sabato 17 aprile 2010

Inter - Moggiopoli 2-0. E' per te Cipe!

Che goduria, che soddisfazione, sono ancora euforico per la straordinaria vittoria di ieri che ci ha fatto piegare la Juventus e ci ha permesso, per ora e con una gara in più, di tornare in testa alla classifica, come solo noi meritiamo. Questa gara ha portato con se tutti gli strascichi degli ultimi giorni con il processo di Calciopoli, la diffamazione dell'Inter e dei suoi rappresentanti, Moratti e soprattutto il defunto Facchetti, da parte di Moggi e del mondo bianconero, ma noi abbiamo reagito nel miglior modo possibile, battendoli sul campo e, citando il simpatico telecronista nerazzurro Recalcati, firmando un Inter 2 Moggiopoli 0.

L'Inter ha dominato il gioco subendo una marea di falli bruttissimi, manco fossero dei fabbri i giocatori juventini e in tutto questo di espulsioni ne sono uscite solo una per Sissoko, quando Chiellini, Grosso e Melo sono stati graziati in più di un'occasione. Ma non parlerò certo di questi episodi o dell'ennesimo rigore clamoroso non concesso a Milito (ricorda tanto lo scontro Iuliano Ronaldo del 98), ma parlerò ed elogerò solo la nostra grande Inter, che in una partita da vincere a tutti i costi per mantenere vivo il sogno scudetto non ha fallito.

Dall'inizio alla fine, e questo è un grande merito di Mourinho, i nerazzurri hanno controllato il gioco, mostrando un possesso palla mostruoso (59% contro il 41% dei gobbi), collezionando una marea di palle gol sprecate, di cui alcune davvero clamorose, e non facendo tirare i gobbi in porta quasi mai, se non in qualche sporadico calcio di punizione conquistato coi soliti tuffi di Del Piero, Diego e compagnia bella. La Juventus non appena è rimasta in dieci si è chiusa a riccio con ben 10 uomini nella propria trequarti, (ci sono squadre invece che rimaste in 9 uomini per tutta la gara giocano sempre e comunque per vincere... questione di mentalità) e quando la partita sembrava stregata e non volesse sbloccarsi in alcun modo arriva la gemma del fuoriclasse, la giocata di Maicon che è da imprimere nella memoria di tutti noi come uno dei gol più bella della storia nerazzurra.

Un cocktail di classe, tecnica e potenza, proprio come la nostra Inter. Sneijder batte una punizione da posizione defilata, la palla viene respinta al limite dell'area dove Maicon stoppa di ginocchio, fa un sombrero su Amauri, si aggiusta nuovamente il pallone col ginocchio e con un poderoso esterno destro batte Buffon. Il tutto senza che la palla tocchi mai terra. Un gol di quelli epici, che ne vedi uno ogni tantissimo tempo, ma per fortuna Maicon ce l'ha regalato proprio ieri, proprio contro la Juventus, in un match che potrebbe valere il tricolore.

Raggiunto il vantaggio Mourinho si è raccomandato coi ragazzi di non rilassarsi e di continuare ad attaccare nonostante mancassero una decina di minuti alla fine. Ma dato che la vittoria non ci bastava e volevamo l'umiliazione, ecco arrivare il raddoppio di Eto'o, che in mezza stagione ha segnato alla Juventus più gol di quanti Ibrahimovic ne abbia fatti in tre anni. Grazie Samuel! La gara si chiude così, l'Inter riconquista momentaneamente la testa della classifica (forza Lazio!) battendo proprio la più odiata e sleale rivale, con un sonoro 2-0.

Dopo questa lezione di calcio data ai gobbi, che ora rischiano seriamente di giocarsi anche il posto in Europa League, vi vostro un'immagine che dimostra l'affetto e il sostegno che tutto il popolo nerazzurro dimostra per il grande Giacinto Facchetti, tanto infangato negli ultimi giorni da quei sottomaiali (grazie Zio Scriba per questo termine fantastico!) dei gobbi, e chiudo dedicando questa vittoria proprio a lui: Cipe, questa è per te!


8 commenti:

  1. Gran bella vittoria che rilancia l'Inter verso lo scudetto. Ora forza Lazio e riprendiamoci la testa della classifica in solitaria. Mancano solo quattro partite e come ho sempre detto nulla è ancora perduto. Forza ragazzi.

    Vincenzo, in questi giorni sei un vulcano, mi piace. :) Hai scritto, per quanto mi riguarda, uno dei più bei articoli delle ultime settimane. Bravo e GG!

    Un saluto.

    LeNny.

    RispondiElimina
  2. Ciao Lenny, grazie mille per i complimenti. Di questi tempi sono un vulcano come lo è stato il nostro Mou al momento del gol!

    PS: che significa GG ?

    PPS: ho aggiunto il video del gol di Maicon, fantastico!

    RispondiElimina
  3. Ah ok, non la sapevo.

    PS: hai visto Lenny come si sono dileguati tutti i gobbi? AHAH!

    RispondiElimina
  4. Hai letto a proposito di intercettazioni cosa ha pubblicato La gazza oggi? Le intercettazioni di Moggi di Rimbalzo,da un lato parlava sul telfono italiano mentre gli suonava quello svizzero con gli arbitri che gli chiedevano cosa dovevano fare.E poi hanno anche il coraggio di parlare....
    Onore A Giacinto a cui ho avuto la fortuna di poter stringere la mano.

    RispondiElimina
  5. Si ho letto Euterpe, ma ormai lasciamo queste cose ai giudici e aspettiamo la sentenza che vedrà Moggi dietro le sbatte. Intanto il giudice del campo ci ha decretati vincitori.

    PS: quanto ti invidio per aver avuto la possibilità di stringere la mano al grande Cipe!

    RispondiElimina
  6. La Gazzetta è l'unica tra le testate giornalistiche che si sia spostata da quel lerciume di mass media che continua a gettare fango sull'Inter e su Facchetti.
    Ho visto e letto cose travisate in modo incredibile. Disgutoso...

    RispondiElimina
  7. Entius hai ragione, ma la maggior parte dei giornali sono comandati dalla juventus e dal milan, quindi ovvio che sia così. La gazzetta è l'unico giornale che ha esposto i fatti senza però accusare nessuno e questo è vero giornalismo.

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore