martedì 21 settembre 2010

Bella Rafa!

Arriva il primo impegno infrasettimanale della Serie A 2010/11 e l'Inter ospiterà a San Siro il Bari di Ventura. I nerazzurri si trovano in testa alla classifica insieme alla sorpresa Cesena (che ha fermato prima la Roma e poi il Milan), mentre le altre già arrancano alle spalle. Tutto ciò è molto positivo ma non deve far abbassare la concentrazione dei nostri, perchè la stagione è ancora lunga e ci sarà da combattere, come ci ha dimostrato la scorsa gara dell'Inter, nella quale nonostante una schiacciante supremazia nerazzurra, si è comunque sudato parecchio per portare a casa la vittoria. L'avversario di domani sera è altrettanto bravo e preparato e ha nella velocità e nel contropiede la sua arma prediletta. Il Bari di Ventura è una squadra che gioca bene al calcio di rimessa, aspetta che gli avversari si scoprano per poi colpire in fulminanti contropiedi sfruttando la velocità di Barreto e Alvarez, serviti da due ottimi registi come Donati e Almiron. La difesa è più debole di quella dello scorso anno formata da Ranocchia e Bonucci, ma la struttura di squadra consente ai galletti di far valere anche il proprio reparto difensivo. Dal canto nostro, sono certo che se giochiamo come contro il Palermo e se Milito si sblocca e mette dentro le palle confezionate dai suoi compagni allora non c'è partita. Mancherà incredibilmente Javier Zanetti, che dopo la brutta pallonata presa contro il Palermo è stato costretto a una settimana di forfait. Non succedeva da anni! In difesa potrebbe tornare Santon che con la sua velocità potrebbe contrastare meglio Alvarez rispetto all'impacciato Chivu di questo inizio di stagione. A centrocampo si rivede Sneijder, che torna tra i convocati, e dovrebbe essere confermato anche Deki Stankovic, grande protagonista della gara in quel di Sicilia. Di questo prepartita mi è piaciuta tanto la conferenza stampa di Benitez. Il tecnico spagnolo ha dato delle risposte adatte e incisive alle domande dei giornalisti. In primis non esiste alcun caso Milito, dato che lo stesso giocatore ha confermato al tecnico di non sentire il procuratore Hidalgo da mesi e quindi le sue dichiarazini sono letteralmente campate per aria. Massima fiducia in Diego Milito, da parte dei compagni, dei tifosi, della società e, appunto, di Benitez. Alle lamentele patetiche in stile neomelodico del Presidente Zamparini, il buon Rafa ha risposto dicendo che lui parla solo di calcio e che in campo l'Inter ha vinto meritatamente la gara andando al tiro in porta per ben diciassette volte. In più il tecnico di Madrid inizia a capire qual'è l'atmosfera che circola in Italia e sta iniziando a capire cos'è il "rumore dei nemici", smascherando di fatto i tentativi di destabilizzazione in vista delle calde gare con Roma e Juventus. Confermate infine le sue idee di gioco, l'Inter deve essere una squadra con una precisa identità che gioca come sa contro qualsiasi avversario. E così sarà anche domani contro il Bari di Ventura. Eto'o è in formissima, Milito sta tornando, gli altri stanno ingranando da un pò ma intanto: "Bella Rafa!".

2 commenti:

  1. Pian piano sta prendendo confidenza con il calcio italiano. Non sarà mai come Mourinho però è bene che quando è necessario si faccia sentire chiaro e forte.

    RispondiElimina
  2. Il Bari è un osso duro. Attenti alle ripartenze. In bocca al lupo!

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore