino che ha fatto un lavoro più oscuro rispetto al compagno di reparto. Nessun intervento decisivo, ma tatticamente imprescindibile.

CHIVU 6:
aveva di fronte un giocatore rapidissimo come Sanchez e doveva riscattare le ultime opache prestazioni. Mi ha lasciato soddisfatto, ha gestito bene il folletto cileno e ha chiuso bene qualche offensiva avversaria.

MARIGA 6:
i piedi di legno sono una sua caratteristica, non una pecca di serata. Il suo lavoro lo fa, pressa, morde, attacca e recupera tanti palloni. L'impostazione invece lascia a desiderare.

CAMBIASSO 5:
la partita con l'Argentina ha sfiancato il Chuchu che ieri era proprio fuori partita. Ha giocato da fermo, ha toccato pochi palloni e ne ha recuperati ancora meno, perdendo quasi tutti i contrasti con gli avversari.

SNEIJDER 6,5:
il solito genietto, prende in mano le redini del gioco e cerca sempre la giocata giusta per mandare in rete i compagni. Da un suo calcio d'angolo nasce il vantaggio, da un suo cross nasce il rigore della vittoria. Colpi di tacco e giocate di classe a coronamento di una ottima prestazione.

BIABIANY 5,5:
ottimo l'impatto con San Siro, il francesino di scuola Inter corre, pressa e si fa la fascia avanti e indietro. In due parole, da l'anima! Un pò fumoso quando c'era da tirare o crossare.

ETO'O 7,5:
il migliore in campo dei nerazzurri. Si vede lontano un miglio che è il più in palla degli attaccanti. Il suo solito lavoro difensivo per la squadra è stato coadiuvato da un potenziale offensivo importante. Un rigore procurato e non concesso dall'arbitro, un gol segnato e un palo colpito sono il resoconto di una partita impreziosita da tante altre giocate di qualità e quantità come solo il Re Leone sa regalarci.

MILITO 4,5:
assolutamente lontano dai tempi migliori. Fuori dagli schemi, non ha ritmo, non ha guizzi vincenti e questo porta l'Inter ad avere un'arma in meno là davanti. Solo giocando può recuperare la forma quindi giusto tenerlo comunque in campo. Si ritrovi presto.

CORDOBA MUNTARI PANDEV 6.

BENITEZ 6:
due partite casalinghe, due vittorie. Prima la Supercoppa con la Roma, ora la gara con l'Udinese. Le gare in casa portano bene al tecnico spagnolo, che sta lavorando sodo per dare la propria impronta alla squadra. Peccato che ha avuto poco materiale su cui lavorare a causa degli impegni nazionali. Nonostante ciò, si è vista una buona Inter.

ARBITRO 5:
il rigore clamoroso su Eto'o è un errore inaccettabile che poteva pregiudicare il risultato finale. Un altro intervento di mano in area non sanzionato, ma era abbastanza involontario, mentre è bravo a non concedere il rigore all'Udinese per lo scivolone di Cordoba che si pesta i piedi con Lucio e si ritrova a terra senza poter fare nulla. I sei minuti di recupero finali sono inspiegabili.

6 commenti:

  1. Siamo in una situazione di lavori in corso. Ci vuole tempo. L'unica cosa che continua a preoccuparmi sono le seconde linee. Non sono all'altezza dei titolari.

    Ciao e buona domenica

    RispondiElimina
  2. I ricambi mancano, hai ragione. Però Biabiny non mi è dispiaciuto così tanto.

    RispondiElimina
  3. Vincenzo non mi sembra di essere stato troppo negativo con i miei voti.Ho visto una squadra stanca...svogliata ...senza nesso che per fortuna non ha subito il gol del 2-1 ed é riuscita a tenersi a galla!Tanti giocatori irriconoscibili in campo...abbiamo una rosa di 26 giocatori per che cosa se alla fine giocano comunque sempre gli stessi per un motivo o per un altro ?

    RispondiElimina
  4. 4EverInter, bisogna riconoscere che Benitez ha preparato questa partita solo venerdì praticamente, dato che avevamo mi pare 14 giocatori in giro per il mondo con le nazionali.

    Aspettarsi una squadra pimpante con queste premesse è impensabile. Nonostante ciò, io ho visto comunque delle buone cose. Certo, c'è ancora da lavorare, ma non la vedo una tragedia come la vedi tu.

    In più ci sono molti infortunati importanti come Maicon, Motta e Stankovic, e Santon non era ancora pronto a rientrare. Anche fare turn over era difficile, e comunque ha giocato Biabiany per far rifiatare Pandev.

    RispondiElimina
  5. Sei stato molto generoso con Biabiany, il Quaresma parigino.

    RispondiElimina
  6. Addirittura il Quaresma parigino. Dai non esagerate, per me Biabiany è stato molto positivo, c'ha messo voglia e corsa e molti passaggi li ha sbagliati perchè cercava di dialogare con la statua di Milito...

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore