lunedì 31 maggio 2010

Resoconto di fine stagione


Conclusasi la stagione e smaltita la sbornia (ma anche no!) per i tanti (tutti) trofei vinti, già sento la mancanza della nostra Inter, l'emozione e l'ansia che precedono una partita, l'adrenalina che ci accompagna per novanta minuti più recupero e la felicità o delusione per l'esito finale. C'è però il tempo per stilare con calma e lucidità il resoconto di fine stagione, voti definitivi per giocatori, allenatore e società con promossi e bocciati. Cominciamo.

JULIO CESAR 9:
per il portierone brasiliano è stata una grandissima stagione. Nonostante qualche giornata storta che può capitare a tutti si è resto assoluto protagonista delle vittorie nerazzurre grazie ai suoi paratoni. Della sua stagione ricorderemo sempre il rigore parato a Ronaldinho nel derby, le fantastiche e preziosissime parate su Messi, Robben e Muller, rispettivamente in semifinale e in finale di Champions. Il grave incidente in macchina di metà stagione avrebbe potuto condizionare le sue prestazioni che invece, dopo un breve periodo di appannamento, sono lievitate fino a raggiungere l'apice. PROMOSSO.

MAICON 8,5:
quest'anno il Colosso mi ha fatto tanto arrabbiare, soprattutto nella prima metà della stagione dove ad ogni partita passeggiava per il campo, crossava in curva e tirava a casaccio senza mai beccare la porta. Quando il gioco è diventato duro e motivazioni e pressioni tornavano a farsi sentire è tornato il vero Maicon, treno infaticabile sulla fascia. Il gol più bello dell'anno è senza dubbio il suo. Quale? Beh, quello contro la Rubentus, un goal da cineteca segnato in un momento difficilissimo della stagione dove ci giocavamo lo scudetto e ogni minimo errore poteva diventare letale. In questo contesto è venuto fuori il campione che è in lui e le reti contro Juventus e Barcellona hanno fatto salire il voto alla sua stagione. PROMOSSO.

LUCIO 9:
a dir poco straordinario, Lucio è stato uno dei migliori giocatori di questa fantastica annata. La sua grinta, il suo carisma e la sua strapotenza fisica gli hanno permesso di imporsi nel campionato italiano e in Europa come uno dei migliori difensori centrali al mondo. Ha vinto tutti i duelli contro i più forti giocatori d'Europa, contro Drogba, contro Messi, contro Ibrahimovic. In una sola stagione è riuscito a far breccia nel cuore dei tifosi proprio grazie alle sue indiscutibili qualità tecniche e soprattutto caratteriali. Un leader. PROMOSSO.

SAMUEL 9,5:
penso di non sbagliarmi nell'affermare che questa è stata la sua migliore stagione in carriera. Con Lucio ha trovato il partner ideale con il quale poter esprimere al massimo tutte le sue potenzialità. Marcatore asfissiante dotato di un fisico roccioso, non è mai sceso sotto la piena sufficienza tanto da essere in testa alla mia classifica dei pagelloni con la media volto più alta (vedi a fine post). Senza timori, sento di poterlo definire come il miglior difensore d'Europa. PROMOSSO.

ZANETTI 10:
terzino destro, terzino sinistro, interno nel rombo, mediano davanti la difesa, 700 partite in nerazzurro nella finale di Madrid, è stato sempre presente in questa meravigliosa annata, fermato solo dalle squalifiche (una sola per di più). Il Capitano cresce ogni stagione di più, riesce a giocare in quasi tutti i ruoli della nostra metà campo con massimo profitto. Nei momenti più delicati c'è sempre stato, da grande trascinatore ha preso per mano la squadra e ha dato le accelerazioni decisive per le sorti della stagione, basti ricordare la favolosa serpentina che ci ha permesso poi di sbloccare la partita con il Rubin Kazan e l'altrettanto bella giocata nell'ultima partita di campionato con assist vincente per Milito. PROMOSSO!

CAMBIASSO 9:
A causa dell'operazione al ginocchio di questa estate ha avuto alcune difficoltà a trovare la migliore condizione a inizio stagione. Poi però ha iniziato a giocare ad alti livelli senza fermarsi più. E' incredibilmente cresciuto quest'anno soprattutto nelle partite che contano e che portano maggiori pressioni. Negli anni passati andava nel panico e buttava via la palla, quest'anno invece al cospetto di Chelsea, Barcellona e Bayern Monaco ha sempre giocato con sapienza la palla, mantenendo anche nelle situazioni più delicate la giusta freddezza per ingannare l'avversario e far ripartire l'azione. Il goal contro il Chelsea ne è la dimostrazione e la palla salvata in finale di Champions su tiro di Muller è d'oro. PROMOSSO!

THIAGO MOTTA 8,5:
per l'italo-brasiliano questa doveva essere la stagione della conferma dopo la rinascita di Genova. Devo dire, missione compiuta. Dopo un inizio sfavillante con quel goal bellissimo orchestrato con Milito e Eto'o nel derby d'andata, una serie di infortuni lo hanno messo fuori gioco per quasi tutto il girone d'andata. Caduto nel mirino della critica ha saputo rialzarsi soprattutto grazie alla fiducia dimostratagli da Mourinho che lo ha schierato sempre in Champions League e nelle partite più importanti. Le sue geometrie, la sua tecnica e la sua visione di gioco hanno permesso all'Inter di migliorare notevolmente nella qualità del gioco e del possesso palla. Vittima della sceneggiata di Busquets nella semifinale di Champions ha saltato la finalissima di Madrid con grande dispiacere. Ma se siamo arrivati fin qui lo dobbiamo anche a lui, quindi su col morale Thiagone. PROMOSSO!

STANKOVIC 7,5:
ottima stagione anche per il Dragone serbo, che nonostante si sia visto superare da Thiago Motta nelle gerarchie del centrocampo si è sempre fatto trovare pronto. Duttile come pochi al mondo, ha segnato goal tanto belli quanto decisivi. Soprattutto nella prima parte della stagione dove ha segnato goal fondamentali come quelli contro Rubin Kazan e Dinamo Kiev e goal bellissimi come quelli contro il Milan e contro il Genoa, addirittura da centrocampo. Quest'ultimo goal rientra nella classifica dei più bei goal dell'anno senza dubbio. PROMOSSO.

SNEIJDER 10:
Che stagione straordinaria anche per il genietto olandese. Presentatosi dopo poche ore dal suo arrivo con una prestazione superlativa nel derby d'andata, è da subito diventato una pedina fondamentale nello scacchiere tattico di Mourinho. Dietro le punte nel rombo o nel tridente, ha dato grande vivacità alla manovra nerazzurra mettendo in mostra delle doti balistiche fuori dal comune. Le sue punizioni si sono rivelate fatali per gli avversari e decisive per noi. Indimenticabile la doppietta contro il Siena in una partita da cardiopalma. Con altre due punizioni ci ha regalato altrettante qualificazioni prima in Coppa Italia contro il Livorno e poi in Champions contro il CSKA. Con ben sei assist, è diventato il leader tra gli assist man dell'ultima Champions League. PROMOSSO!

ETO'O 8,5:
per un killer dell'area di rigore come lui 16 goal stagionali sono briciole, ma all'Inter ha dovuto svolgere un ruolo diverso, quello del sacrificio e della dedizione alla causa. Partito da spalla di Milito nel rombo nella prima parte della stagione ha concluso da ala destra nel tridente. Tanta corsa, tanti palloni recuperati e tanta tanta determinazione. Nelle partite cruciali c'è sempre stato, in particolar modo ricordo la partita allo Stamford Bridge contro il Chelsea dove ha giocato una partita sontuosa segnando anche il goal qualificazione. In attesa che torni a segnare valanghe di goal, PROMOSSO!

MILITO 10:
alla prima stagione tra i grandi non ha deluso, ma al contrario ha sorpreso tutti. Bomber implacabile, ha segnando dalla prima all'ultima partita, di testa, di sinistro, di destro, al volo, di pallonetto, di rapina. Ha segnato in tutti i modi, ma i goal più importanti sono arrivati tutti a fine stagione. Gol fantastico nella finale di Coppa Italia, goal scudetto contro il Siena all'ultima giornata e doppietta stratosferica in finale di Champions contro il Bayern. In totale sono 30 goal stagionali. Se non fosse per i mondiali, il Pallone d'Oro sarebbe senz'altro suo. Speriamo faccia bene anche con l'Argentina. PROMOSSO!

PANDEV 8:
arrivato a Gennaio a parametro zero dopo sei mesi di inattività a causa delle note vicende contrattuali, si è imposto subito alla grande regalando prestazione di alto spessore, consentendo a Mourinho di giocare sempre con le tre punte grazie alla sua notevole intelligenza tattico. Il naturale feeling con Milito e Eto'o e lo spirito di sacrificio gli ha permesso di soffiare il posto a Balotelli nelle partite più importanti della stagione, compresa la finale di Madrid. PROMOSSO!

BALOTELLI 6,5:
stagione di alti e bassi per SuperMario, che ha spesso e volentieri messo in difficoltà Mourinho sul piano comportamentale. Plasmare un ragazzo così non è facile e Mario non ha fatto certo grandi cose per agevolare il suo processo di crescita. Il post Barcellona con quell'insulso gesto della maglia è ancora presente nella mia mente, ma nel finale di stagione ha dimostrato sia dentro che fuori dal campo di aver capito l'errore, mettendosi completamente al servizio della squadra. Il talento comunque è indiscutibile. RIMANDATO.

CHIVU 6,5:
quella di Cri non è stata una stagione eccelsa. Schierato praticamente sempre da terzino sinistro ha sempre dato grande copertura difensiva, lasciando però a desiderare nella fase offensiva. Il grave infortunio al cranio rimediato nello scontro con Pellissier ha rischiato di stroncargli la stagione, se non addirittura la carriera. Chivu è riuscito con grande determinazione e col sostegno di tutti i suoi tifosi a recuperare e a tornare più forte di prima. Il finale di stagione è stato un crescendo, condito da quel goal eccezionale segnato contro l'Atalanta. Peccato che nella finale di Madrid non sia stato in grande giornata. RIMANDATO.

CORDOBA 7:
prima riserva di Lucio e Samuel, quando è sceso in campo ha sempre giocato ottime partite, riconquistando in pieno la fiducia di Mourinho. Nonostante il ruolo da comprimario, è riuscito a collezionare ben 25 presenze stagionali. PROMOSSO.

MATERAZZI 7:
come Cordoba, anche Marco ha dovuto vedere quasi sempre le partite dalla panchina. Nonostante ciò in campo ha sempre dato il massimo regalando sempre prestazioni superlative. Forse la sua migliore performance è stata quella contro il CSKA di Mosca, nei quarti di finale di Champions League. Nonostante la pressione e la posta in palio, Matrix giocò una grandissima partita annullando gli attaccanti russi senza problemi. Inoltre le sue esultanze da ultrà non possono che essere premiate. PROMOSSO.

MUNTARI 5:
rispetto alla passata stagione Sulley è calato vistosamente, o forse è semplicemente cresciuto il livello dei suoi compagni di reparto. Non giocando con costanza ha spesso giocato partite opache e piene di errori. Diciamo che per questa annata ricorderò sempre il piatto di pasta che ha mangiato negli spogliatoi dopo la vittoria della Coppa Italia mentre tutti gli altri festeggiavano. BOCCIATO.

MARIGA 6,5:
arrivato a Gennaio per completare il centrocampo, ha da subito dimostato grande fisicità, grande corsa e anche un buon tocco di palla. Potenzialmente è davvero un ottimo centrocampista, vedremo se manterrà le premesse. Ha segnato anche un goal importantissimo per lo scudetto contro l'Atalanta. PROMOSSO.

SANTON 6:
per Davide doveva essere la stagione della consacrazione e invece è stata una stagione deludente. Un inizio di stagione davvero opaco gli ha fatto perdere il posto da titolare fino ad essere bacchettato pubblicamente da Mourinho. Poi rimessosi in carreggiata ha sofferto di un infortunio al ginocchio che lo ha tenuto fuori per tutto il resto della stagione. RIMANDATO.

QUARESMA 4:
vorrei tanto ricordarlo per l'unica partita buona giocata quest'anno, quella contro la Fiorentina in cui fece vedere davvero delle buone cose. Poi il buio totale. BOCCIATO!

TOLDO 5,5:
per la professionalità meriterebbe sempre un'ampia sufficienza, ma il goal da dilettante preso in Coppa Italia da un passaggio di Diego pesa come un macigno. RIMANDATO.

ARNAUTOVIC 5:
se non ha giocato è perchè evidentemente non lo meritava e a fine anno abbiamo capito perchè. Semplicemente è una testa di cazzo. Però la comicità è super! BOCCIATO.

MOURINHO 10:
ho già speso una marea di parole per il nostro Josè e ancora oggi non riesco a accettare il suo addio. Ci ha portati sul tetto d'Europa e per questo gli sarò per sempre grato. PROMOSSO!

BRANCA & ORIALI 10:
i nostri uomini mercato meritano un dieci pienissimo. Per ricapitolare: hanno venduto Ibrahimovic per 50 milioni più Eto'o, per un totale quindi di 90 milioni. Hanno comprato Lucio per soli 5 milioni, la coppia Thiago Motta Milito per una decina di milioni più una serie di giovani stravalutati come Acquafresca e Bolzoni, hanno preso Sneijder a 15 milioni, Pandev a costo zero e Mariga per tre milioni. Operazioni perfette che ci hanno permesso di arrivare sul tetto d'Europa! PROMOSSI!

PRESIDENTE MORATTI 10:
quest'anno il Presidente Moratti ha raccolto i frutti di un grande lavoro. Prima il cambio d'allenatore, poi tutta una serie di acquisti mirati e scelte che hanno portato l'Inter a creare un'assetto societario importante, tra i top d'Europa. L'essere entrato nella storia come suo padre è un grande traguardo, più che meritato. PROMOSSO!

Ecco infine la pagella di fine anno che racchiude la stagione dei nostri ragazzi.


4 commenti:

  1. www.pianetasamp.blogspot.com

    Mi sembra un pò gonfiato il voto dato a Thiago Motta e anche a Julio Cesar avrei dato qualcosina in meno, gli errori commessi contro la Roma all'Olimpico e nell'andata col Chelsea potevano costare carissimi...ciao!

    RispondiElimina
  2. Ciao Andrea, hai ragione, però Julio Cesar ha giocato una finale di Champions fantastica che gli ha fatto recuperare tutti i punti persi. Per quanto riguarda invece Motta a mio modo di vedere lui ha dato un grosso contributo al nostro miglioramento in champions dato che sa giocare la palla come pochi. Ovviamente deve essere in forma per fare bene altrimenti va male come fatto nel girone d'andata.

    RispondiElimina
  3. voti giustissimi...inter promossa con 110 e lode...

    RispondiElimina
  4. Bravo Vincenzo, condivido promossi e bocciati!
    E' stata una super stagione, ancora godo alla grande :)
    ciao
    Sergio

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore