domenica 29 novembre 2009

Il pagellone di Inter - Fiorentina

JULIO CESAR 6
La sufficienza è giusto per testimoniare la sua presenza dato che non tocca quasi mai palla.

J. ZANETTI 7
Gioca terzino destro e si disimpegna alla grande. Blocca ogni iniziativa di Vargas e affonda quando può.

LUCIO 7
Impeccabile. Annulla Gilardino per l'intera partita e anche nei disimpegni si dimostra un vero campione nel mantenere la giusta calma per ripartire palla al piede.

SAMUEL 6
The Wall ha giocato abbastanza bene, anche se con qualche sbavatura.

CHIVU 5
Serata no per Cri, che non attacca molto e difende male.

CAMBIASSO 6,5
Partita tatticamene perfetta. Copre la difesa e fa ripartire tutte le azioni nerazzurre sempre con grande sapienza.

MUNTARI 6
Tanta tanta corsa e tanti inserimenti offensivi, anche se sbaglia tutti i tiri.

STANKOVIC 6,5
Il serbo fa tutto in campo, ruba palloni, imposta e rifinisce.

QUARESMA 7
Rinato. Sembrava un giocatore perso, invece ha giocato una signora partita risultando uno dei migliori in campo.

MILITO 6,5
Tanto lavoro sporco, non senza difficoltà. Sbaglia un gol clamoroso ma si rifà poco dopo il il gol partita.

ETO'O 5
Da ala nel tridente si comporta bene facendo ottimi tagli dietro Milito, ma sottoporta è lento e impacciato.

T.MOTTA, VIEIRA, MANCINI s.v.

MOURINHO 7
Lascia Balotelli in tribuna e rilancia Quaresma. Mossa che nessuno al mondo avrebbe fatto, ma lui si. E ha avuto ragione. Bravo Mou!

Image Hosted by ImageShack.us

L'Inter vince nel segno di Milito e... Quaresma


C'è Stata. La tanto attesa reazione c'è stata. Dopo la brutta partita di Champions i nerazzurri affrontano e battono la Fiorentina, detentrice della prima qualificazione italiana in coppa.
Mourinho sorprende tutti, lascia Balotelli in tribuna e rilancia Ricardo Quaresma. L'ala portoghese ha giocato una grandissima partita, ha driblato, ha tirato, ha crossato e ha anche difeso. Una partita super per Ricky, sperando che continui così perchè un giocatore di questo livello non può che essere un'arma in più per noi. Sicuramente meglio di Amantino Mancini, che ormai non sa nemmeno più correre...
Mourinho schiera quindi il tridente Quaresma Milito Eto'o con Stankovic Cambiasso e Muntari in mediana. Il centrocampo ha funzionato molto bene, facendo girare bene palla e sostenendo al meglio le punte.

Cambiasso tatticamente è superbo, Stankovic fa tutto, dal medianaccio al regista e Muntari con i suoi inserimenti si ritrova spesso e volentieri al tiro. Javer Zanetti impiegato come terzino destro ha risposto alla grande. Vargas ha trovato un muro invalicabile da superare!
Ma non solo in difesa, anche in fase di appoggio Zanetti è stato il solito trascinatore. Palla al piede non lo ferma nessuno.


La partita è finita 1-0, ma il risultato è bugiardo, perchè i ragazzi avrebbero potuto segnare anche altri goal, come ad esempio nella clamorosa occasione capitata ad Eto'o, che a tu
per tu con Frey giggioneggia e sbaglia un gol da dilettante. Non me l'aspettavo da lui.
Il gol vittoria arriva da lui, sempre lui, Diego Alberto Milito che conquista
il rigore che poi trasforma con grande freddezza.

Vittoria importantissima perchè ci porta a +8 sui Gobbi che hanno invece perso contro il Cagliari per ben 2 reti a 0. Sarà divertente giocare la sfida clou della stagione con 8 punti di vantaggio. Chi se lo sarebbe aspettato a inizio stagione? Forse, nessuno. Ma io non ho mai dubitato della mia squadra, del mio allenatore e della mia società, anche quando gli altri sbandieravano i grandi acquisti (Diego e Melo da una parte, Huuntelaar e Onjiewu dall'altra...) mentre noi, zitti zitti, abbiamo rinnovato la squadra e ora siamo più forti di prima!

Chiudo cantando LA CAPOLISTA SE NE VAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!

Image Hosted by ImageShack.us

sabato 28 novembre 2009

Inter - Fiorentina : la conferenza di Mourinho

Conferenza stampa a toni dimessi quella di Mourinho. Molte domande sono risultate totalmente inutili perchè inerenti la partita di Champions e, come ben sappiamo, Mou non ama parlare di partite che sono già state giocate, perchè per quelle si sono già consumate conferenze pre e post partita. Quindi giusti i no comment.
Quando gli viene chiesto un parere su Eto'o, il Mister fa un passo indietro rispetto alle dichiarazioni post Barcellona, forse un pò forzate. Infatti alla domanda su Eto'o risponde parlando di tutta la squadra, dicendosi soddisfatto di come sta giocando e dei risultati che sta ottenendo, nonostante dopo il Barça avesse un pò criticato i suoi giocatori.

Per quanto riguarda il tema razzismo e Balotelli, Mourinho non si esprime e si nasconde dietro numerosi no comment.
Da un lato posso capire che Mourinho non si voglia esporre sapendo che dalle sue parole i giornalisti costruiscono sempre un polverone enorme, ma sinceramente io avrei preso le difese di Mario, così come hanno fatto in settimana i vari Zanetti e Moratti.
Non si esprime sul razzismo, ma si esprime invece in merito al discorso squalifiche, dicendosi dispiaciuto per il diverso trattamento ricevuto da Maicon e dalla società bianconera, il primo squalificato per 2 turni per degli insulti mai fatti, la seconda multata solo di 20.000 euro per i reiterati cori razzisti dei suoi tifosi. La squalifica del campo sarebbe stata la giusta punizione...
Si parla pochissimo di Inter Fiorentina e questo non piace a Mourinho e lo fa capire chiaramente. Ma i giornalisti non ci sentono e continuano a cercare la provocazione, chiamando in causa le dichiarazioni di Zeman, alle quali Mou risponde per le rime (questo è il vero Special One!).

Non c'è altro da dire sulla conferenza stampa, abbastanza noiosa e povera di contenuti. Si doveva parlare di Inter Fiorentina e si è parlato di Champions, di razzismo, di Zeman e di Juventus.

Come se il match di domani potesse passare in secondo piano. Invece no, massima concentrazione ragazzi, vogliamo i 3 punti!

Image Hosted by ImageShack.us

giovedì 26 novembre 2009

Voglia di riscatto



Dopo la brutta figura in Champions League, nella mente dei nerazzurri c'è una sola parola: RISCATTO!
E la prima tappa di avvicinamento alla gara da dentro o fuori con il Rubin Kazan è la Fiorentina, unica tra le italiane ad aver ben figurato in Europa. L'Inter cerca il riscatto nel suo habitat naturale, ovvero la serie A, dato che in Europa non riesce a fare uno straccio di partite decente.
E allora questa sarà partita vera, la viola sarà galvanizzata dai risultati europei mentre i nerazzurri vorranno il pronto riscatto con l'obiettivo di arrivare al match con la Juventus sempre con +5 in classifica.

Non sarà una gara semplice. La Fiorentina ritrova Jovetic, grande protagonista nella prima parte di stagione, mentre in casa Inter persiste il dubbio Sneijder. A quanto pare l'olandese non è ancora pronto per scendere in campo e verrà risparmiato per essere al top contro i bianconeri. Ma allora chi scenderà in campo? Sicuramente Stankovic giocherà dietro le punte, in mediana dovrebbero trovare spazio sia Muntari che Thiago Motta dato che Zanetti andrà a colmare l'assenza di Maicon (squalificato per due giornate) sulla destra.
Nella Fiorentina invece rientra Comotto che dovrebbe prendere il posto di De Silvestri, Gamberini è ancora in forse mentre in mediana ci saranno sicuramente C. Zanetti e Montolivo.
In Italia l'Inter ha dimostrato di avere una marcia in più rispetto alle altre e speriamo che il brutto scivolone in coppa non condizioni i nostri ragazzi anche in campionato.
Bisogna pensare a una partita per volta, ora la Fiorentina, poi la Rubentus e infine il Rubin Kazan!

Sempre e comunque forza Inter!

Image Hosted by ImageShack.us

martedì 24 novembre 2009

Troppo forte il Barcellona...

E' finita. Finalmente oserei dire. Barcellona batte Inter 2-0. Ma al di là del risultato, è stata una lezione di calcio che gli spagnoli hanno inflitto ai nerazzurri.
Sembrava la partita tra qualità e quantità ed evidentemente l'ha vinta la qualità. La vittoria è stata a centrocampo. Xavi e Iniesta troppo forti, non hanno sbagliato un solo passaggio, hanno inventata giocate pazzesche e hanno anche saputo difendere benissimo. I nostri centrocampisti invece non hanno saputo nè attaccare nè difendere. Cambiasso muro d'acqua davanti la difesa, Thiago Motta più propenso a fare falli che a giocare a calcio, Zanetti che ci mette il cuore poichè tecnicamente non può nulla mentre Stankovic è da un pò di tempo che non gli girano le gambe.

Non do colpe nè alla difesa nè all'attacco. Il mio discorso è tutto incentrato alla mediana. Senza un centrocampo all'altezza i difensori non sanno a chi dare palla nei disimpegni e allora la buttano alla cieca, gli attaccanti se non sono supportati non possono nulla e i terzini, costantemente raddoppiati sulle fascie, non sanno a che Santo votarsi per liberarsi della palla.
Tutto questo per dire che serve qualità a centrocampo per competere con le big europee. Quest'anno è arrivato Sneijder che sappiamo quanto sia diventato fondamentale per noi e lo si è visto anche stasera, da questa estate il mercato dovrà essere incentrato solo ed eslusivamente sull'acquisto di centrocampisti tecnici da piazzare in mezzo al campo. Solo così si potrà essere all'altezza del Barcellona di Xavi e Iniesta.
Concludo facendo un sincero applauso ai blaugrana che hanno davvero un grande gioco e sono riusciti a batterci facilmente nonostante le assenze di Ibrahimovic e Messi. Ma evidentemente pesa più l'assenza di Sneijder per noi che quelle per il Barça...

Ora si ha l'obbligo di vincere contro il Rubin Kazan per poter passare alla fase a eliminazione diretta. Buona fortuna ragazzi!

Image Hosted by ImageShack.us

lunedì 23 novembre 2009

La sfida delle sfide

Ci siamo. La sfida delle sfide è arrivata. La gara che tutti i calciatori al mondo vorrebbero giocare almeno una volta nella vita. Barcellona-Inter è tutto questo.
Gara valida per il girone F di Champions, il girone più in bilico dell'intera competizione.
L'Inter cerca la svolta in Champions da tanto tempo. L'ultima gara con la Dinamo Kiev è stata da cardiopalma, ma si è vista la scintilla, quella che si aspettava da tutto questo tempo e che la partita di domani potrebbe far definitivamente accendere.
Ebbene si, lo dico ad alta voce. Domani è una gara storica, perchè il Barça campione d'Europa rischia di uscire già alla fase a gironi, perchè l'Inter può trovare finalmente la svolta che le permetterà di imporsi anche nella massima competizione europea. Motivi validissimi che danno un gusto particolare a questa sfida.
Barcellona-Inter, campioni di Spagna contro campioni d'Italia. All'andata è finita 0-0, con un' Inter coraggiosa nel primo tempo e frenata nel secondo, benchè i blaugrana siano riusciti a tirare in porta solo tre volte.
Questa è la sfida tra i migliori terzini al mondo, Maicon e Daniel Alves, la sfida tra Ibrahimovic e il rimpianto Eto'o, per Maxwell e Thiago Motta sarà la sfida col passato. Una gara spettacolare, in uno stadio spettacolare, che mette paura solo a vederlo. Ma è proprio qui, in questo stadio, che vogliamo vedere quella scintilla prendere fuoco e ardere negli occhi dei nostri ragazzi, affinchè lottino e vincano finalmente anche in Europa per loro, per il Presidente, per noi... più semplicemente per l'Inter!
Forza ragazzi, siamo tutti con voi! Regalateci questo sogno!

Image Hosted by ImageShack.us

domenica 22 novembre 2009

Il pagellone di Bologna Inter

Come hanno giocato i nostri ragazzi ieri sera? Chi è stato il migliore e chi il peggiore? Ecco come la penso, ecco il mio pagellone.

JULIO CESAR: 6
il portierone brasiliano viene impesierito pochissime volte, anzi una sola volta nell'occasione del gol. Per il resto della partita "riposa".

MAICON: 5
il Colosso corre e spinge sulla destra, indovina un solo cross in tutta la partita, quello per il gol di Balotelli, e si fa espellere a partita ormai finita. Somaro.

LUCIO: 7,5
se penso che lo abbiamo pagato solo 5 milioni mi viene la bava alla bocca. Di testa le prende tutte lui, in difesa come in attacco. Insuperabile.

SAMUEL: 6,5
partita attenta di Walterone, neutralizza gli attacchi del Bologna e a volte si proietta in incursioni offensive, diciamo alla Lucio. Certezza.

CHIVU: 7
da quando è all'Inter non ha mai spinto come in questa partita. Ha creato tantissimi problemi al Bologna senza mai perdere duelli in fase difensiva. Guerriero.

ZANETTI: 6,5
il capitano fa il suo lavoro, corre, difende e copre i buchi lasciati da Maicon. Saggio.

CAMBIASSO: 7,5
la presenza in campo è essenziale per il nostro centrocampo. Muro davanti la difesa e incursore fantastico quando si fa 50 metri per andare a chiudere la partita. Metronomo.

THIAGO MOTTA: 6,5
il brasiliano fa un primo tempo da urlo, mentre nel secondo tempo cala e alterna ottime giocate e leggerezze incomprensibili. Ma il Thiagone del primo tempo me lo tengo tutta la vita. Leader.

STANKOVIC: 5,5
un pò sottotono la partita di Deki. Corre e pressa come sempre, ma non supporta gli attaccanti e non va mai al tiro. Rimandato.

BALOTELLI: 6,5
Supermario gioca una partita da Supermario. Orrore e delizia. Orrore quando prende il giallo per un calcetto inutile a Raggi, e delizia quando segna e dribla alla grande. A corrente alterna.

MILITO: 8
un gol, un assist e una traversa. Cosa vogliamo di più da un attaccante? Ah si, 8 gol in 11 partite. Migliore in campo.

ETO'O: 5,5
oltre alla finezza per servire Milito in occasione della traversa, fa ben poco. In attesa di Barcellona.

VIEIRA: 5
avrebbe dovuto dare forza fisica e geometrie per addormentare il gioco e invece perde solo palloni. Lento.

MANCINI: 5
entra a circa 10 minuti dalla fine, quando tutti sono stanchissimi e lui e freschissimo, eppure non salta un uomo. Imbarazzante.

MOURINHO: 7
prima della grande partita di Barcellona c'era in rischio di prendere sotto gamba questa gara, invece l'Inter ha giocato bene e ha vinto.

ROSETTI: 6,5
dovrebbe essere il miglior arbitro italiano. Ieri ha arbitrato bene, ha dato i giusti cartellini e ha giustamente esplulso Maicon.

BOLOGNA: 5,5
fa onore ai rossoblu avere giocato contro l'Inter con tre attaccanti in campo, ma così facendo si sono evidenziati i limiti dei loro centrocampisti. Colomba aveva detto: "Inter ti ho già battuto, posso farlo di nuovo...".
Io rispondo, "Caro Mister, nà vota è Pasqua, come si dice a Napoli".

Image Hosted by ImageShack.us

Bologna-Inter 1-3, i nerazzurri sbancano il Dall'Ara



"Abbiamo vinto, abbiamo vinto bene e abbiamo meritato di vincere", parola di Josè Mourinho. Questo è sunto della partita di ieri sera. I nerazzurri hanno giocato bene e hanno portato a casa una importantissima vittoria. Niente turn over aveva sentenziato Mou, e infatti l'unico a riposare, solo per 45 minuti però, è stato Samuel Eto'o.
Siamo partiti subito forti, la squadra era messa molto bene in campo, difesa alta, centrocampo a rombo e attaccanti che facevano molto movimento. Inoltre, cosa strana, non c'era solo Maicon ad attaccare, ma anche il suo dirimpettaio Chivu ha attaccato tantissimo rendendosi pericolosissimo.
In gol ancora una volta, l'ottava su undici partite, Diego Milito sblocca il risultato con una bella girata in area di rigore. Nemmeno il tempo di esultare che arriva il parecchio (e che goal!) di Zalayeta, un pò la bestia nera dell'Inter dato che ci segna con qualsiasi maglia e in qualsiasi stadio.
C'era il rischio di disunirsi e invece no, l'Inter continua a macinare gioco e soprattutto con Thiago Motta, leader del centrocampo, che serve due palle fantastiche a Balotelli e Stankovic, ma sfortunatamente non siamo riusciti a metterla dentro.
Ma il gol era nell'aria e arriva ancora da calcio d'angolo, stavolta con Mario Balotelli. Finchè gioca cosi e segna, può anche tifare Milan...
Il secondo tempo è a ritmi molto più blandi, in vista sicuramente di Barcellona, ma così facendo diamo la possibilità al Bologna di crederci e allora meglio andare a chiudere la gara.
Cambiasso lancia lungo Milito, l'argentino temporeggia e serve d'esterno il Chuchu che dopo 50 metri di corsa la mette alle spalle di Viviano. Gol bellissimo, tutto argentino!
Unica nota stonata della serata è l'espulsione a fine gara di Maicon, che nonostante stessimo vincendo per 1-3 trova il modo di insultare il guardalinee e farsi buttare fuori. Con tutti i milioni che guadagna avrebbe anche potuto evitare, dato che dovremo affrontare in successione Fiorentina e Juventus, e c'è il rischio che le salti entrambe per squalifica. In ogni caso credo che la società dovrebbe multarlo perchè l'ha fatta grossa, diciamo così....

Chiusa la pratica Bologna, si inizia a pensare al Barcellona. Ai catalani dovrebbe mancare Lionel Messi e questa, senza nasconderci dietro a un dito, è una grande notizia per noi!

Vamos Inter!

Image Hosted by ImageShack.us

venerdì 20 novembre 2009

Bologna - Inter: la conferenza di Mourinho

Nella conferenza stampa di oggi, non si è parlato solo di Bologna - Inter, ma si sono affrontati anche altri argomenti della settimana. In primis le dichiarazioni di Mario Balotelli, che si è dichiarato milanista sin da bambino. Il problema, come ha detto Mourinho, non è che Mario abbia tifato Milan da bambino, perchè l'importante è che giochi e segni con la nostra maglia, piuttosto il problema è che Balotelli ha rilasciato delle dichiarazioni mediaticamente molto pesanti. Di certo non fa piacere a noi tifosi sentire che il signor Mario Balotelli tifi o abbia tifato Milan...
Restando in tema giovani, Mourinho ha parlato anche di Santon dicendo che mentalmente i due gioiellini nerazzurri non sono ancora pronti per essere decisivi in questa Inter, ma devono ancora lavorare e crescere molto. Può sembrare una banalità, ma se si pensa ai vari Rooney, Cristiano Ronaldo e Messi (per restare ai gironi nostri) o ai vari Maldini, Bergomi e Facchetti (per tornare al passato) un pò di rammarico si ha.
Parlando della partita, il Mister ha detto che non ci sarà tourn over e che i giocatori non dovranno pensare alla gara con il Barcellona perchè non è "la partita della vita".
Io non sono molto d'accordo, perchè abbiamo comunque una rosa molto ampia per poter dosare le forze e presentarci al meglio nelle gare di Champions. E quella col Barça non è certo una passeggiata.
Comunque, come sempre, mi fido del Grande Mou e confido che possano arrivare sia i 3 punti col Bologna, sia magari la qualificazione a Barcellona.
Per chiudere, Mourinho si è rifiutato di rispondere circa la polemica tra Irlanda e Fifa per la partita di qualificazione ai Mondiali vinta dalla Francia con un goal nettamente irregolare. Qui Mou ha fatto bene, perchè sappiamo benissimo come qualsiasi cosa venga detta dal nostro allenatore, diventi una minaccia mondiale XD.

Image Hosted by ImageShack.us

giovedì 19 novembre 2009

Riparte il campionato

Dopo la sosta per le nazionali, riparte il campionato, e i nerazzurri ripartono dal Bologna in una gara difficile, contro una squadra che ha ottenuto una clamorosa vittoria sul Palermo nell'ultima giornata e che sta attraversando un buon periodo di forma. Per l'Inter non sarà una gara facile per diversi motivi. In primis, il Bologna ha potuto preparare questa gara con tranquillità per due settimane, mentre solo oggi sono rientrati gli ultimi nerazzurri, impiegati a tempo pieno nelle rispettive nazionali; in secondo luogo, questa gara precede l'importantissimo match di Champions contro i campioni del Barcellona.
Le principali preoccupazioni sono la mancanza di concentrazione e la stanchezza, ma c'è anche la voglia dei nostri ragazzi di mantenere il distacco di 5 punti sulla Juventus, che se la vedrà invece con l'Udinese.
Mancheranno sicuramente Davide Santon, operatosi ieri al menisco, e Wesley Snejder per un problema muscolare, quindi probabilmente Stankovic giocherà trequartista con Muntari in mediana. La partita sarà diretta dall'arbitro Rosetti, il migliore tra gli italiani a quanto dicono...
Comunque al di là di moduli e giocatori, spero che l'Inter entri in campo con la giusta concentrazione, perchè al Barcellona ci si penserà dopo, magari con una vittoria sulle spalle!

Image Hosted by ImageShack.us

sabato 14 novembre 2009

Si comincia...

Eccoci all'inaugurazione di questo nuovo blog. Mi chiamo Vincenzo e ho deciso di creare questo blog perchè da tempo sentivo la necessità di averne uno per parlare di calcio e in particolar modo dell'Inter, la mia squadra del cuore.
Cercherò di trattare tutte le possibili tematiche che, di volta in volta, si presenteranno nel mondo Inter esprimendo le mie idee e sperando che un giorno ci saranno commenti anche di altri amici, nerazzurri e non.
Si parte evidentemente dalla stagione in corso, in cui l'Inter al momento primeggia sia in Italia che in Europa. La storia ovviamente è differente.
In Italia i nerazzurri dominano come sempre, anzi meglio degli anni passati, numeri alla mano. In Champions, invece, si incontra il solito blocco psicologico che non ci permette di imporci anche in Europa. Nonostante ciò, nel girone più difficile di coppa, siamo primi in classifica dopo la rocambolesca vittoria di Kiev, come ben saprete.
Da qui si parte, dal primato in campionato e dal primato in coppa.
Tutti i lettori, nerazzurri e non, tifosi e non, sono benvenuti!
Ciao a tutti e forza Inter!

Image Hosted by ImageShack.us

Note legali

Dichiaro di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo spazio non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore dello spazio che provvederà alla loro pronta rimozione.

Autore