domenica 11 aprile 2010

Ho la nausea!

Tranquilli sto bene, è solo arrivato ciò che tutti auspicavano. Cosa? Il tanto sperato sorpasso in classifica. Chi lo sperava? Certo non io, ma l'Italia non interista e i potenti. In questo girone di ritorno stiamo andando molto male e, tra partite sbagliate, gol mangiati, errori difensivi, papere del portiere e tanti ma tanti torti arbitrali abbiamo buttato via un notevole vantaggio in classifica e ora ci ritroviamo a dover inseguire. A Natale il campionato sembrava chiuso e ora invece è più aperto che mai. Finchè eravamo davanti abbiamo assistito a una marea di cose strane e ora sono curioso di vedere come proseguirà questo campionato dato che in testa non ci siamo più noi. Continuerà sulla "falsa riga" vista fino ad oggi o finalmente si inizierà a vedere qualcosa di chiaro, qualcosa di pulito? Continueranno a contrastarci dall'alto o potremo finalmente giocarcela alla pari?

Questo lo scopriremo solo col tempo, che è davvero poco dato che mancano solo cinque gare alla fine del campionato. Nel frattempo noi continueremo a lottare anche in Coppa Italia e in Champions League, con la speranza di non restare poi a bocca asciutta a fine anno. Ammetto che non sto spruzzando gioia da tutti i pori ma anzi sono abbastanza abbattuto. Tutto lo schifo che stanno mettendo attorno all'Inter negli ultimi tempi è devastante per me, figuriamoci per i giocatori. Mourinho ha deciso di non parlare più fino a fine stagione e da quando ha preso questa decisione in campionato stiamo davvero stentando. A questo punto spero che Mou torni a parlare, così che possa dare uno scossone all'ambiente e al campionato. Adesso Martedì ci aspetta di nuovo la Fiorentina, stavolta nel ritorno delle semifinali di Coppa Italia, dove partiamo dal vantaggio (1-0) dell'andata, poi ci sarà la gara con la Juventus e infine l'andata col Barcellona. Queste partite decideranno tantissimo della stagione nerazzurra.

Ah adesso mi dimenticavo. Chi è al comando adesso? La Roma. Oddio ho la nausea!

5 commenti:

  1. Siamo in un momento delicato. Le prossime partite saranno decisive per l'esito della nostra stagione. A Firenze ci basta il pareggio, con la Juventus dovremo vincere e sperare nel derby romano e col Barcellona dovremo cercare di portare a casa la pellaccia.
    L'ombra della disfatta pende sulla nostra testa. Ora tocca a noi togliere fuori gli attributi.
    FORZA INTER

    RispondiElimina
  2. Proviamoci Ragazzi!
    Andiamo a riprenderci il comando, è obbligatorio non arrendersi!!!
    FORZA INTER!!!
    Sergio

    RispondiElimina
  3. Temo che per il campionato non ci sia più nulla da fare.Per la Coppa onestamente contro il barcellona non abbiamo speranze e della Coppa Italia me ne frega assai poco.
    Sono d'accordo con te sull'aria pesante intorno a noi, però i punti che abbiamo buttato per colpa nostra a Catania Roma e fIRENZE fanno tutta la differenza del mondo

    RispondiElimina
  4. Ciao Euterpe, sono ahime d'accordo con te. Anche a me stanno scemando le ultime speranze.

    E' anche vero però, come dice l'amico Sergio, che non bisogna arrenderci.

    Forza ragazzi!

    RispondiElimina
  5. ARRENDERSI MAI, COMBATTERE SEMPRE!FORZA RAGAZZI, NON E' TUTTO PERDUTO! SIAMO ANCORA IN CORSA PER TUTTO!
    RISOLLEVIAMO LA TESTA E DIMOSTRIAMO CHE SIAMO I MIGLIORI!

    RispondiElimina

Esprimi la tua opinione sempre con educazione e rispetto. Forza Inter!

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore