mercoledì 16 giugno 2010

Inter poco italiana? Sti cazzi!

L'Inter e i giocatori italiani, bel dilemma. Ultimamente sono nate spesso accese discussioni sul fatto che nell'Inter giochino pochissimi giocatori italiani. Premettendo che la società FC Internazionale di Milano è nata proprio per permettere ai giocatori esteri di giocare nel campionato italiano, se proprio dobbiamo dirla tutta, questa è una delle tante cazzate utilizzate dai più grandi accusatori d'Italia per incolpare di qualcosa l'Inter. Perchè loro si limitano a dire "l'Inter non ha italiani, non è una squadra italiana", ma poi non propongono dei giocatori che siano in grado di giocare nella nostra squadra. Chi dovremmo prendere? Fatemi i nomi e vediamo chi di questi sarebbero in grado di giocare per un top club penta campione d'Italia e campione d'Europa come l'Inter. Chi sarebbero? Nocerino? Palombo? Acquafresca? Pepe? Blasi? Chi? Quale italiano potrebbe prendere il posto di Julio Cesar? Quale italiano potrebbe prendere il posto di Samuel o di Maicon? Chi potremmo mettere in mediana al posto del Chuchu o di Sneijder? E in attacco? Stendiamo un velo pietoso. I giocatori italiani sono scarsi, non c'è discussione e non vedo perchè una società come l'Inter dovrebbe prendere giocatori scarsi solo per far numero. La Juventus ha tanti italiani ma giocano in nazionale solo perchè c'è Lippi, infatti nel nuovo corso di Prandelli se ne salveranno giusto un paio. Nel Milan chi sarebbe titolare nell'Inter? Antonini? Abate? Le mummie Gattuso e Nesta? O magari Pippetta Inzaghi? E la Roma? Lascia andare Toni e prende Adriano. Lascia andare Brighi e prende Simplicio. Caccia Curci per far giocare Doni o Julio Sergio. Dove sono i giocatori davvero forti italiani? Se dovessi fare un nome che potrebbe giocare titolare nell'Inter quello è Daniele De Rossi, ma non è in vendita, quindi perchè andare a prendere qualche mezza sega come Pepe giusto per far numero? Noi non abbiamo Lippi in nazionale che tenta in ogni modo di valorizzare i nostri giocatori. Noi quest'anno avevamo cinque italiani in rosa, più uno naturalizzato. Toldo, Orlandoni, Santon, Balotelli, Materazzi e Thiago Motta. Santon e Balotelli diventeranno il terzino e l'attaccante più forti in Italia e tra i migliori d'Europa. Materazzi ha giocato poche volte ma ha avuto un rendimento di gran lunga migliore del suo collega gobbo Cannavaro che in oltre 30 partite ha fatto solo disastri. Facciamo il discorso della riconoscenza? Bene, il mondiale del 2006 lo abbiamo vinto grazie proprio a Materazzi per chi non lo ricordasse. Eppure al Mondiale non c'è e Cannavaro si. Thiago Motta è italiano quanto Camoranesi, eppure nonostante la strepitosa stagione al mondiale non c'è e Camoranesi si. Quindi, ricapitolando, se i giocatori italiani ci sono e sono forti allora è giusto prenderli (vedi Ranocchia), ma se sono scarsi possono restare dove stanno. D'altronde con una squadra così INTERNAZIONALE abbiamo vinto Scudetto, Champions League e Coppa Italia. Inter poco italiana? Sti cazzi!

4 commenti:

  1. Mmmhh..
    Due considerazioni.

    Dietro il tuo pensiero,condivisibile o meno,ovviamente di parte(ci mancherebbe) c'è invero una riflessione più ampia,ossia il decadimento sotto il profilo tecnico(e culturale,ed economico,etc etc) dell'intero movimento calcistico made in italy.
    Detto ciò,è evidente che questa non è una colpa specifica dell'Internazionale,semmai si tratta di colpa diffusa.

    Entrando più nello specifico, direi che se da un lato non è fondata la critica all'Inter come squadra non italiana, d'altro lato non penso si possa muovere rimprovero alcuno a Lippi per la mancata presenza di giocatori nerazzurri.
    Si potrà obiettare la presenza di giocatori scarsi o bolliti,ma non la mancanza di un Santon(già convocato da Lippo,peccato per gli infortuni) o di un Balotelli(che non riesce ancora a fare la differenza nell'Under, figuriamoci ad un mondiale,suvvia).

    RispondiElimina
  2. Premettendo che a Lippi ne potremmo dire tantissime, tipo le mancate convocazioni di Marchionni, di Mesto, di Cassani, di Miccoli (l'infortunio non centra nulla), Barzagli. L'Italia avrebbe potuto costruire una nazionale molto più giovane e forte ma Lippi non ha voluto e ha preferire convocare i strabolliti Cannavaro, Camoranesi, Gattuso, Iaquinta...

    Per quanto riguarda gli interisti, io credo e lo dissi già tempo fa che se Lippi ha deciso a suo tempo di puntare sul gruppo, non poteva non convocare Materazzi, che oltre a essere stato decisivo nell'ultimo mondiale e oltre ad aver giocato molto meglio di Cannavaro nelle poche partite in cui è stato impiegato (piu o meno le stesse di Iaquinta per intenderci), ha un carisma fuori dal comune e questa nazionale rammollita avrebbe fatto bene. Balotelli non si è meritato la convocazione, siamo tutti d'accordo, ma non nascondiamoci dietro a un dito. Lippi non lo avrebbe mai convocato, così come non avrebbe mai convocato gente come Cassano o Miccoli. Per Santon è stato fatale l'infortunio al ginocchio, ma siamo sicuro che lo avrebbe preferito al figlioccio Zambrotta?

    E su Thiago Motta? Amauri se non avesse dimostrato di essere un brocco assoluto avrebbe giocato questo mondiale da oriundo come Camoranesi (guardacaso entrambi juventini), perchè Motta no? E poi mi dicono che l'Inter non ha giocatori in nazionale....

    RispondiElimina
  3. Perdonami se non ti regalerò un lungo e brillante commento, ma stavolta sei stato DAVVERO perfettissimo tu! Sono stradaccordo con te fino all'ultima sillaba! Volete sapere cosa ne pensa Zio Scriba? Rileggetevi il pezzo di Vincenzo!

    RispondiElimina
  4. condivido 101 pè ciento

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore