venerdì 7 maggio 2010

Il Palazzo colpisce ancora!

Ho appena letto la notizia che Mourinho è stato deferito per le seguenti dichiarazioni al veleno rilasciate dopo la vittoria della Coppa Italia :"Chissà se ora che la Roma ha risparmiato il premio Coppa Italia, è disponibile a dare qualche soldo in più al Siena per batterci all’ultima di campionato.(il riferimento alle dichirazioni del romanista Mezzaroma, presidente del Siena, è chiaro)". Ecco la motivazione invece data dalla FIGC :"Il Procuratore Federale ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale per violazione dell'art. 5, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva Dos Santos Mourinho Jose Mario, allenatore della Società F.C. Internazionale S.p.A., per avere espresso, mediante un'intervista videoregistrata e le dichiarazioni pubblicate su organi di informazione, giudizi lesivi della reputazione di persone e di società operanti nell'ambito federale ed in particolare dei Dirigenti della Società A.S. ROMA S.p.A., adombrando altresì dubbi sulla regolarità del campionato a causa dell'operato di questi, con riferimento alla gara dell'ultima giornata di campionato SIENA-INTER".
Faccio una premessa doverosa. Questa dichiarazione Mourinho poteva certamente risparmiarsela, perchè è stata davvero di cattivo gusto. Per di più l'ha detta senza sorriso sulle labbra quindi lascia intendere che ci sia più veleno che ironia nelle sue parole. Però, c'è un però.
Questo deferimento è l'ennesima dimostrazione di come allo Special One non sia permesso niente perchè se andiamo ad analizzare la sua dichiarazione con quelle fatte dalla stra grande maggioranza della Roma giallorossa dopo la gara Lazio - Inter, in cui nerazzurri e biancocelesti sono stati incolpati di aver falsato il campionato, allora la colpa è la stessa anche per i vari Rosella Sensi, Montali e compagnia cantante. La Roma e i suoi dirigenti non hanno dato giudizi lesivi della reputazione di persone e delle società di Inter e Lazio? Non hanno adombrato dubbi sulla regolarità del campionato? Ecco, la risposta a queste domande è palese. Ve la do io.
L'Inter non può e non deve vincere il quinto scudetto consecutivo, non lo vuole il Palazzo! Per questo motivo ogni minima situazione è colta al volo per punire i nerazzurri e tagliargli le gambe, quando in situazioni del tutto analoghe viene lasciato passare. Questo è solo l'ultimo di una serie immensa di situazioni in cui con l'Inter è stato usato il pugno duro mentre con altre società si è usato il guanto di velluto e questo non è corretto, questa non è giustizia! Ha sbagliato Mourinho come hanno sbagliato quelli della Roma e come è stato deferito il nostro Mister dovevano essere deferiti anche i piagnoni giallorossi.
Ma il Palazzo ha un obiettivo preciso, palesato nell'arco di tutta la stagione e non capisco come mai la società, con Moratti in primis, non prenda dei provvedimenti perchè quest'anno ne abbiamo subite di tutti i colori. Voglio proprio vedere quante giornate di squalifica daranno a Totti per l'intervento killer su Balotelli e se applicheranno la prova tv per Mexes che ha più volte scazzottato Materazzi! Ma siamo forti e vinceremo anche contro questa marea di ingiustizie, batteremo Chievo e Siena e senza aiuti o aiutini, gol irregolari, simulazioni ripetute e rigori regalati. Noi andiamo avanti con le nostre sole forze, combattendo anche contro il potere, perchè noi siamo l'FC Internazione Milano e questo è il nostro destino. Menomale che sono nato interista, onesto in tutto e per tutto!

3 commenti:

  1. Che poi se Mou ha detto una cosa grave dovrebbe beccarsi una megamulta, invece le cagne romane pretendono con la bava alla bocca (e probabilmente otterranno) l'ennesimo ingiusto vantaggio sul campo: la squalifica del nostro Mago perché non vada in panchina a Siena... Naturalmente passerà invece sotto silenzio l'unica cosa davvero GRAVE e sospetta della faccenda: che il presidentello di una squadra povera e già retrocessa abbia promesso un ricco premio salvezza ai suoi se dovessero batterci...

    Oggi poi sul sito della gazzetta c'erano commenti di cretini frustrati e ignoranti (magari neanche romanisti, ma ruBentini ecc.) che pretendevano 2 giornate di squalifica IN CAMPIONATO a Chivu per quel gestaccio che poteva risparmiarsi, ma per il quale si è prontamente, sinceramente e signorilmente scusato. (Non vedo cosa c'entri il campionato, ma conoscendo l'onestà del giudice sportivo...)

    Io però di questo odio non mi stupisco: i rubentini (quelli idioti, intendo, che di juventini intelligenti ce ne sono per fortuna parecchi) ci odiavano a morte già quando non vincevamo un cazzo (PERCHE' ERAVAMO LA LORO CATTIVA COSCIENZA!) figurarsi ora che hanno una squallida squadretta da settimo posto mentre noi, vada come vada, siamo i più forti del mondo...

    Ragazzi, aspettiamoci per almeno una delle ultime due partite un bel maiale col fischietto che ce ne sbatte fuori due al primo starnuto che fanno... Speriamo di riuscire a vincerlo anche in 9 e con l'allenatore in tribuna, lo scudetto che ci strameritiamo!

    IN CULO A CHI CI VUOL MALE!!!

    RispondiElimina
  2. Grande Zio Scriba, vedo che la giornata di relax di ha rinvigorito! Le tue sono parole sante.

    Il maiale col fischietto già lo abbiamo avuto, Rizzoli in coppa italia quando la roma doveva finire in 6 la partita. Ora pubblico un video che lo dimostra!

    RispondiElimina
  3. La decisione su Mourinho verrà presa dopo Siena - Inter, quindi il nostro Mister potrà sedere in panchina nell'ultima decisiva gara di campionato.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore