sabato 8 maggio 2010

Mourinho zittisce Ranieri !

A conferma di quanto dissi nell'articolo Tributo allo Special One, anche stavolta il nostro Mister è stato biecamente attaccato prima dalla Giustizia Sportiva che lo ha ingiustamente deferito sorvolando invece su altri episodi ben più gravi,e poi dall'allenatore giallorosso Ranieri che in conferenza stampa lo ha attaccato senza mezzi termini. Ecco le sue dichiarazioni.

"Siete voi che fate diventare Mourinho un fenomeno. Per me è un buon allenatore e mi fermo qua. Quelle di Mourinho sono bombe a orologeria. Io dico solo che è troppo facile sentirsi gruppo dando l'impressione di essere attaccati da tutto e da tutti".

Le dichiarazioni di Ranieri sono delle vere e proprie cazzate in quanto non sono certo i giornalai italiani a renderlo un fenomeno, ma l'infinita serie di trofei vinti in carriera. Giusto per riepilogare, in due anni e mezzo al Porto ha vinto 2 campionati portoghesi, una Coppa di Portogallo, una Supercoppa di Portogallo, una Coppa Uefa e una Champions League; in due anni al Chelsea (sostituendo proprio Ranieri...) ha vinto 2 Premier, una Coppa d'Inghilterra, 2 Coppe di Lega Inglese e una Community Shield; infine in due anni all'Inter ha vinto una Supercoppa Italiana, uno Scudetto, una Coppa Italia, è primo a due giornate dalla fine nell'attuale campionato e in finale di Champions League. In totale fanno 15 trofei in dieci anni di carriera, in attesa di questo finale di stagione.

Il genio Claudio Ranieri invece in 24 anni di carriera da allenatore ha vinto la miseria di una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana alla guida della Fiorentina, una Coppa di Spagna, una Coppa Intertoto e una Supercoppa Uefa alla guida del Valencia. L'ultimo trofeo vinto risale a ben 6 anni fa. Chi è il fenomeno?

Ecco comunque la risposta tempestiva di Mourinho attraverso il sito dell'Inter :"Premesso che la Roma mercoledì sera avrebbe dovuto terminare la partita in sei, visto e considerato che Mexes, Totti, Perrotta, Taddei e Burdisso hanno fatto il necessario per meritare le sanzioni che non gli avrebbero permesso di restare più tempo in campo, oggi si è parlato di come si motivano i giocatori. Lo si fa tutti i giorni con il lavoro del gruppo, allenamento dopo allenamento. Non lo si fa certo facendo vedere un film alla squadra prima di una finale di coppa. I giocatori sono professionisti seri, non vanno trattati come bambini. Noi abbiamo preferito lavorare sul campo e abbiamo studiato a fondo la Roma e i suoi punti deboli. Se prima di una partita metto la squadra a guardare "Il Gladiatore", i miei giocatori si mettono a ridere o chiamano il dottore chiedendogli se sono malato".
"Non credo di essere un fenomeno - prosegue il portoghese -, però ho lavorato tanto per aiutare la mia squadra. Non ho mai pianto, ho sempre lavorato duramente per ottenere i risultati con i miei giocatori. Prima della finale di Tim Cup ho visto sei partite della Roma per trovare i loro punti deboli, lavorandoci diciotto ore, perchè ogni partita sulla quale lavoro al computer mi impegna per tre ore circa. Dopo ho passato tante altre ore selezionando le parti che mi servivano e lavorandoci sopra con i vari programmi utili al mio lavoro. Certo che è più facile scegliere un film da proiettare prima della gara, ma Ranieri ha dimenticato che i suoi giocatori sono dei campioni e non dei bambini".
"Non ho mai detto di essere un fenomeno - conclude -, pero' non è certo colpa mia se, nel 2004, dopo essere arrivato al Chelsea e aver chiesto perchè stavano cambiando Ranieri, mi hanno risposto che volevano vincere e con lui non sarebbe mai capitato. Di questo, io, non ho proprio colpe".

Bene, alla risposta di Mourinho credo che non ci sia nient'altro da aggiungere, Ranieri ha fatto la sua bella figura da romanaccio cafone, mentre il nostro Mister ha dato una risposta di uomo vero, da grande allenatore qual'è e quale sta dimostrando sempre più di essere.

JOSE' MOURINHO LA LA LA, JOSE' MOURINHO LA LA LA, LA LA LA LA LA!

3 commenti:

  1. Da mercoledì sera il nostro Mago è anche COPPONE d'Italia, mentre l'altro poveraccio è sempre più CAPPONE d'Italia...

    RispondiElimina
  2. già, Ranieri sta ancora ringraziando Batistuta per avergli fatto vincere quelle due coppe con la Viola.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore