giovedì 24 giugno 2010

Fine del Mondiale

Si è concluso nel peggiore dei modi il Mondiale della Nazionale Italiana questo pomeriggio alle ore 18. Un' imbarazzante sconfitta per 3-2 ad opera della matricola Slovacchia di Marek Hamsik, che ha impartito una vera lezione di calcio agli uomini di Lippi, nonostante fosse al primo Mondiale della sua storia. Le matricole battono i Campioni del Mondo in carica e tutto questo grazie a Lippi e alle sue scelte. "Non mi sembra di aver lasciato dei fenomeni a casa" ha detto Lippi alla vigilia della gara di oggi. Evidentemente Cassano, Miccoli, Balotelli, G. Rossi, Barzagli, Cassani, Marchionni, Mesto, Borriello, Thiago Motta e Materazzi sono più scarsi rispetto ai veri fenomeni che si è portato dietro. Le sue più che discutibili e discusse scelte hanno dato ragione all'Italia intera (tranne la frangia juventina ovviamente) che non si è mai ritrovata d'accordo con le scelte del Ct. Un allenatore con davvero tanto tanto fattore C o chiamamolo direttamente col suo nome, CULO! Un mondiale vinto quattro anni fa grazie a un gioco latitante e grazie a un bel pò di fortuna e furbizia e grazie soprattutto a quel Marco Materazzi che con il goal in finale e la provocata espulsione di Zidane ci ha permesso di portare a casa la scorsa Coppa del Mondo. A quattro anni di distanza, il grande Marcello Lippi sperava di poter contare ancora su giocatori bolliti come Cannavaro, che è stato a mio avviso il peggior giocatore del torneo con tre prestazioni da film dell'orrore che avranno fatto raccapricciare anche i suoi nuovi datori di lavoro in Arabia, Gattuso che senza la grinta e la corsa che hanno contraddistinto i suoi anni migliori è un semplice giocatore da serie C, Camoranesi che oltre a rischiare di farsi esplellere a ogni partita non ha fatto altro quest'anno. Per non parlare di Iaquinta, in grado di segnare solo su rigore o a gioco fermo, statico e lento peggio di un bradipo. La matricola Marchisio che appena sentito l'inno nazionale se l'è fatta completamente addosso farfugliando parole senza senso e giocando palloni con ancora meno senso. A destra ha giocato Pepe, che oltre alla corsa e alla forza di volontà ha davvero ben poco da dare. La nazionale presentata da Lippi a questi mondiali non ha mai avuto una propria identità, tanto da cambiare modulo di gioco almeno cinque volte in queste tre partite, per non parlare delle qualificazioni mondiali, in cui sono stati provati giocatori inutili come Biondini per poi tornare a convocare sempre gli stessi, ovvero juventini o giocatori gestiti da Davide Lippi (si proprio il suo figlio procuratore). E così tutta questa confusione è venuta fuori in queste tre misere partite di Mondiale con una difesa imbarazzante, basata sulla coppia centrale più disastrosa della serie A, Cannavaro Chiellini, che contro i più che modesti Slovacchi hanno visto i sorci verdi, facendosi infilare per ben tre volte con una facilità impressionante. Un centrocampo senza sbocchi sulle fascie e con un gioco lento e senza idee, vittima anche della assenza forzata di Pirlo. E un attacco con zeru fantasia e zeru concretezza. Azioni da gol collezionate col contagocce e mangiate a go go, sembra impossibile ma è così. I veri fenomeni, quelli che ti possono cambiare la partita con una giocata, Lippi li ha lasciati a casa e guardacaso hanno tutti avuto un passato difficile o con la Juventus (vedi Miccoli e Balotelli) o con il figlioccio Davide (vedi Cassano). E quindi, tutti noi Italiani, siamo rimasti vittime delle scelte ridicole di questo pseudo selezionatore che oltre a prendere soldi dalla Federazione e a fare gli interessi suoi e della Juventus non ha saputo fare. Nel girone più facile del Mondiale, l'Italia esce dopo due pareggi con Paraguay e Nuova Zelanda e dopo una sonora sconfitta con la Slovacchia. Grazie mille allora a Lippi e alla grande figura di merda che ha fatto fare all'Italia intera, anche se in realtà la figura di merda l'hanno fatta lui e tutti i suoi amici gobbi che si è portato dietro. Io non ho giocatori in Nazionale ma fortunatamente il mio Mondiale è a Dicembre!

4 commenti:

  1. Premetto che sono in linea sul tuo pensiero per quello che riguarda le colpe di Lippi e dei giocatori, e di una vergogna senza precedenti nella storia della Nazionale.
    E fin qui ok.
    Per il resto, Vincenzo, pur rispettando la tua opinione, ne prendo al contempo le distanze perchè mi sembra una visione molto parziale del problema, che non è Lippi o le convocazioni, ma lo stato dell'intero movimento calcistico italiano.Semplicemente pietoso, guarda caso proprio dal 2006.
    Non mi produrrò di certo in una apologia bianconera, perchè non è difendibile, perchè non mi interessa farlo, e perchè in fondo nessuno ci ha mai ringraziato quando gli eventi toccavano l'apice della gloria, e la nostra impronta era forte(come sempre, nella gloria come nel fallimento, noi).
    Se poi arriviamo a dire che il mondiale l'abbiamo vinto con culo&Materazzi, beh penso che difficilmente si troverà un punto di contatto;-)
    In bocca al lupo e auguri doppi a Prandelli, ma temo che avrà responsabilità ben superiori al semplice ruolo di selezionatore, e per colpe non sue.
    Ah,in bocca al lupo anche a te Vincè, per l'esame di fisica:D

    RispondiElimina
  2. Ciao Nicol e crepi innanzitutto il lupo per il mio esame ihih.

    Credo che sinceramente la rovina della nostra nazionale sia stata proprio la juventinità di Marcello Lippi che è sempre stato vicino agli ambienti bianconeri. La convocazione di un sostanzioso blocco Juve al Mondiale dopo una stagione talmente disastrosa per i vostri colori ne è la conferma. Un allenatore un pò meno interessato e più "intelligente" avrebbe capito che probabilmente la difesa della Juventus non poteva essere riproposta IN UN MONDIALE e infatti Cannavaro e Chiellini hanno fatto acqua da tutte le parti, nonostante non ci fossimo trovati davanti gente di alto livello eh.

    Scelte indegne anche in attacco, dove Pepe che praticamente non era mai stato preso in considerazione durante le qualificazioni è fatalmente diventato titolare inamovibile appena il suo trasferimento alla Juventus è stato ufficializzato. Prima del Mondiale Lippi provò nell'ultima amichevole un inedita difesa a tre per provare a mettere in mostra anche il promesso sposo Bonucci. Iaquinta non lo commento nemmeno dato che la stagione scorsa parla da sola...

    A centrocampo la testardaggine di Lippi nel fare giocare "ovunque e dappertutto basta che giochi" il figlioccio juventino Marchisio quando si poteva convocare un Perrotta che tanto bene ha fatto quest'anno con la Roma e c'erano talmente tante altre alternativa da annoiarmi a elencarle.

    Le assenze di gente fantasiosa e talentuosa come Miccoli, Cassano, Balotelli, G. Rossi non può non essere considerata. In difesa c'era la possibilità di portare Barzagli che in Germania sta facendo benissimo e invece no, dentro Cannavaro e Chiellini.

    Ripeto, non vuole essere un attacco alla juventus, ma a Lippi che da sempre ha fatto solo gli interessi suoi e, volendo o no, proprio della Juventus.

    Ciao.

    RispondiElimina
  3. http://intercalciosport.blogspot.com/2010/06/camerun-olanda-1-2.html ti è piaciuta questa parola che ho coniato??? E' inedita a quanto pare! :):):)
    mi aspetto i complimenti :)

    RispondiElimina
  4. Simpatico il termine che hai coniato gianf ;)

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore